Il Presidente

Le novità

Notizie

Conte alla Cerimonia di chiusura della XXX Universiade

Il Presidente Conte ha partecipato a Napoli alla Cerimonia di chiusura della XXX Universiade.

Notizie

Gli impegni del Presidente Conte dal 14 al 18 luglio

Il Presidente Conte domenica 14 luglio parteciperà a Napoli alla Cerimonia di chiusura della XXX Universiade; mercoledì 17 interverrà a Roma alla cerimonia di assegnazione della prima edizione del “Premio nazionale per l’innovazione” di Confagricoltura; giovedì 18 parteciperà a Palazzo Chigi alla riunione del Comitato Interministeriale per le politiche spaziali e aerospaziali.

Notizie

Il Presidente Conte all'Assemblea dell’ABI

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha partecipato all’Assemblea dell’ABI in occasione del centesimo anniversario dell’Associazione Bancaria Italiana, al termine ha tenuto un punto stampa.

Notizie

Il Presidente Conte al Forum dell'Economia Digitale

Il Presidente Conte è intervenuto a Milano al Forum dell’Economia digitale. Al termine, ha tenuto un punto stampa.

Notizie

Conte all'Assemblea Nazionale dell'ANIA

Il Presidente Conte è intervenuto all’Assemblea Nazionale dell’ANIA presso l'Auditorium della Conciliazione.

Notizie

Gli appuntamenti del Presidente Conte dal 10 al 12 luglio

Gli appuntamenti del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, da mercoledì 10 a venerdì 12 luglio.  

Agenda

10   -  22 Luglio 2019

Il presidente

Biografia

Giuseppe Conte è Presidente del Consiglio dal 1 giugno 2018.

Funzioni

Al Presidente del Consiglio, in quanto capo dell'Esecutivo, la Carta costituzionale conferisce un'autonoma rilevanza, facendone il centro nevralgico dell'intera attività del ...

Stasera a #Napoli si è conclusa la trentesima edizione delle #Universiadi, un importante momento di sport e di aggregazione. Napoli e la Campania in questi giorni hanno offerto una grande prova di generosità, di organizzazione, di accoglienza. 
Avevo promesso che sarei intervenuto e oggi al San Paolo ho voluto tributare il giusto riconoscimento a questo grande evento sportivo di cui come Presidente del Consiglio sono orgoglioso. LSi è appena conclusa la seconda parte di questa densa giornata di impegni. Nel pomeriggio sono stato a Milano per partecipare alla quarta edizione del Forum dell’economia digitale, dedicato quest’anno ai grandi innovatori che contribuiscono a disegnare il nuovo volto del nostro Paese. 
Il Forum è stato un’occasione di confronto con giovani imprenditori, startupper e imprese che grazie al loro sguardo sul futuro sfruttano al massimo le opportunità offerte dalla trasformazione digitale. È fondamentale affrontare le novità che questa rivoluzione digitale porta con sé, in particolare l’automatizzazione del lavoro e dei processi produttivi, adottando politiche pubbliche che coniughino modernità e inclusione, distribuendo i benefici delle nuove tecnologie in maniera equa, in modo da migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. 
Dobbiamo lasciarci ispirare dalla creatività dei giovani, dalla loro sensibilità e attitudine ad anticipare i cambiamenti, per creare nuove opportunità di sviluppo per le nostre imprese.

Vogliamo costruire un’Italia innovativa, smart, votata allo sviluppo, che favorisca la nascita anche di nuove figure professionali. È per questo che nella Legge di Bilancio 2019, abbiamo stanziato 1 miliardo di euro per il Fondo Nazionale Innovazione. L’obiettivo è quello di riunire e moltiplicare le risorse pubbliche e private dedicate al tema strategico dell’innovazione, contrastando la dispersione dei talenti. Questo è un primo passo. Siamo consapevoli che resta ancora molto da fare, soprattutto al Sud. 
Dopo il Forum ho visitato, su invito del governatore Fontana, la mostra “Genio e Impresa” in Regione Lombardia. Un progetto che celebra la città Milano e le sue storie di successo costruite sul talento creativo e sulla intraprendenza imprenditoriale, dai tempi di Leonardo e Ludovico il Moro. È attraverso storie imprenditoriali nate dall’incontro tra genio creativo e il coraggio di chi fa impresa che si crea sviluppo. 
Sarò ancora a Milano domani mattina per altri impegni istituzionali e poi farò subito rientro a Roma. Vi terrò aggiornati come sempre.
Si è appena conclusa la seconda parte di questa densa giornata di impegni. Nel pomeriggio sono stato a Milano per partecipare alla quarta edizione del Forum dell’economia digitale, dedicato quest’anno ai grandi innovatori che contribuiscono a disegnare il nuovo volto del nostro Paese. Il Forum è stato un’occasione di confronto con giovani imprenditori, startupper e imprese che grazie al loro sguardo sul futuro sfruttano al massimo le opportunità offerte dalla trasformazione digitale. È fondamentale affrontare le novità che questa rivoluzione digitale porta con sé, in particolare l’automatizzazione del lavoro e dei processi produttivi, adottando politiche pubbliche che coniughino modernità e inclusione, distribuendo i benefici delle nuove tecnologie in maniera equa, in modo da migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. Dobbiamo lasciarci ispirare dalla creatività dei giovani, dalla loro sensibilità e attitudine ad anticipare i cambiamenti, per creare nuove opportunità di sviluppo per le nostre imprese. Vogliamo costruire un’Italia innovativa, smart, votata allo sviluppo, che favorisca la nascita anche di nuove figure professionali. È per questo che nella Legge di Bilancio 2019, abbiamo stanziato 1 miliardo di euro per il Fondo Nazionale Innovazione. L’obiettivo è quello di riunire e moltiplicare le risorse pubbliche e private dedicate al tema strategico dell’innovazione, contrastando la dispersione dei talenti. Questo è un primo passo. Siamo consapevoli che resta ancora molto da fare, soprattutto al Sud. Dopo il Forum ho visitato, su invito del governatore Fontana, la mostra “Genio e Impresa” in Regione Lombardia. Un progetto che celebra la città Milano e le sue storie di successo costruite sul talento creativo e sulla intraprendenza imprenditoriale, dai tempi di Leonardo e Ludovico il Moro. È attraverso storie imprenditoriali nate dall’incontro tra genio creativo e il coraggio di chi fa impresa che si crea sviluppo. Sarò ancora a Milano domani mattina per altri impegni istituzionali e poi farò subito rientro a Roma. Vi terrò aggiornati come sempre.
mostra tutti i 79 commenti
Sono in arrivo a Milano, dove a breve parteciperò al Forum dell’Economia digitale, al termine di una mattinata di lavoro molto intensa.

A Palazzo Chigi di prima mattina abbiamo avuto un incontro con tutti i ministri e gli staff tecnici sul progetto di autonomia differenziata: ci stiamo lavorando da tempo e ormai siamo alle battute conclusive. Faremo una riforma equilibrata e armonica in modo da rispettare la nostra Carta costituzionale e da non compromettere la coesione nazionale.

A seguire abbiamo avuto una proficua riunione della Cabina di regia ‘Strategia Italia’. Sono molto soddisfatto dell’azione corale che con tutta la squadra di Governo stiamo portando avanti per rimettere in moto il Paese, per sbloccare i cantieri, realizzare nuove opere, semplificare le varie procedure burocratiche che per anni hanno rallentato l’economia e lo sviluppo del Paese. 
Oggi abbiamo affrontato tanti dossier per accelerare investimenti in settori di prioritario interesse quali il dissesto idrogeologico, le infrastrutture stradali e quelle idriche di acquedotto, che rappresentano la spina dorsale del Piano ‘Proteggi Italia’ presentato lo scorso febbraio. Solo per questi comparti abbiamo la concreta prospettiva di attuare un cospicuo volume di investimenti nell’ordine di circa 3,3 miliardi di euro per la fine del 2019. Nell’ambito di questa strategia, oggi abbiamo dato il via libera al piano stralcio Ambiente redatto dal ministro Costa, che prevede 263 interventi per oltre 315 milioni di euro. Ma anche sul fronte del contrasto al dissesto idrogeologico, l’interlocuzione tra il Dipartimento della Protezione civile e le amministrazioni regionali sta procedendo speditamente. Ci sono 1,2 miliardi di euro già programmati da assegnare alle Regioni colpite dall’ondata di maltempo dello scorso anno, e per i quali siamo al lavoro per superare tutte le problematicità al fine di completare a settembre l’avvio di tutti i cantieri.
Sono in arrivo a Milano, dove a breve parteciperò al Forum dell’Economia digitale, al termine di una mattinata di lavoro molto intensa. A Palazzo Chigi di prima mattina abbiamo avuto un incontro con tutti i ministri e gli staff tecnici sul progetto di autonomia differenziata: ci stiamo lavorando da tempo e ormai siamo alle battute conclusive. Faremo una riforma equilibrata e armonica in modo da rispettare la nostra Carta costituzionale e da non compromettere la coesione nazionale. A seguire abbiamo avuto una proficua riunione della Cabina di regia ‘Strategia Italia’. Sono molto soddisfatto dell’azione corale che con tutta la squadra di Governo stiamo portando avanti per rimettere in moto il Paese, per sbloccare i cantieri, realizzare nuove opere, semplificare le varie procedure burocratiche che per anni hanno rallentato l’economia e lo sviluppo del Paese. Oggi abbiamo affrontato tanti dossier per accelerare investimenti in settori di prioritario interesse quali il dissesto idrogeologico, le infrastrutture stradali e quelle idriche di acquedotto, che rappresentano la spina dorsale del Piano ‘Proteggi Italia’ presentato lo scorso febbraio. Solo per questi comparti abbiamo la concreta prospettiva di attuare un cospicuo volume di investimenti nell’ordine di circa 3,3 miliardi di euro per la fine del 2019. Nell’ambito di questa strategia, oggi abbiamo dato il via libera al piano stralcio Ambiente redatto dal ministro Costa, che prevede 263 interventi per oltre 315 milioni di euro. Ma anche sul fronte del contrasto al dissesto idrogeologico, l’interlocuzione tra il Dipartimento della Protezione civile e le amministrazioni regionali sta procedendo speditamente. Ci sono 1,2 miliardi di euro già programmati da assegnare alle Regioni colpite dall’ondata di maltempo dello scorso anno, e per i quali siamo al lavoro per superare tutte le problematicità al fine di completare a settembre l’avvio di tutti i cantieri.
mostra tutti i 164 commenti
Oggi pomeriggio sarò a #Milano per partecipare al @fed_forumeconomiadigitale_2019. Dalle 16.50 circa potrete seguire il mio intervento in diretta streaming sulla mia pagina Facebook. 
A più tardi! #Fed2019Procedure più rapide e semplificate per la ricostruzione dei beni culturali e delle chiese delle zone terremotate del Centro Italia. È stata approvata questa mattina, nel corso della cabina di regia che si è riunita a Rieti con il commissario straordinario Farabollini, l’ordinanza attuativa per il ripristino degli edifici di culto. Un impegno che avevo preso personalmente, lo scorso mese, all’incontro avuto con i Vescovi delle diocesi terremotate di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, e che riguarderà oltre 600 chiese danneggiate dal sisma. Non solo. Sono state approvate altre due ordinanze: sull’assegnazione dei fondi Inail per progetti di investimento in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, e sullo studio delle faglie attive. Si tratta di tre nuovi importanti passi avanti nell’incessante attività di rilancio del tessuto economico e sociale delle comunità del Centro Italia interessate dal sisma.

Sono consapevole che la fase della ricostruzione può e deve procedere sempre più speditamente, è un tema che ho affrontato anche nel corso della mia recente visita a Teramo. Da parte di questo governo c’è il massimo impegno per accelerare e semplificare ancora di più le procedure e lo dimostrano anche le recenti norme inserite nel decreto Sblocca cantieri, senza derogare tuttavia ai presidi di legalità e sicurezza. 
Ho parlato di tutto questo oggi pomeriggio con il sottosegretario Crimi e il capo del Dipartimento della Protezione civile Borrelli, in un incontro che ho avuto a palazzo Chigi. Tornerò presto a incontrare i rappresentanti delle comunità locali per un nuovo confronto. L’attenzione del Governo rimane massima.
Procedure più rapide e semplificate per la ricostruzione dei beni culturali e delle chiese delle zone terremotate del Centro Italia. È stata approvata questa mattina, nel corso della cabina di regia che si è riunita a Rieti con il commissario straordinario Farabollini, l’ordinanza attuativa per il ripristino degli edifici di culto. Un impegno che avevo preso personalmente, lo scorso mese, all’incontro avuto con i Vescovi delle diocesi terremotate di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, e che riguarderà oltre 600 chiese danneggiate dal sisma. Non solo. Sono state approvate altre due ordinanze: sull’assegnazione dei fondi Inail per progetti di investimento in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, e sullo studio delle faglie attive. Si tratta di tre nuovi importanti passi avanti nell’incessante attività di rilancio del tessuto economico e sociale delle comunità del Centro Italia interessate dal sisma. Sono consapevole che la fase della ricostruzione può e deve procedere sempre più speditamente, è un tema che ho affrontato anche nel corso della mia recente visita a Teramo. Da parte di questo governo c’è il massimo impegno per accelerare e semplificare ancora di più le procedure e lo dimostrano anche le recenti norme inserite nel decreto Sblocca cantieri, senza derogare tuttavia ai presidi di legalità e sicurezza. Ho parlato di tutto questo oggi pomeriggio con il sottosegretario Crimi e il capo del Dipartimento della Protezione civile Borrelli, in un incontro che ho avuto a palazzo Chigi. Tornerò presto a incontrare i rappresentanti delle comunità locali per un nuovo confronto. L’attenzione del Governo rimane massima.
mostra tutti i 61 commenti

Impegni nazionali ed internazionali del Presidente

Naviga la mappa