Sabato, 26 Gennaio 2019

Intervista al The Times

Giuseppe Conte interview: ‘Leave the EU? No chance - we want to confront our problems from inside’
Intervista a Giuseppe Conte: "Lasciare l'UE? Non se ne parla: vogliamo affrontare i nostri problemi dall'interno 

by Tom Kington

The comment I often hear from Italians these days goes something like this: "We thought Italy had a monopoly on insanely complex political rows that are driven by poisonous rivalries and monstrous egos. But this Brexit? Mamma mia!" 
Giuseppe Conte. Italy's urbane prime minister, is not about to be so forthright, claiming when I meet him that he will not pass judgment on the politics of his neighbours. 

"I don't want to give lessons, to say whether Brexit was a mistake." he says. "There was a referendum and the vote must be respected." But then, in his measured, diplomatic language. he issues a clear warning to the warring tribes of British politics, in essence saying: "If you want to tweak the Brexit deal we worked hard on, make sure you speak with one voice, otherwise you won't get any help from us. And do it quickly because March 29 is round the corner."

He explains: "The UK needs to find a consensus on a proposal to take to Europe. With all respect for the democratic process, it is important to have a position before seeing if it is possible for the 27 other members to revise their position." He makes it clear that until Theresa May gets that firm support for her proposals to change the rules on the backstop or anything else, she will get no helpful tips from Brussels. 

"If we don't understand properly what the British people want to achieve or propose, it is not for the EU to suggest something," he says. 

That is tough talk from a leader who was teaching law this time last year before he was plucked from obscurity in June to front Italy's first populist government. 
Rushing in from Davos this week. he looks right at home in his elegant suit while offering tea amid the wall tapestries, chandeliers, frescoed ceilings and marble floors of Palazzo Chigi, his office in central Rome. 
Since taking the helm, Mr Conte, 54, has also learnt fast about stepping in to stop Italy's frequently bickering coalition parties — Five Star and the League —from trading blows. 
So it's no surprise to hear him confidently telling Britain's prime minister that the clock is ticking. 

"I hope this proposal comes soon since there is a deadline at the end of March," he says. The point, he adds, is that the delay in triggering Article 50 favoured by many MPs is a non-starter because it would interfere with European elections in May. If there is a delay, will British politicians stand for election to a parliament they are about to leave, or stay out of an election to a parliament that would still represent the UK, however briefly? "It would not be an ideal solution and would lead to confusion," Mr Conte says, keeping it diplomatic. 
As his government is about to enter its tenth month the prime minister has approval ratings that Mrs May would kill for. about 60 per cent, making it "a very long honeymoon", he says. 
Renowned as a laboratory for political experiments, from fascism to Silvio Berlusconi’s prelude to Trumpism, Italy lias given birth to a populist government that teams Matteo Salvini’s right-wing, anti- migrant League with the left-leaning, welfare-focused Five Star - a bit like Donald Trump and Bernie Sanders teaming up, according to Steve Bannon. a big fan of the coalition. 
The problem was that neither Mr Salvini nor Luigi Di Maio, the leader of Five Star, would let the other be prime minister, so a Five Star official called Alfonso Bonafede, now justice minister, recommended an outsider. That turned out to be his old law professor from Florence University, Mr Conte. 
The adventure kicked off badly when a microphone in parliament caught Mr Conte being told what to say and what not to say by Mr Di Maio. One comedian depicted him as a butler, bowing and making coffee for the two populist leaders. 
Things improved with the arrival of the Five Star spin doctor Rocco Casalino, who has carved out back channels to journalists — despite Five Star's mistrust of the mainstream media — to get Mr Conte recognised as the acceptable face of populism, far from Mr Salvini's growling tirades against migrants and George Soros. 
"We need a new humanism”, Mr Conte said in his speech at Davos this week, explaining how a wage for the jobless and a lower pension age are not populist giveaways but a fightback against years of cruel austerity. 
As the tea arrives at Palazzo Chigi, he tackles suspicions that his Eurosceptic coalition wants to emulate Brexit. "Italy has no plan for an Italexit, there is no chance, no prospect of that. Italy is determined to confront all its problems inside the EU," he says. Thrown headlong into politics, Mr Conte started to get noticed by the Italian establishment when he turned out for a G7 summit in Canada days after his appointment. 
"At the G7 I was welcomed like a member of the club," Mr Conte claims. "And immediately I realised the importance of having personal relationships." No more so than with President Trump. "There was an instant rapport the moment we met." he says. 

Back home he played referee as the League and Five Star clashed over everything from building rubbish incinerators and train lines to new gas pipelines, coming to resemble the comedian Harry Enfield’s Liverpudlian who constantly yells "Calm down!" as his mates argue. 
He earned his spurs at the end of last year when Mr Di Maio and Mr Salvini, both deputy prime ministers. announced a rise in the budget deficit to 2.4 per cent to cover their spending plans and heaped insults on Brussels officials who dared to object. 
As the EU came close to starting infraction procedures that could have cost Rome billions in fines, Mr Conte took over the talks and the deficit was lowered to just over 2 per cent. "He understood the danger, told Di Maio and Salvini; to pipe down and took over, making himself stronger in the process," Massimo Franco, a columnist with Corriere della Sera, said. "If Conte now falls, they fall, and that wasn't the case six months ago." 
It earned him a 62 per cent approval rating, against Mr Salvini's 53 per cent, despite the League leader's massive social media following and vote-winning crackdown on migrants. 

When it comes to migration, the prime minister is in a delicate situation. Mr Salvini is pushing the topic as hard as he can in an effort to polarise Italy, challenging voters to stand with him or, as he sees it, side with left-wing do-gooders who back migrant rapists and drug dealers. This week Mr Salvini ordered the shutdown of Italy's second largest migrant centre and shrugged when judges threatened to put him on trial for keeping migrants trapped on board a rescue ship after she docked in Sicily last year. 
After the arrival of more than 600.000 migrants in four years, the row boils down to one question for Italians: are charity rescue boats off Libya essential to save lives or do they act as a magnet to migrants, provoking more sailings and more deaths? This month Mr Salvini, a firm believer in the latter, banned a rescue boat. Sea Watch 3, from docking in Italy after she had been waiting at sea for three weeks with women and children on board. He was said to be furious when Mr Conte offered to fly them into Italy instead. 
Last week, as a dinghy loaded with migrants drifted off Libya, Mr Conte acted again, instructing Italy's intelligence agencies to cajole the Libyan coastguard into diverting a passing freighter to pick them up. 
Mr Di Maio entered the fray this week, blaming France for migration from Africa. By convincing 14 African states to go on using an African version of the franc, he argued, Paris was stifling development and forcing locals to seek their fortune in Europe. 
The Italian ambassador in Paris was summoned in protest, but it was merely the latest attack on France by the Italian populists who regard President Macron as the epitome of elitist globalism, not to mention a handy enemy as they start campaigning for the European elections. Mr Di Maio has already firmly backed France's gilets jaunes, while Mr Salvini capped months of disputes with Mr Macron over migrant quotas this week by calling him a "terrible" president. 
The French leader did not respond, leaving it to his Europe minister to say that France would not be drawn into a "stupidity contest". 
As Britain gets ready to leave it all behind, angry populists and Eurosceptics in Italy, Poland. Hungary and elsewhere are lining up to tear strips off France and Germany at the May elections.
This time Mr Conte has no intention of yelling "calm down". instead blithely calling it "a lively clash". Yesterday he told Corriere della Sera that he also had his own grudge with France after it offered to ensure that Germany had a permanent seat at the UN security council. "How come? Wasn't it always said that a seat would go to Europe? Looks like they are making fun of us," he fumed. Recalling how seats had always gone to countries that won the Second World War, he added: "Did Germany win or lose that war?"

Traduzione di cortesia

Il commento che sento spesso fare dagli italiani in questi giorni suona come qualcosa del tipo: "Pensavamo che l'Italia avesse il monopolio su discussioni politiche follemente complesse, fomentate da velenose rivalità ed ego mostruosi, ma questa Brexit? Mamma mia!"

Giuseppe Conte. L’elegante Primo Ministro italiano, non sarà così diretto, sostenendo, quando lo incontro, che non giudicherà la politica dei suoi vicini.

"Non voglio dare lezioni, sul fatto che la Brexit sia stata un errore o meno." ci dice. 
"C'è stato un referendum e il voto deve essere rispettato." Ma poi, con il suo linguaggio misurato e diplomatico lancia un chiaro avvertimento alle belligeranti tribù della politica britannica, dicendo, in sostanza: "Se volete modificare l'accordo Brexit su cui abbiamo lavorato duramente, assicuratevi di parlare con una sola voce, altrimenti non otterrete alcun aiuto da parte nostra. E fatelo velocemente perché il 29 marzo è dietro l'angolo. "

Spiega: "Il Regno Unito deve trovare il consenso su una proposta da portare in Europa. Con tutto il rispetto per il processo democratico, è importante avere una posizione prima di vedere se è possibile per gli altri 27 Stati rivedere la propria posizione." 
Mette in chiaro che fino a quando Theresa May non otterrà un saldo sostegno per le sue proposte di modifica delle regole sul backstop o qualsiasi altra cosa, non riceverà alcun suggerimento utile da Bruxelles.
"Se non comprendiamo correttamente ciò che il popolo britannico vuole ottenere o proporre, non spetta all'UE suggerire qualcosa", dice.

Questa è il modo forte di esprimersi da parte di un Leader che l'anno scorso di questi tempi era un professore di diritto prima di essere estratto dall'oscurità a giugno per guidare il primo governo populista italiano.

Appena rientrato da Davos questa settimana, sembra essere a suo agio nel suo abito elegante mentre offre il tè tra gli arazzi, i lampadari, i soffitti affrescati ed i pavimenti in marmo di Palazzo Chigi, il suo ufficio nel centro di Roma.
Da quando ha preso il timone, Giuseppe Conte, 54 anni, ha anche imparato velocemente a intervenire per frenare i partiti della coalizione, spesso litigiosi in Italia – M5S e Lega – dai reciproci colpi.

Non è quindi una sorpresa sentirlo dire con sicurezza al Primo Ministro britannico che il tempo stringe.

"Spero che questa proposta arrivi presto perché c'è una scadenza alla fine di marzo", dice. Il punto, aggiunge, è che il ritardo nell'attivazione dell'articolo, 50 favorito da molti parlamentari è un fallimento in partenza perché interferirebbe con le elezioni europee di maggio. Se c'è un ritardo, i politici britannici si candideranno ad un Parlamento che stanno per lasciare, o resteranno fuori da un'elezione per un Parlamento che rappresenterebbe ancora il Regno Unito, per quanto brevemente? "Non sarebbe una soluzione ideale e creerebbe confusione", dice Conte, mantenendo un approccio diplomatico.

Mentre il suo Governo sta per entrare nel decimo mese di vita, il Primo Ministro registra degli indici di gradimento per i quali la signora May potrebbe uccidere. 
All’incirca il 60%, rendendola "una lunghissima luna di miele", dice.

Nota come laboratorio per esperimenti politici, dal fascismo al preludio di Silvio Berlusconi al Trumpismo, l'Italia ha dato alla luce un governo populista dove coesistono la Lega anti-migranti di destra di Matteo Salvini con il M5S orientato a sinistra, incentrato sul welfare – come dice Steve Bannon -un grande fan della coalizione- è un po’ come se Donald Trump e Bernie Sanders si alleassero.

Il problema era che né Matteo Salvini né Luigi Di Maio, il leader del M5S, volevano lasciare che l'altro fosse Primo Ministro, quindi un esponente Cinque Stelle , Alfonso Bonafede, adesso Ministro della giustizia, ha segnalato un “outsider” e questo è  risultato essere il suo vecchio professore di legge all'Università di Firenze, Giuseppe Conte.

L'avventura è iniziata male quando un microfono aperto in Parlamento ha sorpreso l'onorevole Di Maio che diceva cosa dire o non dire a Conte. Un comico lo ha subito raffigurato come un maggiordomo, che si inchina e prepara il caffè per i due leader populisti.

Le cose sono migliorate con l'arrivo dello spin doctor Cinque Stelle Rocco Casalino, che si è creato dei propri canali verso i giornalisti - nonostante la diffidenza del M5S nei confronti dei tradizionali media - per far riconoscere in Conte il volto accettabile del populismo, lontano dalle invettive ringhianti di Salvini contro i migranti e contro George Soros.

"Abbiamo bisogno di un nuovo umanesimo", ha detto Conte nel suo discorso a Davos questa settimana, spiegando come un salario per i disoccupati e una ridotta età pensionabile non siano omaggi populisti, ma la lotta contro anni di crudele austerità.

Mentre il tè viene servito a Palazzo Chigi, affronta il sospetto che la sua coalizione euroscettica voglia emulare la Brexit. "L'Italia non ha piani per un Italexit, non c'è nessuna possibilità, nessuna prospettiva in tal senso, l'Italia è determinata ad affrontare tutti i suoi problemi all'interno dell'UE", dice. Gettato a capofitto in politica, Conte ha iniziato a farsi notare dall'establishment italiano quando si è presentato, dopo la sua nomina, al Vertice G7 in Canada.
"Al G7 sono stato accolto come un membro del Club", afferma Conte, e immediatamente ho capito l'importanza di avere relazioni personali. "Così come con il Presidente Trump "c'è stato un rapporto istantaneo, dal momento in cui ci siamo incontrati", ci dice.

Tornato a casa ha agito da arbitro quando la Lega e i 5 Stelle si sono scontrati su tutto, dalla costruzione di inceneritori e linee ferroviarie ai nuovi gasdotti, arrivando ad assomigliare al “Liverpudlian” del comico di Harry Enfield che costantemente urla "Calmatevi!" mentre i suoi compagni discutono animatamente.

Si è guadagnato i gradi sul campo alla fine dello scorso anno quando Di Maio e Salvini, entrambi Vice Primi Ministri, hanno annunciato un aumento del deficit di bilancio al 2,4% per coprire i loro piani di spesa e lanciato invettive nei confronti dei funzionari Bruxelles che hanno osato obiettare.

Mentre l'UE si avvicinava all'apertura di una procedura di infrazione che poteva costare miliardi in sanzioni, Conte ha preso in mano le trattative e il deficit è stato ridotto a poco più del 2%. "Ha compreso il pericolo, ha detto a Di Maio e Salvini di rimanere in silenzio e ha preso in mano la situazione, rafforzando la sua posizione nel processo", ha detto Massimo Franco, editorialista del Corriere della Sera ha detto: "Se adesso Conte cade, cadono anche loro, diversamente da sei mesi fa."
Gli è valso il 62% di gradimento, contro il 53% di Salvini, nonostante il massiccio seguito sui social media e la stretta elettoralistica sui migranti del Leader della Lega. 
Quanto alla migrazione, il Primo Ministro si trova in una situazione delicata. Salvini sta enfatizzando l'argomento il più possibile nel tentativo di polarizzare l'Italia, sfidando gli elettori a stare con lui o, come la vede lui, a schierarsi con i buonisti della sinistra che sostengono i migranti stupratori e gli spacciatori. Questa settimana Salvini ha ordinato la chiusura del secondo più grande centro d’accoglienza d'Italia ed ha scrollato le spalle quando i giudici hanno minacciato di processarlo per aver tenuto i migranti intrappolati a bordo di una nave di soccorso dopo che questa, lo scorso anno, aveva attraccato in Sicilia.

Dopo l'arrivo di oltre 600.000 migranti in quattro anni, il tutto si riduce ad una domanda per gli italiani: le imbarcazioni di caritatevole salvataggio al largo della Libia sono essenziali per salvare vite o fungono da calamita per i migranti, provocando più partenze e più morti? Questo mese Salvini, un convinto sostenitore di quest'ultima visione, ha impedito ad un’imbarcazione di salvataggio, la Sea Watch 3, di attraccare in Italia dopo aver atteso in mare tre settimane con donne e minori a bordo. Si dice che fosse furioso quando invece Conte ha offerto loro di volare in Italia.

La settimana scorsa, mentre un gommone carico di migranti andava alla deriva al largo della Libia, Conte si è nuovamente attivato, dando istruzioni alle agenzie di intelligence italiane di convincere la Guardia Costiera libica a deviare un cargo di passaggio per raccoglierli.

Di Maio è entrato nella mischia questa settimana, accusando la Francia per la migrazione proveniente dall'Africa. Convincendo 14 stati africani a continuare a usare una versione africana del franco, ha sostenuto, Parigi sta soffocando lo sviluppo e costringe gli abitanti a cercare fortuna in Europa.
L'Ambasciatore italiano a Parigi è stato convocato in segno di protesta, ma questo è stato solo l'ultimo attacco alla Francia da parte dei populisti italiani che considerano il presidente Macron l'epitome del globalismo elitario, per non parlare di un utile nemico mentre inizia la campagna per le elezioni europee. Di Maio ha già sostenuto con forza i gilet gialli francesi, mentre questa settimana Salvini ha coronato mesi di dispute con Macron sulle quote in materia di migrati definendolo un "pessimo" Presidente.
Il leader francese non ha risposto, lasciando al suo Ministro per gli Affari Europei di dire che la Francia non sarebbe stata trascinata in una "gara di stupidità". 
Mentre la Gran Bretagna si appresta a lasciare tutto questo alle spalle, populisti ed euroscettici arrabbiati in Italia, Polonia, Ungheria ed altrove si stanno schierando per fare a brandelli Francia e Germania alle elezioni di maggio.

Questa volta Conte non ha alcuna intenzione di urlare "calmatevi", definendolo piuttosto tranquillamente "uno scontro vivace". Ieri ha detto al Corriere della Sera che anche lui provava forte rammarico nei confronti della Francia dopo che questa si è offerta di assicurare che la Germania avesse un seggio permanente al Consiglio di Sicurezza dell'ONU. "Come mai? Non è sempre stato detto che il seggio sarebbe andato all’Europa? Sembra che si stiano prendendo gioco di noi, ha sibilato. Ricordando come i seggi sono stati attribuiti ai Paesi che hanno vinto la Seconda Guerra Mondiale, ha aggiunto: "La Germania ha vinto o ha perso quella guerra?