Open data, on line la nuova versione di dati.gov.it

08 Giugno 2015

Il nuovo sito favorisce l’utilizzo dei dataset promuovendo trasparenza, accountability, diffusione e riutilizzo dei dati aperti

Il portale dei dati aperti della pubblica amministrazione, dati.gov.it, che dal 2011 ospita il catalogo degli open data pubblicati da Ministeri, Regioni ed Enti Locali, è stato sottoposto ad una profonda revisione. Nello specifico, i dataset sono stati riorganizzati in maniera più razionale e semplice, comparando le classificazioni di riferimento usate dalla Comunità Europea e quelle di alcuni tra i migliori portali opendata mondiali, in modo da favorire una migliore valutazione e lo scambio di informazioni con altri stati. Inoltre, i focus tematici che raggruppano dataset e contenuti editoriali, sono navigabili in maniera semplificata anche dai non addetti ai lavori.

La classificazione dei dataset per Temi

La classificazione dei dataset per Temi restituisce 15 cataloghi verticali, i filtri per Genere sono trasversali alle altre classificazioni e aggregano dataset dal contenuto simile. I filtri tecnici permettono una ricerca tramite Formati e Licenze, quelli per Territorio permettono una ricerca per livelli amministrativi, quelli per Organizzazione – infine - permettono di condurre la ricerca a partire dal nome dell’amministrazione che ha rilasciato i dati. Una classificazione definita comparando le usate dalla Comunità Europea e da alcuni tra i migliori portali open data mondiali, in modo da favorire la valutazione e lo scambio di informazioni con altri Stati.

Il piano Crescita Digitale, approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 3 marzo, definisce gli opendata “piattaforma abilitante” per lo sviluppo dell’innovazione e la trasparenza amministrativa; l’Agenzia per l’Italia Digitale, seguendo questa prescrizione, ha rilasciato una versione della piattaforma che consente a tutte le categorie di utenti una migliore fruizione dei dataset e nuove possibilità per la condivisione, l'implementazione e il riutilizzo del patrimonio informativo.

Dati.gov.it – da marzo 2015 gestito dall’Agenzia per l’Italia Digitale che si avvale del supporto tecnico del Formez - rimarrà in costante aggiornamento per permettere l’implementazione di nuove funzioni sollecitate anche dalle segnalazioni degli utenti.

fonte: Agid - comunicato stampa