Emblema della Repubblica

Primo piano

Al lavoro su molte norme giustizia e sicurezza

Roma, 26 febbraio 2015.
Il decreto legge Ilva in aula alla Camera, il ddl 'ecoreati' in aula del Senato. Apre così la giornata parlamentare che vede sempre in primo piano tra i lavori i decreti legge del Governo, tra cui anche il cosiddetto dl milleproroghe. In primo piano, inoltre, anche i numerosi provvedimenti in tema di giustizia e sicurezza su cui stanno lavorando le commissioni. Leggi il calendario redatto dal dipartimento.

Notizie

Governo pone questione di fiducia su dl milleproroghe

26/02/2015 - ll governo pone la questione di fiducia sul decreto Milleproroghe così come approvato alla Camera: lo ha annunciato in Senato a conclusione della discussione generale dell’Aula il ministro per i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi.

Riforme, Italia adegua norme per responsabilità civile dei giudici

25/02/2015 - Diventa legge la riforma sulla responsabilità civile dei magistrati: in estrema sintesi chi ha subito un danno dal sistema giudiziario potrà chiedere i danni allo Stato, che ha l'obbligo di rivalersi sul magistrato. Il testo è composto da 7 articoli che modificano la cosìddetta legge Vassalli del 1988: ferma restando la responsabilità dello Stato viene introdotto il concetto di responsabilità del giudice anche per adeguare l’Italia alla normativa UE.

Decreti in evidenza

24/02/2015 -






Al via l’iter delle norme antiterrorismo e rifinanziamento missioni italiane all'estero: il testo all’esame delle commissioni Giustizia e Difesa. Inserite nel ddl anche l'istituzione della direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e delle direzioni distrettuali. Si tratta di uno dei 5 decreti legge del governo in iter di conversione parlamentare: consulta le tabelle per saperne di più.

Calendario: l'appuntamento è da lunedì 23

20/02/2015 - Anticipazione del dipartimento sul calendario parlamentare della prossima settimana. Ecco l'agenda dei lavori previsti a partire da lunedì 23 febbraio in aula e in commissione presso la Camera e il Senato. Per leggere il documento fare click sul titolo della notizia.

Camera: via libera a decreto Milleproproghe

20/02/2015 - E' stato approvato dall'Aula della Camera in via definitiva il decreto sulla proroga dei termini previsti da disposizioni legislative. I voti sono stati 280 a favore, 96 i contrari. Il provvedimento passerà ora al Senato che dovrà licenziare il testo in via definitiva entro il 1° marzo.

Focus

Libia, la situazione descritta dal ministro degli Esteri

Il Governo ha svolto l'informativa urgente chiesta dai partiti sulla situazione in Libia e gli sviluppi in corso. E' seguito il dibattito con l'intervento di un rappresentante per gruppo. Alla Camera il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni.

Intervento del ministro e dibattito dell'Aula


Riflettori accesi sulla riforma fiscale

Sono quattro i decreti legislativi che il governo intende presentare a fine febbraio rispettivamente sui giochi, sulla fatturazione elettronica, su fiscalità internazionale e ruling, e sul catasto edilizio. Lo ha detto in questi giorni in audizione in commissione Finanze alla Camera, il viceministro all'Economia, Luigi Casero, annunciando che a breve ci saranno misure per imprese e sviluppo e poi "in un secondo scaglione norme su contenzioso, accertamento e sanzioni".


Il nuovo Capo dello Stato giura e punta alla legalità

"Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione". Così il neo Capo dello Stato Sergio Mattarella che ha sottolineato che intende "affermare la libertà, e affermare e diffondere un forte senso della legalità". Mattarella ha richiamato deputati e senatori all'impegno della politica, a tenere presente che il Parlamento è composto da “rappresentanti dell'intero popolo italiano tutti insieme al servizio del Paese”.

Video dell'intervento


Italicum: continue richieste di modifica non possono bloccare il cambiamento

Il Governo è disponibile ad accogliere modifiche migliorative alla legge elettorale ma continue richieste di modifica non possono essere un modo per bloccare “la sfida del cambiamento”. Lo ha detto il ministro Boschi. A marzo 2014 la Camera ha approvato l’Italicum dopo otto anni di discussioni.

Resoconto stenografico

Video dell'intervento


Riforme, Boschi: "Non è importante prevedere il futuro ma renderlo possibile".


Si è conclusa in aula alla Camera la discussione generale sul ddl Riforme costituzionali. “Prevedere strumenti per rendere più incisivo e puntuale il lavoro del Governo e del Parlamento non è una diminuzione della democrazia del nostro Paese” ha sottolineato il ministro Maria Elena Boschi. "Rimaniamo ancorati a una forma di Governo parlamentare". Leggi l’intervento e il dibattito che si è svolto tra le forze politiche. “Il Paese da troppo tempo aspetta che la classe politica mantenga un impegno. Il tema delle riforme non riguarda solo il Governo ma l'intera classe dirigente” ha detto il ministro Boschi a Montecitorio. "Siamo chiamati a immaginare i prossimi anni e decenni per il nostro Paese – ha sottolineato-. Vi chiedo di considerare queste riforme come un disegno unitario con altre riforme, perché non abbiamo l'obiettivo di modificare il Senato ma di cambiare l'Italia rendendola più bella rendendole gli onori della sua storia e il posto che merita; soprattutto in un momento in cui c'è poca credibilità verso la classe politica. 'Non è importante prevedere il futuro ma renderlo possibile' diceva il poeta”.

Approfondimento sul ddl

Resoconto stenografico

Informazioni generali sul sito