Con l'operazione "Spiagge libere" restituiti 250mila metri quadri di coste ai cittadini

04 Agosto 2018

250mila metri quadri di spiagge restituite ai cittadini grazie all’operazione "Spiagge libere" condotta dagli uomini e le donne della Guardia Costiera e fortemente voluta dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Toninelli.

L’operazione, iniziata nell'ultima settimana di luglio, è stata messa in atto per prevenire e contrastare l'occupazione abusiva di cale e arenili da parte di chi, senza averne titolo, ne ha fatto un uso personale, trasformandole in stabilimenti balneari o spiagge private.
La Guardia costiera ha effettuato oltre 5.000 controlli su tutto il territorio nazionale, riscontrando 385 illeciti per un totale di circa 170 mila euro di sanzioni amministrative, e ha proceduto al sequestro di 12.000 attrezzature balneari, restituendo così le spiagge e le coste all'uso libero e pubblico dei cittadini.

"Ringrazio la Guardia Costiera – ha dichiarato il Ministro Toninelli – per l'instancabile azione a tutela della sicurezza e della legalità sulle nostre spiagge. Il mare italiano è di tutti e tutti devono poterne fruire nel rispetto delle regole, dei diritti e delle prerogative di ciascuno. Il Ministero che guido agirà per rafforzare la consapevolezza di quelle stesse regole a beneficio sia degli utenti che degli operatori economici del settore".