I Contratti Istituzionali di Sviluppo

Il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) è lo strumento individuato dal Governo per accelerare la realizzazione di progetti strategici, tra loro funzionalmente connessi, di valorizzazione di quei territori della penisola deficitari sul versante della dotazione infrastrutturale e delle dinamiche dello sviluppo.

In sintesi, il Cis è un intervento normativo che accelera, moltiplica, rende convergenti le esigenze della domanda del territorio con l’offerta di sviluppo. Rientrano in tale ambito i progetti di infrastrutturazione, sviluppo economico, produttivo e imprenditoriale, turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali, ambiente, occupazione e inclusione sociale.

"Le zone disagiate hanno bisogno di uno stimolo, di un intervento anche del Governo centrale. Bisogna fare sistema. In questo sistema sono coinvolti tutti gli attori pubblici, a partire dalla Presidenza del Consiglio, dal Governo, dagli Enti locali, ma anche quelli privati, in sinergia" ha dichiarato il Presidente Conte in occasione della presentazione dei Contratti istituzionali di Sviluppo a Campobasso lo scorso febbraio. "La Presidenza del Consiglio ha la funzione di stimolare progetti locali, radicati sul territorio, sostenibili, per incrementare la crescita economica e lo sviluppo sociale del territorio".

Proprio per questo, su impulso del Presidente del Consiglio, da novembre 2018 si sono svolti una serie di incontri tra Governo, Invitalia (soggetto attuatore dei Cis) e gli attori del territorio della provincia di Foggia; incontri che hanno poi portato alla firma, il 13 agosto scorso, del Contratto Istituzionale di sviluppo per la Capitanata. Quello di Foggia, è considerato dal Presidente Conte "un progetto pilota, da replicare anche in altre aree disagiate della penisola", particolarmente bisognose e spesso sinora trascurate.

Il 2 ottobre 2019 a Cagliari, il Presidente ha quindi incontrato i rappresentanti delle istituzioni locali per avviare il Cis per la Città Metropolitana di Cagliari e la Provincia del Sud Sardegna (il cui Tavolo istituzionale si è insediato a Palazzo Chigi il 7 febbraio 2020) e l'11 ottobre è stato a Campobasso per la cerimonia di firma del CIS Molise.

Per quanto riguarda il Cis per l'area della Basilicata, dopo un primo incontro a Potenza (11 febbraio 2018) con i rappresentanti delle Istituzioni locali, enti territoriali e stakeholders e alcune riunioni tecniche propedeutiche alla firma del Dpcm, l'11 febbraio 2020 si è svolta a Palazzo Chigi la prima riunione del Tavolo istituzionale per il programma di sviluppo del territorio lucano che porterà all’approvazione definitiva dei progetti proposti da Comuni, associazioni, imprese, consorzi.

Gli interventi finanziabili a valere sul Cis sono infatti individuati, tra quelli proposti dagli stakeholder locali e raccolti da Invitalia, da un Tavolo Istituzionale, costituito ad hoc e presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Tavolo, oltre ad individuare gli interventi, ha il compito di condividere/integrare la strategia di programma, definire i criteri di selezione degli interventi e il fabbisogno finanziario. Il passo successivo è la sottoscrizione del Cis e l'avvio degli interventi.

Pubblicato il: 9 Ottobre 2019
Aggiornato il: 11 Febbraio 2020

Governo Italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri