L'Anticamera e la Sala Verde

Salendo lo Scalone d’Onore fino al terzo piano si accede all’Anticamera della Sala Verde.

Questa sala è caratterizzata dalla presenza sulle pareti delle foto di tutti gli ex Presidenti del Consiglio a partire dal 1861, anno dell’Unità d’Italia; in calce alle foto le date di inizio e fine Governo.
Su una delle pareti l’elenco dei Segretari Generali della Presidenza del Consiglio che si sono succeduti nel tempo.

Posta proprio al di sopra della Sala del Consiglio dei ministri, la Sala Verde  è così chiamata per il colore della tappezzeria damascata che ricopre le pareti e le sedie.
Occupata al centro da un imponente tavolo ovale, la sala è attrezzata con un impianto di registrazione e dotata di cabine per la traduzione simultanea poste su una balconata a cui si accede mediante due scale a chiocciola coperte da cilindri in legno.
La Sala ospita gli incontri del Governo con i sindacati e le parti sociali: qui il 23 luglio 1993 Governo, imprenditori e sindacati firmarono il Protocollo Ciampi-Giugni che sanciva il criterio della concertazione con le parti sociali. La Sala è utilizzata, inoltre, per le riunioni del Preconsiglio dei Ministri e le riunioni dell’Unità di crisi militare.