Legittimazione del comune dissenziente a proporre opposizione ex art. 14-quinquies della legge n. 241 del 1990

L’articolo 14-quinquies della legge 7 agosto 1990, n. 241, prevede che avverso la determinazione motivata di conclusione della conferenza di servizi possono proporre opposizione al Presidente del Consiglio dei ministri “le amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, dei beni culturali o alla tutela della salute e della pubblica incolumità dei cittadini”.

Ai fini dell’esatta applicazione del dettato normativo, la Presidenza del Consiglio dei ministri ha proceduto ad un approfondimento della tematica, coinvolgendo sulla questione il Consiglio di Stato che ha emesso il parere n. 2534 del 30 settembre 2019.

Con tale parere sono stati forniti chiarimenti e indicazioni sulla legittimazione dei comuni a presentare opposizione al Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 14-quinquies e, in particolare, circa la necessità di individuare, in capo ai comuni opponenti, la titolarità della tutela degli “interessi qualificati”, indicati nel citato articolo 14-quinques, poiché la titolarità dell’interesse qualificato costituisce requisito essenziale per proporre opposizione al Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 14-quinques, e permette, quindi, di  azionare legittimamente il procedimento per la risoluzione del dissenso.


Documenti

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri