Progetto per il recupero e la valorizzazione dell’ex carcere borbonico dell’isola di Santo Stefano – Ventotene

Il progetto di ristrutturazione comprende due ordini di interventi: l’esecuzione di infrastrutture funzionali per il trasporto di mezzi e materiali necessari per svolgere i lavori e, successivamente, la ristrutturazione dell’intero complesso “ex carcere”.

Il primo intervento si è concluso con la realizzazione da parte del Ministero della difesa di un’elisuperficie, attività propedeutica a qualsivoglia progetto di riqualificazione, che permette  di migliorare l’accessibilità dell’isola anche in fase di esecuzione dei lavori.

Per l’elisuperficie l’Agenzia del demanio, individuata quale amministrazione procedente per la propria competenza istituzionale, ha indetto la conferenza di servizi svolta il giorno 20 ottobre 2016 e conclusa con la determinazione di conclusione positiva del 20 gennaio 2017.

L’opera, affidata al Ministero della difesa quale soggetto attuatore, è stata realizzata ed inaugurata ad agosto 2017.

Il secondo gruppo di interventi, relativi all’attività di ristrutturazione e riqualificazione del sito, in considerazione dell’elevato numero di enti coinvolti e dell’impiego delle risorse dei Fondi per lo sviluppo e la coesione, stato necessario sottoscrivere, il 3 agosto 2017, un  Contratto istituzionale di sviluppo (CIS), che regola le responsabilità, i tempi e le modalità di attuazione degli interventi necessari alla realizzazione del progetto, definisce le modalità di utilizzo delle risorse finanziarie stanziate, ed individua la società Invitalia quale soggetto attuatore. Il CIS prevede, fra gli organi, un responsabile unico del contratto e un organo collegiale, il Tavolo istituzionale permanente. Il Tavolo, presieduto dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, è composto dai referenti unici designati da ognuna delle Parti sottoscrittrici del CIS.

Riunioni del Tavolo


Per saperne di più

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri