English | Italiano

Versailles, punto stampa del Presidente Draghi

Giovedì, 10 Marzo 2022

Presidente Draghi: “Poco fa ho avuto un lungo incontro con il presidente Macron, abbiamo discusso della guerra e delle conseguenze per l’Europa e per l’Italia. Italia e Francia sono allineate con il resto dell’Unione europea, sia nella risposta alle sanzioni sia nel sostegno per i nostri Paesi che queste sanzioni necessariamente comporteranno. Abbiamo chiesto tutti insieme tante volte al presidente Putin di cessare le ostilità, in particolare i bombardamenti sui civili. Continueremo a farlo.
La risposta a questo dramma non può che essere Europea, come è stata la risposta alla Russia. Quindi anche per quanto riguarda il sostegno dell’economia europea e il sostegno dell’economia italiana dovrà essere una risposta europea e italiana. 
L’economia europea cresce ancora, ma c’è stato un rallentamento. Osserviamo mancanza di materie prime, osserviamo rallentamenti non soltanto nel campo energetico ma anche nel campo agro-alimentare, nel campo delle materie prime riguardanti la produzione di acciaio, di carta, di ceramica. E’ una situazione italiana ma anche una situazione europea. Dobbiamo rispondere a questo, sostenendo le imprese, il potere di acquisto delle famiglie con la stessa convinzione, la stessa rapidità con cui abbiamo sostenuto la risposta alla Russia".

Domanda: La nostra economia rischia una recessione?
Presidente Draghi: "La nostra economia non è in recessione, la nostra economia continua a crescere ma c’è stato un rallentamento. In Consiglio dei ministri ho detto che dobbiamo affrontare queste strozzature nell’offerta, questa mancanza di materie prime subito in tutti i settori, sostenendo le famiglie subito ma anche diversificando le fonti di approvvigionamento".

Domanda: Questi sforzi economici possono essere finanziati con un debito comune a livello europeo come propone la Francia?
Presidente Draghi: “Ne parleremo oggi pomeriggio, ripeto Italia e Francia sono completamente allineate anche su questo fronte”

Domanda: Prime Minister, what’s the biggest concern please, the impact of this war on the European economy, hitting voters, or the death and destruction in Ukraine?
Presidente Draghi: "The major impact is the destruction in Ukraine. We are aware that this will entail costs for the European economy, but the answer is not to relieve pressure on Russia, on President Putin. The answer is to work together, to sustain and support our economies, support the purchasing power of households, support our companies"