CIPE, la riunione del 29 settembre

29 Settembre 2020

Il CIPE approva gli indirizzi per l’attività di SACE S.p.A., per l’anno 2020, in materia di rilascio di garanzie per progetti o iniziative riguardanti il Green New Deal e la Convenzione tra Ministero dell’economia e delle finanze e la stessa SACE S.p.A.

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) nella seduta del 29 settembre 2020, presieduta dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte e con la presenza del Segretario del CIPE, Sottosegretario alla PCM Riccardo Fraccaro, ha approvato una serie di provvedimenti che proseguono nella strategia del Governo volta a favorire la riconversione dei cicli produttivi delle imprese italiane, lo sviluppo delle infrastrutture, il sostegno finanziario alle misure COVID-19 attraverso il contributo dei Fondi strutturali europei e delle risorse del Fondo sviluppo e coesione (FSC) e ad accompagnare il Paese verso il new green Deal
In particolare il CIPE ha approvato due delibere in materia di riconversione ecologica dei cicli produttivi del sistema delle imprese italiane. Una concerne l’emanazione di indirizzi, per l’anno 2020, in materia di rilascio di garanzie per progetti o iniziative riguardanti il Green New Deal, a SACE S.p.A., in applicazione di quanto previsto dall’art. 64 del “decreto semplificazione”.

Gli indirizzi riguardano:

a) progetti tesi ad agevolare la transizione verso un’economia pulita e circolare e ad integrare i cicli produttivi con tecnologie a basse emissioni per la produzione di beni e servizi sostenibili;
b) progetti tesi ad accelerare la transizione verso una mobilità sostenibile e intelligente, con particolare riferimento a progetti volti a favorire l’avvento della mobilità multimodale automatizzata e connessa, idonei a ridurre l’inquinamento e l’entità delle emissioni inquinanti, anche attraverso lo sviluppo di sistemi intelligenti di gestione del traffico, resi possibili dalla digitalizzazione.

Con la seconda delibera il CIPE ha approvato la nuova Convenzione tra MEF e SACE avente ad oggetto lo svolgimento dell’attività operativa di quest’ultima. Con le due delibere approvate dal Comitato il sistema delle imprese italiane ha ora a disposizione uno strumento innovativo per dare un contributo importante per la realizzazione degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 e divenire ancora più competitive in un settore che sarà determinante per lo sviluppo economico europeo nei prossimi anni.
In materia di infrastrutture il Comitato ha espresso parere favorevole, previo parere NARS, sul Contratto di programma 2018-2021 tra la società concessionaria SOGEAP e l’ENAC relativo all’Aeroporto “Giuseppe Verdi” di Parma e ha, inoltre approvato, a seguito della deliberazione del Consiglio dei Ministri del 29 luglio 2020, il progetto definitivo della SS n. 291 della "Nurra".
Sempre nella seduta odierna il CIPE ha disposto la possibilità di utilizzare le risorse dei Fondi strutturali europei (Fondi SIE) e del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) per finanziare misure di contrasto all'emergenza Covid-19. Le Regioni destinatarie degli Accordi sono le Marche e il Friuli Venezia Giulia. Nel luglio scorso il CIPE aveva già adottato provvedimenti per altre regioni del centro-nord e quello di oggi è un ulteriore “step” del processo che si concluderà nei prossimi mesi nell’esame dei Piani di sviluppo e coesione a completamento del processo di riprogrammazione delle risorse FSC ai sensi dell’articolo 44  del decreto legge “Crescita”.
Il CIPE, inoltre, ha approvato la modifica della delibera n. 64 del 2019 concernente misure per salvaguardare le risorse e accelerare e gli interventi volti alla mitigazione del rischio idrogeologico e alla tutela della risorsa ambientale. Il CIPE ha altresì disposto un’assegnazione di 10 milioni di euro nell’ambito del Piano di valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata e ha approvato il riparto delle somme accantonate sul Fondo sanitario nazionale 2019 e 2020 ai fini dell’esenzione delle percentuali di sconto per le piccole farmacie che spesso svolgono un’importante funzione di presidio territoriale nei centri minori.
Il Comitato ha altresì udito una serie di informative in materia di infrastrutture. Una prima informativa concernente lo stato di avanzamento dei decreti interministeriali di aggiornamento del periodo concessorio delle convenzioni autostradali delle seguenti concessioni, che sono stati firmati e inviati alla Corte dei conti per la registrazione: 1) Autostrada Brescia-Padova S.p.A., 2) Società autostrada Ligure Toscana (SALT) S.p.A. tronco Autocisa, La Spezia-Parma e 3) Autostrada dei Fiori tronco A6 Torino-Savona S.p.A.. La seconda, relativa all’iter di aggiornamento del periodo concessorio delle convenzioni autostradali e meccanismi di calcolo; il MIT ha chiesto una versione aggiornata dei piani economico finanziari alle società di gestione, per presentarli al CIPE dopo istruttoria, alla luce delle novità normative e regolatorie e del contenzioso pendente. Tra le società figura ASPI il cui PEF è stato trasmesso all’autorità di regolazione dei trasporti per il parere di competenza, e le cui valutazioni saranno assunte a riferimento per gli aggiornamenti delle restanti società. La terza informativa concerne l’attuazione della delibera CIPE n. 38 del 2019 sul “Criterio generale per l’accertamento e per la definizione dei rapporti economici riferibili alle società concessionarie autostradali limitatamente al periodo intercorrente tra la data di scadenza della concessione e la data di effettivo subentro del nuovo concessionario”. Le società concessionarie scadute cui si applica la regolazione e per le quali sono in corso le procedure di gara sono Autostrade Meridionali, Ativa e Satap A21 (affidamento congiunto delle tratte), Salt e Autofiori A10 (affidamento congiunto delle tratte con trasferimento differito di Autofiori al 2022). Sono in corso di definizione i procedimenti di riaffidamento dell’Autostrada del Brennero (A22) e di Autovie Venete secondo modalità in house. Le società concessionarie hanno impugnato la delibera n. 38/2019 in sede giudiziaria, ma i ricorsi pendenti non interferiscono con le procedure di gara in via di perfezionamento. Le informative in materia di FSC riguardano la riprogrammazione nelle regioni Abruzzo, Calabria, Lombardia.
Il Sottosegretario agli investimenti pubblici, Sen. Mario Turco, ha informato il Comitato sulle iniziative per la ripresa economica dell’area di Taranto (tra cui il Contratto istituzionale di sviluppo, il progetto dell’Acquario di Taranto e i XX Giochi del Mediterraneo 2026). 
 

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri