Le sale degli Arazzi

La sala delle Repubbliche marinare è collegata all’antico Palazzo Aldobrandini tramite due saloni detti "degli arazzi", che si affacciano entrambi su via dell’Impresa. 

Nella prima, adibita a sala riunioni, troviamo alle pareti due splendidi arazzi seicenteschi di Bruxelles raffiguranti storie di Noè (il "Diluvio universale" e l’"Ebbrezza di Noè") e due quadri ottocenteschi rappresentanti episodi risorgimentali (B. Pontremoli 1864 e G. Vandone 1853). 

La prima Sala degli Arazzi

La seconda sala, adibita ad anticamera del Segretario generale della Presidenza del Consiglio, è arredata con  divani e poltrone  in legno intagliato e dorato della seconda metà del XVIII secolo.
Alle pareti, tre arazzi della serie di Alessandro Magno di Ian Leyniers  e due consolle in lacca e oro con gambe ornate da mascheroni.

Dal qui si torna alla Sala dei Mappamondi che fa da cerniera ai due edifici e chiude il palazzo in un rettangolo che non lascia traccia della discontinuità che ha caratterizzato la costruzione dell’edificio.

La seconda Sala degli Arazzi