Superamento del dissenso su provvedimenti concernenti settori specifici - Contrasto tra amministrazioni

Istruttoria per la rimessione al Consiglio dei ministri per il superamento del contrasto tra amministrazioni a diverso titolo competenti in ordine alla definizione di atti e provvedimenti, ai sensi  dell’articolo 5, comma 2, lettera c-bis della legge 23 agosto 1988 n. 400.

Il procedimento di cui all’articolo articolo 5, comma 2, lett. c-bis della legge 23 agosto 1988 n. 400 prevede che il Presidente del Consiglio dei ministri può deferire al Consiglio dei ministri, ai fini di una complessiva valutazione ed armonizzazione degli interessi pubblici coinvolti, la decisione di questioni sulle quali siano emerse valutazioni contrastanti tra amministrazioni a diverso titolo competenti in ordine alla definizione di atti e provvedimenti. 

Il Dipartimento per il coordinamento amministrativo svolge l’istruttoria necessaria per la delibera del Consiglio dei Ministri.

Il Servizio per la concertazione amministrativa e il monitoraggio in materia di territorio, ambiente e immigrazione, ai fini della predetta istruttoria, cura l’organizzazione e la verbalizzazione delle riunioni di approfondimento, acquisisce documentazione, cura i contatti formali, tra cui l’accesso agli atti, ed informali con tutte le Amministrazioni e gli Enti interessati, nell’intento di pervenire, ove possibile, ad una soluzione condivisa tra tutti gli enti coinvolti.

Al termine dell’istruttoria, la questione viene esaminata dal Consiglio dei ministri che adotta una deliberazione.

La deliberazione, infine, viene inviata all’Amministrazione competente per il procedimento al fine della sua conclusione.


Per saperne di più

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri