Feed

13 Dicembre 2019

Il Presidente Conte a Bruxelles

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è a Bruxelles per partecipare al Consiglio Europeo, all’Euro Summit e al Consiglio Europeo Straordinario Art. 50. All'arrivo, e prima di partecipare ai lavori della seconda giornata, ha tenuto un punto stampa e, in ultimo, la conferenza stampa conclusiva.

12 Dicembre 2019

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 16

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, giovedì 12 dicembre 2019, alle ore 10.15 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Riccardo Fraccaro.

*****

12 Dicembre 2019

Riunione del Consiglio dei Ministri n. 16

Il Consiglio dei Ministri è convocato giovedì 12 dicembre 2019 alle ore 9.30 a Palazzo Chigi. 

11 Dicembre 2019

Il Presidente Conte alla "Festa dell’Istituto Italo-Latino Americano"

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha partecipato alla "Festa dell’Istituto Italo-Latino Americano" a Roma.

13 Dicembre 2019

Il Presidente Conte a Bruxelles

Il Presidente Conte il 12 e 13 dicembre è stato a Bruxelles per partecipare al Consiglio Europeo, all’Euro Summit e al Consiglio Europeo Straordinario Art. 50. Al termine dei lavori della seconda giornata il Presidente ha tenuto una conferenza stampa.

Consiglio europeo, le comunicazioni di Conte al Senato

Mercoledì, 11 Dicembre 2019

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha tenuto le comunicazioni al Senato della Repubblica in vista del Consiglio europeo del 12 e 13 dicembre

Gentili Senatrici, gentili Senatori,
il Consiglio europeo che si svolgerà domani e dopodomani a Bruxelles è il primo dopo il completamento delle nomine dei vertici delle Istituzioni europee. Sono infatti in carica, dal 1 dicembre scorso, la Neo Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, il Collegio dei Commissari, e il Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel. Il 3 luglio era stato eletto il Presidente del Parlamento Europeo, un italiano, David Sassoli, il 1 novembre era entrata in carica la Presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde.

Le Istituzioni europee possono quindi iniziare a onorare l’impegno di realizzare “buone politiche” per i cittadini europei e di fornire loro soluzioni, risposte, opportunità. Il rilancio della crescita, dell’occupazione, soprattutto giovanile, la lotta al cambiamento climatico e il sostegno alla “green economy” rappresentano obiettivi prioritari e necessitano di segnali forti e chiari da parte dell’Europa.

Sono lieto che la centralità di questi obiettivi sia stata riaffermata dalla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, in occasione del voto del Parlamento europeo a favore della nuova Commissione europea, il 27 novembre scorso.

Nel percorso europeo volto a realizzare i citati obiettivi, il ruolo del Consiglio europeo rimane centrale, in quanto espressione dei Governi nazionali. La maggiore complessità politica emersa alle elezioni europee suggerisce, in ogni caso, una ancor maggiore coesione fra i Capi di Stato e di Governo che compongono il Consiglio europeo. Quest’ultimo deve infatti fornire un indirizzo politico chiaro e al contempo pragmatico riguardo alle sfide che il continente ha di fronte e deve assicurare, al contempo, più efficacia e intensità nell’impulso e nel sostegno alla Commissione europea e nel dialogo col Parlamento europeo, questo anche nella prospettiva del rafforzamento del potere di iniziativa legislativa che spetta a quest’ultimo, al Parlamento europeo.

Il Governo italiano intende promuovere, in seno al Consiglio europeo, questo tipo di approccio nei confronti delle altre Istituzioni europee e, come ho appena detto, una maggiore coesione fra i leader europei. Non è, questo, nella famiglia europea il tempo per dividersi o per lasciarsi dividere.

Le tensioni internazionali, sia politiche sia economiche, impongono di proteggere l’economia europea, di proteggere la sua dimensione sociale che rende unico al mondo il nostro continente.

Affinché non appaia contraddittorio l’elemento della – lo dico tra virgolette –

 “protezione”, intendo subito chiarire che, considerando la struttura economica e sociale dell’Unione, “proteggersi” non significa “rinchiudersi”, in quanto – su scala globale – riteniamo che il multilateralismo sia lo strumento migliore per tutelare gli interessi degli Stati membri, a partire dal nostro stato.

La prospettiva del miglior futuro dell’Europa è prevista, d’altronde, nella discussione e in una parte delle Conclusioni del Consiglio europeo, in relazione al percorso per una Conferenza sul Futuro dell’Europa che – com’è noto – Germania e Francia auspicano possa essere sviluppato dagli Stati Membri e dalle Istituzioni europee dal 2020 fino alla Presidenza francese dell’Unione che coinciderà con il primo semestre del 2022.

In merito a questa iniziativa, il contributo franco-tedesco, a differenza di quanto enfaticamente apparso su alcuni giornali, si è limitato a una proposta di carattere procedurale, con un definito cronoprogramma. Riguardo a tale esercizio, non solo intendo esprimere sostegno all’obiettivo di trasmettere segnali concreti di riavvicinamento delle Istituzioni europee ai propri cittadini, ma preannuncio che l’Italia, il Governo, confido col sostegno del Parlamento, non farà mancare anche delle nostre proposte. All’interno di questo perimetro, saranno da valorizzare passaggi come quelli delle consultazioni dei cittadini o della riflessione sulle liste transnazionali europee. Rivendicherò, tuttavia, un metodo inclusivo, nei confronti degli Stati Membri e delle Istituzioni europee, a partire dai Parlamenti, per la realizzazione di un percorso che non deve avere un carattere elitario, ma – al contrario – deve essere pienamente partecipato e, per questo, capace di favorire politiche realmente rispondenti ai bisogni dei cittadini.

E sono proprio i bisogni dei cittadini che dovranno essere al centro della discussione che il Consiglio Europeo sarà chiamato ad affrontare innanzitutto con riguardo al cambiamento climatico. Questo è un tema che certamente tocca da vicino proprio il futuro dell’Europa. E in questo Consiglio europeo si entrerà nel vivo dell’ambizione dell’Unione europea sulla questione, dopo la difficile discussione avvenuta nell’ambito del Consiglio europeo dello scorso giugno, che ha registrato delle posizioni anche distanti e anche scettiche da parte di alcuni Stati Membri.

Consideriamo opportune il riferimento, nelle Conclusioni del Consiglio Europeo, all’obiettivo di neutralità climatica entro il 2050. Reputiamo di fondamentale importanza i chiari riferimenti, nelle Conclusioni, sia all’impulso che la transizione verso la neutralità climatica può e deve dare alla crescita economica e all’occupazione, sia agli investimenti che l’Europa deve saper attivare per tempo a sostegno di una trasformazione di tale portata. Questa transizione energetica non può prescindere da un adeguato cronogramma, tale da evitare ricadute negative sul sistema produttivo o ancor più sui livelli occupazionali.

È in questa prospettiva che si inseriscono l’impegno recentemente assunto dalla Banca Europea degli Investimenti per sostenere investimenti verdi per un valore di mille miliardi di euro e l’impegno della Commissione europea a lanciare un “Green Deal” europeo, delineato in una Comunicazione che è stata resa pubblica poco fa, in tarda mattinata. A tali impegni l’Italia guarda con apprezzamento e con la consapevolezza di essere ben posizionata in questo ambizioso percorso europeo, grazie a varie misure nazionali varate in materia di cambiamento climatico. Intendiamo, dunque, accompagnare e sostenere questo sforzo europeo di adeguamento all’obiettivo ineludibile, anche per il futuro del continente, della neutralità climatica entro il 2050. Come già accennato, vigileremo con cura affinché in questa transizione anche industriale, le Istituzioni europee sostengano adeguatamente la dimensione sociale connessa all’economia verde, le esigenze delle piccole e medie imprese e il “level playing field ” europeo.

In questa prospettiva, è altresì essenziale che lo sforzo economico europeo a sostegno di questo processo di trasformazione, è essenziale in particolare che questo sforzo non vada a discapito delle tradizionali politiche di coesione.

Un altro tema del Consiglio Europeo che riguarda l’Europa dei prossimi anni è quello del Quadro Finanziario Pluriennale. A ottobre, è stato dato mandato alla Presidenza finlandese di presentare uno schema negoziale che tenesse conto delle differenti sensibilità sin qui emerse rispetto ai vari snodi di questo negoziato, vale a dire: livello complessivo del bilancio; ripartizione delle risorse tra le diverse politiche; condizionalità per l’accesso, per l’utilizzo dei fondi; fonti di finanziamento, incluse le proposte di nuove risorse proprie. La “scatola negoziale” sul Quadro Finanziario Pluriennale è stata presentata dalla Presidenza finlandese solo lo scorso 2 dicembre. Essa contiene alcune ipotesi di allocazione dei fondi, peraltro non esaustive, che il Governo italiano reputa insoddisfacenti. Si tratta di una proposta al ribasso, poiché comporta riduzioni di spesa rilevanti, ma soprattutto risulta complessivamente sbilanciata. Sono infatti prospettati tagli significativi sulle politiche destinate alla competitività, all’innovazione, alla gestione della migrazione, alla sicurezza e alla difesa. Questi tagli, se perseguiti, indebolirebbero in maniera ingiustificata gli sforzi di modernizzazione che riteniamo essenziali introdurre nel bilancio europeo del 2021-2027 per affrontare sfide che peraltro sono coerenti con l’Agenda Strategica dell’Unione.

La discussione sul Quadro Finanziario Pluriennale, al Consiglio Europeo di domani, sarà comunque prevalentemente procedurale, in ragione del fatto che, al pari dell’Italia, vi sono anche altri Stati Membri che reputano inadeguata la proposta della Presidenza finlandese. È dunque da attendersi che il Consiglio europeo si limiti ad auspicare ulteriori progressi negoziali. Per parte mia continuerò ad affermare, in sede europea, la posizione italiana, alla cui definizione il Governo lavora con un coordinamento rafforzato sotto la guida del Ministero per gli Affari europei, in stretto raccordo col Ministero degli Esteri e col Ministero dell’Economia e Finanze e un coordinamento che prevede un puntuale momento collegiale, in seno al Comitato Interministeriale Affari Europei e ricordo che il 15 novembre ho presieduto la riunione dedicata al Quadro Finanziario Pluriennale.

Il Governo intende continuare a rivendicare un approccio più equilibrato, chiedendo una profonda revisione della proposta finlandese che converga verso l’architettura proposta dalla Commissione europea sin dal 2018. Tale rivendicazione verrà da noi declinata lungo tutto l’arco del negoziato.

La Commissione europea aveva ipotizzato – lo ricordo – un tetto alla spesa pari all’1,11% del Reddito Nazionale Lordo dei 27 Stati membri, un volume pressoché analogo a quello in vigore.

Una proposta questa che, nonostante la Brexit, avrebbe comunque consentito un miglioramento del saldo complessivo per il nostro Paese rispetto all’attuale bilancio europeo che si concluderà il prossimo anno. La proposta della Presidenza finlandese, che riduce all’1,07% il tetto di spesa complessivo (1087 miliardi di euro) appare del tutto insufficiente e distante anche dalle indicazioni ricevute dal Parlamento europeo per un bilancio ancora più ambizioso, il Parlamento, lo ricordo ha proposto la soglia dell’1,3%. Collegato al volume complessivo di spesa, si pone il tema delle fonti di finanziamento del bilancio comune europeo. L’Italia, sotto questo aspetto, ha sempre sostenuto l’esigenza di modernizzare anche il modo in cui l’Unione europea finanzia il proprio bilancio poiché, in assenza di “Nuove Risorse Proprie” non vi sarà la possibilità di allentare la dipendenza del bilancio europeo dai contributi degli Stati membri, né di consentire sufficiente autonomia per lo sviluppo di politiche comuni dell’UE. Su questo tema, tuttavia, la convergenza degli Stati Membri si indirizza soltanto verso l’introduzione della – lo dico tra virgolette – ‘risorsa plastica’, cioè quella risorsa derivante dalla quantità di rifiuti di imballaggio in plastica non riciclati in ciascuno Stato membro, pari a 0,80 centesimo di euro per chilogrammo. Da parte italiana è stata espressa in passato, ma verrà ribadita, la contrarietà a questo approccio limitato e minimalista, che non contempla altre proposte inizialmente formulate dalla Commissione, come ad esempio la risorsa derivante dal sistema di scambio di quote di emissione dell'UE, il cosidetto Emissions Trading System, o la definizione della Common Consolidated Corporate Tax Base, chiave per future risorse proprie e per l’armonizzazione dei sistemi di tassazione delle multinazionali tra i vari Stati dell’UE.

Con riferimento, invece, alle singole politiche, il Governo intende opporsi ai tagli sproporzionati, che colpirebbero settori strategici quali lo Spazio, il Digitale, la Difesa, la Sicurezza: si tratta di una sottrazione di risorse alle nuove priorità dell’Unione Europea che devono invece necessariamente rimanere ambiziose. Anche sulle politiche tradizionali, parlo della Coesione, della Politica Agricola Comune, dove iniziano a emergere pur limitati progressi, l’Italia è risulta a tracciare e mantenere alcune linee rosse. Nella politica di Coesione è inaccettabile l’ulteriore contrazione subita dall’indice di prosperità relativa, che nel nostro Paese si tradurrebbe in una penalizzazione delle regioni più in difficoltà. Quanto alla Politica Agricola Comune, la nostra preoccupazione principale resta la convergenza esterna dei pagamenti diretti, sulla quale continueremo a chiedere garanzie di una sua definitiva – e possibilmente immediata – abolizione: perseguiremo questo obiettivo dell’abolizione insieme ai numerosi partner che condividono con noi le medesime preoccupazioni, in particolare sul fatto che questo meccanismo non risponde più allo scopo di promuovere lo sviluppo razionale della produzione agricola europea, al suo progresso tecnico e all’obiettivo, ormai prioritario, di contribuire alla transizione ecologica.

Sono se volete meno incisive, ma non meno opinabili, le riduzioni prospettate per il nuovo strumento di cooperazione internazionale, il nuovo NDICI. È indispensabile tenere a mente che una proiezione esterna forte resta fondamentale per un’Unione Europea che intende esercitare un ruolo credibile nei confronti del resto del mondo e rispondere efficacemente alla sfida del governo multi-livello del fenomeno migratorio. Va anche detto, a questo riguardo, che il volume complessivo degli aiuti allo sviluppo dovrebbe poter beneficiare – e qui il cammino da compiere si prospetta ancora lungo – di un maggiore coordinamento delle risorse assicurate dai singoli Stati Membri. Per dirla in poche parole, l’Unione Europea nel suo complesso è il maggior donatore su scala mondiale, senza che questa sua lusinghiera posizione venga confermata in termini di influenza geopolitica. Penso in particolare al continente africano. Ma non solo.

Ricordo, infine, che sono in discussione anche forme di condizionalità già esistenti nel bilancio che si chiuderà nel 2020, come la condizionalità macroeconomica, nonché nuove condizionalità legate al rispetto dello stato di diritto, alle migrazioni e al rispetto dell’ambiente. L’Italia è impegnata ad evitare che la traduzione di questi principi in regole comuni e condivise comporti l’irrigidimento delle regole di bilancio europeo, ma piuttosto far sì che questi principi, queste regole servano come orientamento verso il raggiungimento di standard comuni, in linea con i valori che esprime l’Unione Europea fin dalle proprie origini.

È previsto che le Conclusioni di questo vertice contengano un invito alla Commissione e all’Alto Rappresentante a fornire elementi per una discussione strategica, al Consiglio europeo di giugno, sui rapporti fra UE e Africa e sul prossimo Vertice fra Unione Europea e Unione Africana. L’Italia sostiene questo tipo di approccio anche per le ragioni che ho già, poco fa, riassunto.

Continuiamo a sottolineare, sia in Europa che con le controparti africane, che l’Unione Europea deve dare respiro strategico a un partenariato fra eguali, unica visione possibile dal punto di vista dell’Italia, di questo Governo, per una politica di successo.

Altrettanto opportuno è il riferimento, nelle Conclusioni del Consiglio europeo, alla preoccupazione per la paralisi in cui si trova il meccanismo di risoluzione delle controversie – stiamo parlando di dispute commerciali – con riguardo alle dell’Organizzazione Mondiale del Commercio e al sostegno alla Commissione Europea nel suo sforzo di individuare con Paesi terzi rimedi transitori, in attesa che si arrivi, si giunga a una soluzione permanente. La posta in gioco, e ne traggo conferma anche all’esito dei colloqui avuti la settimana scorsa a Londra in occasione del Vertice NATO, ma  sono conferme che mi derivano anche dagli ultimi simposi internazionali, sia il G7 sia G20, dicevo, la posta in gioco, vedete, non è solo quella, sicuramente rilevante del funzionamento di un organo globale di gestione delle dispute commerciali. La posta in gioco è molto più alta, si tratta della fiducia tra Stati, tra continenti, grazie alla quale, dal secondo dopoguerra, è stato possibile costruire un’architettura internazionale coerente coi valori comuni della libertà e della democrazia. Ecco che incrinare le fondamenta di un ordine multilaterale basato su regole condivise – parliamo sempre dell’Organizzazione Mondiale del Commercio – rischia di produrre danni di ampia portata non solo sul piano economico, ma anche politico. È dunque essenziale preservare l’unità, la coesione europea e il sostegno alla Commissione europea, in particolare con l’obiettivo di ripristinare un’agenda commerciale positiva con gli Stati Uniti, che sia all’altezza del valore strategico dei rapporti transatlantici.

Il Consiglio europeo affronterà inoltre la discussione semestrale sullo stato dell’attuazione delle Intese di Minsk, la discussione è stata introdotta dalla Cancelliera Merkel e dal Presidente Macron, che informeranno il Consiglio europeo in particolare riguardo all’esito del recente Vertice dei Capi di Stato e di Governo del cosidetto “formato Normandia”, il vertice si è svolto lunedì 9 dicembre. La ripresa del confronto negoziale fra le parti è essenziale per l’Italia. Ad un esito positivo di tale confronto, nella prospettiva di una piena attuazione delle Intese di Minsk, intendiamo continuare a lavorare coi partner europei. E colgo l'occasione per riaffermare che l'Italia intende perseguire un approccio convinto secondo cui le sanzioni non sono un fine in sé, bensì uno strumento finalizzato ad avviare a soluzione la crisi ucraina.

Nella discussione, se non nelle Conclusioni, del Consiglio Europeo, potrebbe infine emergere, su richiesta di un altro Stato Membro, la questione del rispetto, da parte della Turchia, della sovranità e dei diritti sovrani sulle Zone Economiche Esclusive di tutti i suoi Paesi vicini. La questione, di cui si sono già occupati i Consigli europei di giugno e di ottobre scorso e, ricordo, anche nel 2018 i Consigli di marzo e di giugno, ora viene in rilievo non solo per quanto riguarda le interferenze di Ankara nella Zona Economica Esclusiva di Cipro – tema su cui l’Italia continua ad appoggiare il sostegno europeo a Cipro –, bensì anche a seguito della recente sottoscrizione di due Memoranda siglati dalla Turchia con il GAN libico, in materia di sicurezza e di delimitazione delle rispettive Zone Economiche Esclusive.

È importante che dal Consiglio europeo vengano al riguardo reiterati il sostegno agli Stati Membri che si affacciano sul Mediterraneo orientale e il richiamo al pieno rispetto del diritto internazionale. È altrettanto essenziale che i predetti segnali non si traducano in un avallo al rallentamento del processo politico per la stabilizzazione della Libia e in un rinvio sine die della Conferenza di Berlino, che noi appogiamo.

I temi su cui mi sono sinora soffermato caratterizzeranno le sessioni di lavoro del Consiglio europeo a 28 di giovedì 12 dicembre.

Il giorno successivo i Capi di Stato e di Governo dei 27 Stati Membri si riuniranno nel Vertice-euro, cosiddetto “Euro-Summit”, che avrà all’ordine del giorno il tema dell’approfondimento dell’Unione Economica e Monetaria, ovvero la riforma del Trattato che istituisce il Meccanismo europeo di stabilità, l’Unione bancaria e lo strumento di bilancio per la competitività e la convergenza, sulla base dei lavori dell’Eurogruppo dello scorso 4 dicembre.

Ribadisco, in questa sede, quanto da me già evidenziato nell’informativa resa al Parlamento lunedì 2 dicembre, circa la coerenza e la trasparenza informativa che hanno caratterizzato sempre l’interlocuzione tra Governo e Parlamento su un tema così complesso, così sensibile.

Inoltre, il Ministro Gualtieri e io personalmente abbiamo spiegato, anche dimostrato che la revisione del trattato sul meccanismo europeo di stabilità non apporta modifiche sostanziali al trattato già esistente e – in particolare – non introduce, ed è nostra ferma intenzione che questo non accada, alcun automatismo nella ristrutturazione del debito di uno Stato, ma lascia alla Commissione europea il fondamentale ruolo di valutarne la sostenibilità e di assicurare la coerenza complessiva delle analisi macroeconomiche effettuate sui Paesi membri.

L’ho già sottolineato nel corso della mia recentissima informativa del 2 dicembre qui in questa sede: “Il MES non è indirizzato contro un particolare Paese o costruito a vantaggio di alcuni Paesi e a scapito di altri… è una assicurazione contro il pericolo di contagio, di panico finanziario a vantaggio di tutti”.

In particolare l’Italia non ha nulla da temere anche perché il suo debito è pienamente sostenibile, come dimostrano le valutazioni delle principali istituzioni internazionali, inclusa la Commissione europea, e come confermano i mercati.

Bisogna quindi stare attenti a insinuare dubbi e paure nei cittadini italiani, tanto più che quantomeno alcune delle posizioni che si sono delineate nel corso del dibattito pubblico hanno disvelato il malcelato auspicio di portare il nostro Paese fuori dall’euro-zona o, addirittura, dall’Unione europea. Ma se questo è l’obiettivo allora converrebbe chiarirlo in modo esplicito, affinché il dibattito pubblico sia trasparente e i cittadini italiani possano essere informati di tutte le implicazioni che tali posizioni portano con sé.

Vero è che un dibattito portato avanti in modo molto confuso rischia di indurre il sospetto, nei mercati e nelle istituzioni internazionali, che siamo noi stessi a dubitare dell’impegno assunto di mantenere il debito su un sentiero di piena sostenibilità: questo sì che sarebbe un modo per danneggiare il risparmio degli italiani.

La revisione del MES è solo una parte di una nuova architettura europea che si verrà disegnando nei prossimi mesi e anni. Alcuni elementi di questa nuova architettura devono essere considerati assieme alle revisioni al trattato del MES.

In considerazione dell’importanza e della complessità del processo di approfondimento dell’Unione economica e monetaria europea, ho reputato e reputo indispensabile continuare a informare puntualmente il Parlamento – personalmente ma anche tramite i Ministri competenti – in tutte le occasioni in cui l’Italia sarà chiamata a esprimere nelle sedi europee la propria posizione nei vari passaggi del negoziato sul futuro dell’unione economica e monetaria e sulla conclusione della riforma del MES.

Il Parlamento, con la risoluzione dello scorso giugno, ha dato mandato al Governo di esprimere una strategia d’insieme sul pacchetto di riforme, nella consapevolezza che l’Italia deve giocare un ruolo attivo e propositivo nella loro definizione.

Su questo punto non posso che ribadire quanto già auspicato nelle Comunicazioni alla Camera dei Deputati e al Senato il 2 dicembre scorso, ovvero “che il Parlamento con la sua autorevolezza, in virtù della sua legittimazione democratica, contribuisca a portare in Europa la voce di un Paese forte, di un Paese coeso, che si impegna a rafforzare le istituzioni europee secondo un piano che, ovviamente nel rispetto del nostro interesse nazionale, conduca a una architettura più robusta e a una più equilibrata condivisione dei rischi.”

La posizione del Governo in sede europea sarà sempre coerente con gli indirizzi definiti dalle Camere.

Il Governo, pertanto, continuerà a operare secondo una logica “di pacchetto” assicurando l’equilibrio complessivo dei diversi elementi al centro del processo di riforma dell’Unione economica e monetaria e valutando con la massima attenzione i punti critici.
In particolare riteniamo negativi interventi di carattere restrittivo sulla detenzione di titoli sovrani da parte di banche e istituti finanziari e, comunque, la ponderazione dei rischi dei titoli di Stato attraverso la revisione del loro trattamento prudenziale, come pure le disposizioni che prevedano una contribuzione degli istituti finanziari all'EDIS in base al rischio di portafoglio dei titoli di Stato.

Nei prossimi passaggi del negoziato sull’Unione bancaria ci faremo promotori dell’introduzione dello schema di assicurazione comune dei depositi (EDIS), di un titolo obbligazionario europeo sicuro, ne ho già parlato nel corso dell’informativa di qualche giorno fa, il c.d. common safe asset, se mai nella forma di eurobond e ci impegneremo per una maggiore ponderazione di rischio delle attività di livello 2 e livello 3 (strumenti maggiormente illiquidi), legata al loro grado di concentrazione sul totale degli attivi del singolo istituto di credito. 

Nel caso di eventuale richiesta di attivazione del Meccanismo europeo di stabilità, il Parlamento dovrà essere pienamente coinvolto, con una procedura chiara di coordinamento e di approvazione.  
Venerdì 13 dicembre è prevista anche una sessione del Consiglio Europeo a 27, all’indomani delle elezioni generali nel Regno Unito, che speriamo contribuiscano ad una Brexit ordinata fissata per il 31 gennaio 2020. Il Governo, state certi, continua a lavorare per tutelare i diritti dei cittadini e preservare gli scambi commerciali per le nostre imprese.

Anche dopo la Brexit, il Regno Unito non c’è dubbio che rimarrà un partner importante per l’Unione europea e in particolare per l’Italia. Una volta ratificato l’Accordo di recesso, saremo pronti a contribuire attivamente per definire un nuovo partenariato fra Unione europea e Regno Unito. 

Il negoziato sulle relazioni future sarà difficile, non ce lo nascondiamo, soprattutto a causa del limitato tempo a disposizione. Sarà inoltre necessario mantenere una forte unità fra i Ventisette Stati membri e le Istituzioni, ma questa unità l’abbiamo sin qui esibita, conservata sin dall’avvio del negoziato nel 2017.

L’Italia sostiene l’impiego dei metodi di lavoro e collaborazione fra Commissione e Stati membri che si sono dimostrati fin qui vincenti durante la fase negoziale del processo Brexit. 
Se mi permettete di sottolineare, la permanenza di Michel Barnier alla guida della nuova Task Force per le relazioni con il Regno Unito costituisce un importante fattore di continuità. In ogni caso, i benefici che il Regno Unito potrà trarre dalle future relazioni saranno proporzionati su questo ci impegneremo a fondo, a quelli che saranno gli impegni che Londra sarà pronta ad assumersi: un partenariato ambizioso, ad esempio, non può prescindere da una mobilità adeguata agli scambi tra i nostri cittadini.

Grazie per l’attenzione.

 


Per saperne di più

11 Dicembre 2019

Conte alla "Festa dell’Istituto Italo-Latino Americano"

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha partecipato alla "Festa dell’Istituto Italo-Latino Americano" a Roma.

12 Dicembre 2019

Consiglio dei Ministri n.16

Si è svolta a Palazzo Chigi la riunione del Consiglio dei Ministri. Nel comunicato stampa i provvedimenti adottati.

11 Dicembre 2019

Convocazione del Consiglio dei Ministri n. 16

Il Consiglio dei Ministri è convocato in data 12 dicembre 2019, alle ore 9.30 a Palazzo Chigi, per l’esame del seguente ordine del giorno:

11 Dicembre 2019

Consiglio europeo, comunicazioni del Presidente Conte in Parlamento

Le comunicazioni del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla Camera in vista del Consiglio europeo del 12 e 13 dicembre.

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri