Feed

17 Giugno 2024

Il Presidente Meloni alla Riunione informale dei membri del Consiglio Europeo

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, partecipa oggi a Bruxelles alla Riunione informale dei membri del Consiglio Europeo.

17 Giugno 2024

Scomparsa del Generale Graziano, il cordoglio del Presidente Meloni

Sono sconvolta dalla notizia della tragica scomparsa del Generale Claudio Graziano. Ci lascia un integerrimo servitore dello Stato, che in tutta la sua vita ha reso onore alla Nazione, alle Forze Armate e alle Istituzioni con dedizione, competenza e professionalità. Desidero rivolgere, a nome mio e di tutto il Governo, il cordoglio e la vicinanza alla sua famiglia e ai suoi cari.

16 Giugno 2024

Il Presidente Meloni al Vertice sulla Pace in Ucraina

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha tenuto un intervento a Lucerna, in Svizzera, al Vertice sulla pace in Ucraina.

English | Italiano

Intervento del Presidente Meloni al Vertice sulla Pace in Ucraina

Domenica, 16 Giugno 2024

A seguire, la traduzione di cortesia in italiano.

***

Dear Viola, dear Volodymyr, colleagues,

844 days have passed since the beginning of the Russian war of aggression. 844 days of heroic Ukrainian resistance and of an unwavering unity which never failed to support the Ukrainian people. 

Defending Ukraine means defending that system of rules that holds the international community together and protects every Nation. If Ukraine had not been able to count on our support and therefore would have been forced to surrender, today we would not be here to discuss the minimum conditions for a negotiation. We would be just discussing the invasion of a sovereign state and we can all imagine with what consequences.

Dear colleagues,
Peace does not mean surrender – as President Putin seems to suggest with his latest declarations. It does not. Confusing peace with subjugation would set a dangerous precedent for everyone. Today’s Conference represents a bold initiative, which dismantles certain narratives, or propaganda. No one can question the absolute importance of the three crucial topics of global interest which have been discussed today - nuclear safety, food security and the human dimension, in particular the return of displaced children. They matter to us all, and I think – also from today’s discussion – that there is much we can build from here.

Italy has always done its part, and it does not intend to walk away. However, we need to join all our possible efforts, in order to help Ukraine look towards the future. That’s exactly what we did at the G7 Summit under the Italian Presidency, where we just reached an agreement to make approximately USD 50 billion of additional financial support available to Kyiv by the end of the year, leveraging the extraordinary revenues of the immobilized Russian sovereign assets. This is an extremely significant achievement, the result of great teamwork done by the G7 leaders.  

Dear Volodymyr, I am here to tell you that you can continue to count on us, for as long as it takes. We will continue every possible effort to keep all the international partners engaged, as they are also suffering from the global consequences of this conflict. We intend to do everything in our possibilities to transform a future of peace and freedom for Ukraine into a reality. 

Thank you.

***

Cara Viola, caro Volodymyr, colleghi,
sono trascorsi 844 giorni dall’inizio della guerra di aggressione russa. 844 giorni di eroica resistenza dell’Ucraina e di un’incrollabile unità che non ha mai smesso di sostenere il popolo ucraino.
Difendere l’Ucraina significa difendere quel sistema di regole che tiene insieme la comunità internazionale e protegge ogni Nazione. Se l’Ucraina non avesse potuto contare sul nostro supporto e, pertanto, fosse stata costretta ad arrendersi, oggi non saremmo qui a discutere le condizioni minime per un negoziato. Saremmo qui a discutere soltanto dell’invasione di uno Stato sovrano e possiamo tutti immaginare con quali conseguenze. 

Cari colleghi,
pace non significa resa – come il Presidente Putin sembra suggerire con le sue ultime dichiarazioni. Non è così. Confondere la pace con la sottomissione creerebbe un pericoloso precedente per tutti. La Conferenza di oggi rappresenta un’iniziativa coraggiosa, che smantella certe narrative o propagande. Nessuno può mettere in discussione l’importanza assoluta dei tre temi cruciali di interesse globale che sono stati discussi oggi – sicurezza nucleare, sicurezza alimentare e dimensione umana, in particolare il ritorno dei minori sfollati. Sono importanti per tutti noi, e penso – anche sulla base della discussione odierna – che ci sia tanto che possiamo costruire a partire da qui.
L’Italia ha sempre fatto la sua parte, e non intende sfilarsi. Tuttavia, abbiamo bisogno di unire tutti i nostri possibili sforzi, per aiutare l’Ucraina a guardare al futuro. E’ esattamente ciò che abbiamo fatto al Vertice del G7 sotto la Presidenza italiana, in occasione del quale abbiamo raggiunto un accordo per mettere a disposizione di Kiev, entro la fine dell’anno, un ulteriore sostegno finanziario pari a circa USD 50 miliardi, valorizzando le entrate straordinarie  derivanti dai beni sovrani russi immobilizzati. E’ un risultato estremamente significativo, frutto di un grande lavoro di squadra realizzato dai Leader dei G7.

Caro Volodymyr, sono qui per dirti che puoi continuare a contare su di noi, per tutto il tempo necessario. Continueremo a compiere ogni possibile sforzo per far proseguire l’impegno di tutti i partner internazionali, perché anche loro stanno patendo le conseguenze globali di questo conflitto. Intendiamo fare tutto ciò che ci è possibile per trasformare un futuro di pace e libertà per l’Ucraina in una realtà.
Grazie.

16 Giugno 2024

Il Presidente Meloni al Vertice sulla Pace in Ucraina

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha tenuto un intervento a Lucerna, in Svizzera, al Vertice sulla pace in Ucraina.

16 Giugno 2024

Il Presidente Meloni al Vertice sulla Pace in Ucraina

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha tenuto un intervento a Lucerna, in Svizzera, al Vertice sulla pace in Ucraina.

Vertice G7, la conferenza stampa del Presidente Meloni

Sabato, 15 Giugno 2024

INTRODUZIONE DEL PRESIDENTE MELONI

Grazie a tutti per essere qui. Scusatemi per il piccolo ritardo, è stata anche questa una mattinata con molte cose da fare.

Chiaramente molto volentieri faccio con voi un bilancio finale del Summit dei Leader del G7 sotto Presidenza italiana. 

Non posso non iniziare dicendo che è stato per me e per l’Italia nel suo complesso un onore presiedere questo Vertice, presiedere il G7 nell'arco, come sapete, di tutto il 2024. 

Così come non posso non partire da diversi ringraziamenti che vale la pena di fare. 
Chiaramente devo ringraziare tutta la squadra che ha, in modo così efficace, seguito l'organizzazione di un evento estremamente complesso. 

Così come non posso non ringraziare chi ha curato tutti i negoziati diplomatici, a partire dall'ambasciatrice Elisabetta Belloni, con tutta la sua squadra. Erano negoziati molto complessi. 

Voglio ringraziare anche il mio Consigliere diplomatico, l'ambasciatore Fabrizio Saggio, e poi chi ha fatto sì che un programma molto cadenzato, molto denso, alla presenza di numerose delegazioni - come sapete particolarmente il nostro outreach era molto nutrito -, potesse svolgersi sostanzialmente senza problemi e quindi vanno ringraziati tutti coloro che si sono occupati in generale dell'organizzazione di questo evento sotto tutti i suoi aspetti. 

Devo ringraziare chiaramente tutte le Amministrazioni dello Stato italiano, tutti i funzionari che a ogni livello, in ogni articolazione dello Stato italiano hanno contribuito al successo di questa iniziativa perché, senza timore di smentita, di un successo si è trattato. 

Un ringraziamento particolare, voglio rivolgerlo alle forze di polizia, alle forze armate, che hanno assicurato che tutto si svolgesse nella massima sicurezza. 

Mi permetto di ringraziare anche voi giornalisti, tutti gli operatori dell'informazione. In questi giorni avete fatto la spola un po’ tra Bari e Borgo Egnazia, avete seguito i lavori, li avete raccontati all'Italia, li avete raccontati al resto del mondo. Era per noi ovviamente molto, molto prezioso. 

Sono grata ai pugliesi, sono grata alle istituzioni locali: ci hanno accolto in modo straordinario. Spero che, anche grazie a questo Vertice, questa terra meravigliosa possa essere ancora più riconosciuta, apprezzata, conosciuta, amata a livello mondiale come merita di essere. 

Direi che si è trattato complessivamente di un ottimo gioco di squadra, che rende onore all'Italia nel suo complesso. L'Italia ha dimostrato ancora una volta, caso mai ce ne fosse bisogno, la sua capacità di essere all'altezza e di organizzare eventi di questa straordinaria rilevanza. Deve essere motivo d'orgoglio per tutto il popolo italiano. Noi spesso ci dimentichiamo di ciò di cui siamo capaci, ma oggi è giusto sottolinearlo perché credo che oggi sia sotto gli occhi di tutti. 

Il Vertice dei Leader si è concluso ieri, come sapete, con l'adozione formale di una Dichiarazione finale che era già stata definita il giorno prima. E mi piace sottolinearlo perché non accade spesso, e credo sia un elemento che dimostra l'unità di intenti del G7. 

La Dichiarazione finale è un documento estremamente ampio, estremamente significativo. Contiene molti impegni su altrettante sfide globali che siamo chiamati ad assumerci in questo tempo difficile. Si tratta di impegni concreti, che riguardano questioni dirimenti per il nostro presente, anche per il nostro futuro, e io credo fosse fondamentale ribadire ancora una volta la nostra compattezza di fronte a queste sfide.

Quindi chiaramente un ringraziamento va anche a tutti i miei colleghi - quindi Joe, Emmanuel, Rishi, Olaf, Justin, Fumio, Ursula e Charles -, alle loro squadre, ai loro sherpa, per il contributo positivo, fondamentale, che hanno dato alla riuscita di questo Vertice. 

E ringrazio anche i tanti Leader delle Nazioni e delle Organizzazioni internazionali che hanno partecipato ieri alla Sessione outreach, una delle più nutrite, delle più rappresentative di sempre, che credo abbiano reso questo Vertice ancora più significativo.

Noi abbiamo ospitato i vertici di ONU, Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale, Banca Africana di Sviluppo, Ocse, oltre ovviamente il Presidente Zelensky, che come sapete ha preso parte durante la prima giornata alla Sessione speciale sull'Ucraina. Ma sono intervenuti anche il Leader del Brasile che è anche Presidente di turno del G20, dell'India, il Presidente di turno dell'Unione Africana, quindi la Mauritania, diverse Nazioni africane e del Mediterraneo - Algeria, Giordania, Kenia, Tunisia e Turchia -, il Golfo con gli Emirati Arabi Uniti. 
 

E credo che questo fosse un altro segnale molto importante da dare, cioè che il G7 non vuole essere - come abbiamo detto ieri durante la sessione Outreach - una fortezza chiusa, non è una realtà che deve difendersi da qualcosa o da qualcuno, è invece un'offerta di valori che vuole aprirsi al mondo per cercare soluzioni legate allo sviluppo insieme. Penso che fosse importante per cercare di smontare quella narrazione che vorrebbe l'Occidente contro il resto del mondo. Non è così e credo che questo approccio sia stato confermato durante la Presidenza italiana. Sono orgogliosa che un racconto completamente diverso sia stato fatto proprio sotto di essa.

Abbiamo vissuto ieri una giornata straordinaria. Io non ho difficoltà a definirlo un momento storico con la presenza del Pontefice, che non smetterò mai di ringraziare abbastanza per il grande regalo che ci ha fatto ieri, non solo partecipando al Vertice: era la prima volta in quasi 50 anni di storia del G7 che un pontefice prendesse parte ai lavori. Lo voglio ringraziare per questo, lo voglio ringraziare chiaramente per averci regalato il suo preziosissimo punto di vista sul tema dell'intelligenza artificiale e anche per il rispetto che ha dimostrato rimanendo oltre tre ore ad ascoltare gli interventi di tutti i Leader in una sessione che era molto lunga. Io l'ho trovato un messaggio straordinario e davvero sarò eternamente grata al Santo Padre per questo regalo davvero importante che ci ha fatto, per questo messaggio straordinario che ha voluto mandare.

Veniamo ai contenuti. Con la Dichiarazione finale il G7 ribadisce chiaramente il suo impegno compatto per difendere il sistema internazionale di regole che è basato sulla forza del diritto, sistema che è stato messo in discussione, che è stato messo a repentaglio con la guerra d'aggressione russa all'Ucraina, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti perché i focolai di crisi nel mondo continuano a moltiplicarsi. Differentemente da quanto qualcuno sperava o da quanto qualcuno preconizzava, intendiamo continuare a sostenere l'Ucraina e abbiamo anzi scelto di rafforzare il nostro impegno e le diverse linee di azione con un approccio che continua a essere a 360 gradi per aiutare la Nazione aggredita a guardare al futuro. 

Il G7 ha ribadito questo impegno, ha raggiunto l'accordo che era tutt'altro che scontato per un sostegno finanziario aggiuntivo di circa 50 miliardi di dollari collegato agli extraprofitti derivanti dall'immobilizzazione dei beni russi. Si tratta di un passaggio politico fondamentale, di un accordo dal significato estremamente importante che ora chiaramente dovrà essere definito dal punto di vista tecnico nelle prossime settimane tenendo presente il quadro di riferimento già adottato a livello di Unione europea. 

Confermare il nostro sostegno all'Ucraina per il tempo che sarà necessario rimane anche la condicio sine qua non per avviare qualsiasi iniziativa diplomatica per la soluzione della crisi, anche questo voglio ribadire, cioè la precondizione - lo è dall'inizio - per qualsiasi soluzione di pace. Se oggi si aprirà in Svizzera la Conferenza di pace promossa dal Presidente Zelensky, alla quale partecipa anche l'Italia - è già lì presente il nostro Vice Premier e Ministro degli Esteri, Antonio Tajani - è perché noi con il nostro sostegno deciso, compatto, in questi due anni abbiamo consentito che l'Ucraina non fosse invasa. Vale la pena di ricordarlo sempre. 

Nella Dichiarazione si ritrova anche la piena sintonia sul tema del conflitto in Medio Oriente. Abbiamo confermato il nostro sostegno alla preziosa proposta di mediazione, portata avanti in particolare dagli Stati Uniti, per un cessate il fuoco immediato a Gaza, il rilascio di tutti gli ostaggi e un significativo aumento dell'assistenza umanitaria alla popolazione civile di Gaza. Sono temi dei quali chiaramente io ho parlato anche nell'incontro bilaterale che ho avuto ieri con il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e con diversi altri Leader anche nella mattinata di oggi. 

Voglio dire che sono particolarmente fiera - voglio dirlo a nome dell'Italia - dell'impegno che l'Italia ha saputo dimostrare in questi mesi rispetto alla crisi medio orientale, particolarmente sul fronte umanitario - voglio ribadirlo - perché è un impegno che ci viene riconosciuto da tutti i nostri interlocutori.

Il G7 ha anche ribadito ogni sforzo per scongiurare ogni possibilità di escalation nella Regione, per una soluzione politica duratura della crisi. È stato oggetto delle nostre interlocuzioni con la prospettiva della soluzione a due Stati. È un impegno ribadito anche dalle Nazioni che sono state invitate alla Sessione outreach. 

Come sapete, un focus che ha caratterizzato la Presidenza italiana riguarda particolarmente il rapporto con il Continente africano. Io sono molto fiera del fatto che il G7 abbia condiviso un approccio italiano, un approccio su cui l'Italia ha cercato di essere un punto di riferimento dall’inizio del mandato di questo Governo. Il G7 decide di unire gli sforzi per costruire un nuovo modello di sviluppo e di cooperazione con le Nazioni africane, basato su un partenariato da pari a pari, affinché queste Nazioni possano crescere e prosperare con le risorse che possiedono. 

Noi abbiamo condiviso ad alto livello diverse iniziative su questo fronte, soprattutto lavorando per rafforzare la sinergia tra progetti diversi e perfettamente compatibili. Da una parte chiaramente il Piano Mattei per l'Africa, iniziativa tutta italiana, dall'altra il Global Gateway dell'Unione europea e, dall'altro ancora, la Partnership for Global Infrastructure and Investment del G7, iniziativa avviata due anni fa. 

Voi avete visto che sulla sinergia tra questi tre piani di investimenti in Africa noi abbiamo anche organizzato un Side event, con il coinvolgimento anche del settore privato, di aziende leader italiane e statunitensi, nonché delle Banche internazionali di sviluppo. Credo che questa iniziativa abbia rappresentato uno dei fiori all'occhiello di questo Summit dei Leader del G7, perché offre la dimensione della concretezza con la quale noi vogliamo lavorare su questi temi. 

Di Africa si è parlato molto, si è parlato in tantissime iniziative internazionali, si è scritto in moltissimi documenti, ma io credo che quello che fa la differenza in questo tempo sia dimostrare che i documenti non finiscono lì e che a quei documenti seguono fatti concreti.

Quello che noi stiamo facendo è esattamente questo. Abbiamo rafforzato gli impegni pregressi per lo sviluppo sostenibile, ma soprattutto abbiamo lanciato una serie di nuove iniziative importanti, molto concrete nel campo della sicurezza alimentare, nel campo dell'energia, nel campo delle tecnologie digitali, delle infrastrutture. E credo che questo sia ciò che fa la differenza. 

E quindi cito, velocemente: la Puglia Food Security Initiative, che ha l'obiettivo di rafforzare la produzione agricola in Africa e rendere più sostenibili, più resistenti i sistemi alimentari di quelle Nazioni; la Energy for Growth in Africa, per favorire lo sviluppo di infrastrutture per la produzione e distribuzione di energia verde. È un'iniziativa adottata dal G7, alla quale hanno aderito anche sette Nazioni africane e alcune Nazioni che erano parte dell'outreach invitato ieri. Intendiamo chiaramente estenderla, estenderla in maniera trasparente, in maniera aperta. Aggiungo poi: il G7 Hub on Sustainable Use of Land, per promuovere l'uso sostenibile delle terre; l'African Virtual Investment Platform, la G7 Platform for Green Investments, per incoraggiare gli investimenti nel Continente con un'attenzione particolare rivolta al tema delle tecnologie pulite. In ultimo, cito anche la creazione di un Centro per sostenere l'avvio di ecosistemi digitali in Africa, in particolare nel campo dell'intelligenza artificiale. Sono progetti ad alto potenziale che intendiamo sviluppare in maniera sinergica, sempre agganciandoli al Global Gateway e al PGII, e sempre ovviamente anche al Piano Mattei. 

Molto importante è anche l'impegno del G7 per aumentare la partecipazione dell'economia africana e nelle catene globali del valore, nell'ottica di favorire lo sviluppo e la distribuzione della ricchezza di quelle Nazioni. 

Come vedete, dicevo, non si tratta semplicemente di documenti: ai nostri impegni abbiamo cercato sempre di far seguire anche delle iniziative concrete che da questo Vertice potessero partire. 

Lavorare a un approccio nuovo nella cooperazione con il Continente africano, come voi sapete, dal mio punto di vista è anche il modo migliore di affrontare un'altra grande emergenza globale, che è il governo dei flussi migratori, perché questo G7, sempre su impulso italiano, per la prima volta nella sua storia ha parlato anche di governo dei flussi migratori. 

Nella dichiarazione finale viene ribadito infatti l'impegno comune per affrontare le cause profonde della migrazione, per garantire quello che secondo noi è il primo dei diritti che va garantito, che è il diritto a non dover emigrare, a non dover essere costretti a lasciare la propria terra, la propria casa, potendo trovare in quella terra e in quella casa le condizioni per la propria realizzazione. 

Ma abbiamo preso impegni anche sull'altra faccia della medaglia di questo problema che è la lotta contro i trafficanti di esseri umani. Abbiamo convenuto che sia necessario costruire un coordinamento a livello internazionale, una coalizione globale contro i trafficanti di esseri umani mettendo a sistema gli sforzi per contrastare una piaga che alimenta i flussi dell'immigrazione illegale che di fatto per noi rappresentano una nuova forma di schiavitù. Io sono particolarmente fiera della discussione dei risultati su questo tema perché non era mai stato trattato in questo Vertice, non era mai stato trattato con tanta chiarezza. Abbiamo portato un modello che è tutto italiano, che nasce da due grandi italiani, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che nel combattere la mafia chiedevano di seguire i soldi, “follow the money”.

Oggi le Nazioni Unite ci dicono che la tratta di esseri umani è diventata l'attività più redditizia al mondo per le reti criminali, ha superato il traffico di armi eguaglia il traffico di droga. Ecco, io credo che se noi colpiamo al cuore di queste organizzazioni criminali seguendo i proventi dei loro traffici, questo può fare la differenza della nostra capacità di combattere questi schiavisti del terzo millennio. 

Come sapete, una parte altrettanto significativa dei nostri lavori ha riguardato la questione dell'intelligenza artificiale. L'intelligenza artificiale è stata voluta dalla Presidenza italiana come un'altra delle nostre priorità, come abbiamo detto nei documenti e durante i due giorni del Vertice, si tratta di una delle sfide più complesse e più impattanti che abbiamo di fronte. 

Il nostro obiettivo è garantire che questa nuova tecnologia, nel momento in cui la sviluppiamo, rimanga in ogni caso controllata dall'uomo, mantenga l'uomo come suo ultimo fine. Su questo chiaramente il Santo Padre ha dato un suo contributo straordinario, anche morale, dando però concretezza al concetto che era stato promosso proprio dalla Santa Sede di “algoretica”, cioè dare un'etica agli algoritmi. Siamo riusciti a far adottare l'iniziativa, nelle nostre conclusioni, di un marchio che consente alle imprese che adottano un codice di condotta di essere riconoscibili dai cittadini e dai consumatori.

Abbiamo avviato, come avevamo annunciato, un focus sull'impatto che l'intelligenza artificiale può avere nel mercato del lavoro, consapevoli come siamo che questa rivoluzione tecnologica avrà delle conseguenze su tutti i settori e sulla vita, potenzialmente di milioni e milioni di lavoratori. 

La dichiarazione si occupa di molti altri temi, Indo-Pacifico, sicurezza economica, catene di approvvigionamento, si occupa del nesso clima-energia. 

Siamo consapevoli chiaramente che le grandi sfide del mondo di oggi siano pienamente interconnesse, per questo abbiamo voluto mantenere, costruendo sui risultati della Presidenza giapponese dello scorso anno, abbiamo mantenuto alte le priorità dei temi legati all'Indo-Pacifico, alla sicurezza economica, con l'obiettivo di dare un messaggio chiaro, particolarmente alla Cina. Noi siamo aperti al dialogo, però le nostre imprese devono poter competere ad armi pari, perché il mercato può essere libero solamente se è anche equo. Quindi libero mercato ma in un quadro di concorrenza leale.

Abbiamo riservato una particolare attenzione anche al Mediterraneo, che è il nostro mare, che ha ritrovato una sua centralità. Si tratta del mare di mezzo tra i due grandi spazi marittimi del globo, come abbiamo detto in questi giorni, l'Atlantico da una parte, l'Indo-Pacifico dall'altra, passando per il Golfo Persico. Una centralità che può dare l'occasione all'Italia, se sfruttata bene, anche di diventare uno snodo verso il resto d'Europa, non solo dal punto di vista energetico. Noi abbiamo parlato molto di energia in questi mesi, ma penso anche alla questione dei dati, che sono “l'energia” delle nostre società digitali, lo saranno progressivamente sempre di più. 

Credo che ci siano progetti, come ad esempio il progetto Blue-Raman, che collegherà l'India alle economie europee, passando per il Mediterraneo, sia uno di quei progetti strategici che possono fare scuola. 
Tra i temi che affronta la Dichiarazione finale c'è ovviamente la questione legata ai cambiamenti climatici, questione sulla quale è necessario mantenere alta l'ambizione in termini di risultati da raggiungere senza però adottare posizioni ideologiche o preconcetti. La sfida per l'Italia rimane sempre quella della neutralità tecnologica.

Dobbiamo lavorare anche come G7 con un approccio pragmatico che ci consenta di mantenere gli impegni che abbiamo preso a livello internazionale, da ultimo alla COP28 di Dubai, tenendo sempre presenti quelle che sono le esigenze del nostro sistema produttivo e dei nostri cittadini. Non possiamo cioè cadere nel paradosso che per proteggere l'ambiente finiamo per avvantaggiare Nazioni che sono in competizione con noi e che non si fanno grandi problemi, ad adottare pratiche commerciali molto aggressive, spesso proprio a danno dell'ambiente. 

In ambito G7 abbiamo concordato anche un forte impegno politico in favore di un sistema di tassazione internazionale più giusto e stabile, la famosa Global Minimum Tax, è un tema al quale, come sapete, io tengo particolarmente, al quale ho lavorato come Presidente di turno del Forum. Ieri abbiamo ascoltato il Segretario Generale dell'Ocse spiegarci che la Convenzione multilaterale che è stata negoziata proprio in ambito Ocse, a Parigi, sulla tassa minima globale, è pronta per essere firmata sul piano tecnico. Il G7 e l'Ocse su questo tema hanno lavorato in parallelo anche con il G20. Tocca adesso agli Stati esprimere la volontà politica di aderire. Quella dell'Italia ovviamente c'è e mi auguro che sia fatto al più presto. 

Questi sono i contenuti principali di un Vertice, e di un documento che, come vedete, sono stati molto densi. Io sono molto molto soddisfatta di questo lavoro.

Nel corso di questo Vertice ho avuto anche molti incontri bilaterali. A partire da quello con il Presidente Biden, con il quale ho discusso soprattutto dei principali scenari di crisi internazionale, del rafforzamento anche della nostra cooperazione bilaterale, con riferimento agli investimenti nel settore delle nuove tecnologie. Voglio ricordare che nell'ultimo anno o poco più, l'export italiano negli Stati Uniti è cresciuto di quasi 7 miliardi. Dimostra come stia crescendo una cooperazione che è per noi molto preziosa.

Ho avuto colloqui con il Primo ministro Trudeau, con il Presidente Lula, chiaramente per assicurare continuità tra il lavoro della Presidenza italiana di quest'anno e il lavoro della Presidenza canadese del prossimo anno, tra il lavoro del G7 e il lavoro del G20 che, come sapete, quest'anno ha la Presidenza del Brasile. Con il Canada abbiamo anche adottato il Piano d'azione per rafforzare la cooperazione bilaterale, così come con il Giappone, con il Primo Ministro Kishida, con il quale pure ci siamo incontrati. 

Nelle mie discussioni invece con il Primo Ministro Modi ho esplorato, abbiamo esplorato modalità per approfondire il nostro partenariato strategico che è stato avviato nel 2023. Con il Presidente Algerino Tebboune abbiamo fatto il punto sull'avanzamento particolarmente dei progetti pilota che sono legati al Piano Mattei per l'Africa.

Il Piano Mattei per l'Africa è stato anche al centro del colloquio con il Presidente della Banca Mondiale e con il Presidente della Banca di Sviluppo Africana. 
Insieme alla Banca Mondiale abbiamo adottato una Dichiarazione di intenti che ci permetterà di realizzare iniziative congiunte di sviluppo nelle Nazioni africane; con il Presidente della Banca di Sviluppo Africana Adesina abbiamo lanciato nuovi strumenti finanziari per l'attuazione del Piano Mattei, soprattutto per incoraggiare gli investimenti privati nel continente. E questi sono alcuni degli incontri che ho avuto nel corso del Vertice, ma è evidente che ho avuto scambi con tutti i Leader presenti. Quindi cito anche il Re di Giordania, il presidente Milei, lo Sceicco Mohammed bin Zayed, il Presidente del Kenya Ruto, il Segretario Generale delle Nazioni Unite. Insomma, abbiamo parlato in questi giorni con tutti i Leader. Ho avuto anche la possibilità di uno scambio con il Presidente di turno dell'Unione africana, che è il Presidente della Mauritania, che, come sapete, è stato il nostro keynote speaker nella sessione Outreach, proprio sul tema del continente africano.

Si è chiuso il Vertice dei leader, però i lavori della Presidenza italiana proseguono. Nelle prossime settimane, nei prossimi mesi, si svolgeranno altre riunioni ministeriali nelle quali chiaramente continueremo ad approfondire le nostre priorità. È un impegno iniziato il primo gennaio che da qui alla fine di quest'anno, vedrà l'Italia ospitare 21 riunioni ministeriali, più di 130 riunioni di gruppo di lavoro tecniche, oltre agli incontri dei Gruppi di impegno nella società civile, cito il Civil 7, Women 7, Youth 7, Labour 7, il Business 7, e per la prima volta voglio ricordare anche che la Presidenza italiana quest'anno ha voluto organizzare riunioni specifiche dedicate al tema della difesa, e al tema della disabilità. Lo considero un altro fiore all'occhiello della Presidenza italiana, non era mai accaduto che questo tema avesse una sua specifica riunione ministeriale nell'ambito del G7, così come il turismo. 

Sono molto molto fiera del lavoro che abbiamo fatto, sono molto fiera del successo di questo Vertice. L'Italia in questi giorni è chiaramente stata al centro del mondo, gli occhi del mondo sono stati puntati su di noi, era una grande responsabilità ma sono davvero orgogliosa di come la nostra Nazione sia riuscita ancora una volta a stupire e a tracciare la rotta. Quindi grazie ovviamente a tutti quelli che ci hanno lavorato perché è stato uno straordinario gioco di squadra. Grazie. 

15 Giugno 2024

Vertice G7, incontro bilaterale Meloni - Banga (Presidente Banca Mondiale)

Lo scambio di vedute si è incentrato sulle prospettive della collaborazione con particolare riferimento alle sinergie con il Piano Mattei per l’Africa, come emerso nel corso dell’evento collaterale sulla Partnership for Global Infrastructure and Investment (PGII) al quale il Presidente Banga ha preso parte.

15 Giugno 2024

Vertice G7, 15 giugno 2024

Nella terza giornata del Vertice in Puglia, dedicata ai bilaterali, il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha incontrato il Presidente del Gruppo della Banca africana di sviluppo (AfDB) Akinwumi A. Adesina, il Primo Ministro del Canada Justin Trudeau, il Presidente della Repubblica Algerina Democratica e Popolare Abdelmadjid Tebboune, e il Presidente della Repubblica Federale del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva. A conclusione della giornata, la conferenza stampa del Presidente Meloni.

15 Giugno 2024

Vertice G7, incontro bilaterale Meloni-Lula

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto un incontro bilaterale con il Presidente della Repubblica Federale del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva. Il colloquio ha fatto emergere la comune volontà di dare continuità ai risultati del Vertice G7 di Borgo Egnazia in vista del Summit G20 di Rio de Janeiro, in una prospettiva di sinergia tra le due Presidenze, a partire dai temi dello sviluppo dell’Africa, dell’intelligenza artificiale, della transizione energetica e della sicurezza alimentare.

Pagine