Beni strumentali, semplificate le procedure per le imprese

9 Marzo 2021

Nuove modalità di erogazione per le agevolazioni previste dalla “Nuova Sabatini”, la misura che ha l’obiettivo di rafforzare il sistema produttivo e competitivo delle PMI, attraverso l’accesso al credito finalizzato all’acquisto, o acquisizione in leasing, di beni materiali (macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature nuovi di fabbrica e hardware) o immateriali (software e tecnologie digitali) ad uso produttivo.

Le novità sono state introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 (L. 30 dicembre 2020, n. 178), e chiarite con successiva circolare del Ministero dello Sviluppo economico.

In sintesi, per tutte le domande presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a partire dal 1° gennaio 2021, l’erogazione del contributo è effettuata in un’unica soluzione, indipendentemente dall’importo del finanziamento deliberato, anziché in sei quote annuali come previsto dall’impianto originario dello strumento agevolativo. A tale scopo, la Legge di Bilancio ha stanziato ulteriori 370 milioni di euro per il 2021.

Rimane, inoltre, confermata l’erogazione del contributo in un’unica soluzione anche per le domande presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari:

  • dal 1° maggio 2019 e fino al 16 luglio 2020, qualora presentino un finanziamento deliberato di importo non superiore a 100 mila euro
  • dal 17 luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, qualora presentino un finanziamento deliberato da banche o intermediari finanziari di importo non superiore a 200 mila euro.

Informazioni dettagliate sul sito del Ministero dello Sviluppo economico. 

Fonte: Ministero dello Sviluppo economico
 

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri