Il Presidente Conte a Bruxelles per il Consiglio europeo e l'Euro Summit

14 Dicembre 2018

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è stato a Bruxelles il 13 e 14 dicembre.

Giovedì, al suo arrivo all'Europa Building per la prima sessione di lavoro del Consiglio europeo, il Presidente ha tenuto un punto stampa e, successivamente, ha avuto un bilaterale con il Primo Ministro portoghese, António Costa. In serata ha partecipato alla cena di lavoro dei membri del Consiglio Europeo.
Venerdì il Presidente Conte ha partecipato alla seconda sessione del Consiglio europeo e, in seguito, al pranzo di lavoro dei membri dell’Euro Summit. Al termine ha tenuto una conferenza stampa.



Visualizza questo post su Instagram


Decreto fiscale, legge spazzacorrotti e dl semplificazioni. Tre provvedimenti fondamentali per il nostro “Sistema Italia”, che in pochi giorni ci consentono di dare una forte accelerazione al processo di crescita e rilancio del Paese avviato da questo Governo. Mentre sono impegnato con i lavori della prima giornata del Consiglio europeo a Bruxelles, dove ho portato con me il dossier “Un nuovo percorso per un futuro migliore”, che contiene le riforme del Governo del cambiamento, sto seguendo come sempre ciò che accade in Italia: oggi la Camera ha approvato definitivamente il decreto fiscale e il Senato ha votato la fiducia alla legge anticorruzione. Due misure che hanno il merito di avvicinare i cittadini alle Istituzioni e costruire un futuro diverso per il nostro Paese. In particolare, il decreto fiscale garantirà ai cittadini per la prima volta un fisco amico, mentre la legge spazzacorrotti consegnerà al Paese una vera riforma anticorruzione, che non era mai stata fatta in Italia. Ieri il decreto semplificazioni è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, a breve approveremo la legge di Bilancio, con il Reddito di cittadinanza e la quota 100. Con il decreto fiscale costruiamo finalmente un fisco amico dei contribuenti, attuando il principio della pace fiscale, come è scritto nel Contratto di Governo, e dichiarando invece guerra all’evasione. Il nostro impegno è semplificare la vita dei cittadini e delle imprese, rifondare il patto tra Stato e contribuenti sulla cooperazione, premiando gli onesti e colpendo i disonesti. In questo modo, contribuiamo a liberare le migliori energie del Paese attraverso lo snellimento di procedure tributarie e amministrative che per troppi anni hanno oppresso i contribuenti. Favoriamo perciò una giustizia più veloce ed efficiente a beneficio dei cittadini e delle imprese. Andiamo avanti, rispettando gli impegni presi con gli italiani e lavorando costantemente per una soluzione positiva del dialogo con le istituzioni europee

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale) in data: