Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n.83

25 Settembre 2015

Il Consiglio dei ministri si è riunito oggi, venerdì 25 settembre 2015, alle ore 11.35 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Claudio De Vincenti.

 

*****

FINANZA PUBBLICA

Misure urgenti per la finanza pubblica (decreto legge)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Matteo Renzi e del Ministro dell’economia e delle finanze Pietro Carlo Padoan, ha avviato la discussione sul decreto legge riguardante misure urgenti per la finanza pubblica che verrà portato nel prossimo Consiglio dei ministri.

*****

COMPENSI DEGLI AMMINISTRATORI GIUDIZIARI

Disposizioni in materia di modalità di calcolo e liquidazione dei compensi degli amministratori giudiziari iscritti all’albo (decreto presidenziale)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Matteo Renzi e del Ministro della giustizia Andrea Orlando,  ha approvato, in via definitiva, uno schema di decreto presidenziale che dà attuazione all’art. 8 del Decreto legislativo n. 14 del 2010 e che stabilisce le modalità di calcolo e di liquidazione dei compensi degli amministratori giudiziari dei beni sottoposti a misure reali di prevenzione. Si tratta di un provvedimento da tempo atteso per assicurare l’uniformità, l’economicità e la trasparenza delle prassi giudiziarie e, nel contempo, l’efficace gestione dei patrimoni illeciti destinati alla confisca e alla successiva destinazione sociale. 

Le percentuali adottate nello schema di decreto consentono un sensibile contenimento dei compensi attualmente  liquidati dagli uffici giudiziari. Il decreto assume, come modello di riferimento,  la disciplina regolamentare in materia spettante al curatore fallimentare e al commissario giudiziale nella procedura di concordato preventivo. I procedimenti di prevenzione disciplinati dal Codice antimafia presentano infatti, in merito alla gestione dei beni sottoposti a sequestro (o a confisca), innegabili elementi di connessione con le procedure concorsuali.

Si è però operato un adattamento dei criteri propri della materia fallimentare, perché questi riguardano la liquidazione del compenso complessivamente dovuto alla conclusione della procedura concorsuale (la cui ragionevole durata è fissata, a norma della c.d. legge Pinto, in 6 anni), quando invece l’attività dell’amministratore giudiziario, da remunerare sulla base del regolamento in esame, cessa al momento della pronuncia del provvedimento di confisca di primo grado. La riduzione è stata compiuta tenendo conto espressamente della maggiore delicatezza dell’incarico di amministratore in contesti di criminalità organizzata.

È importante evidenziare che si è avuto cura di dare puntuale attuazione alla previsione di legge secondo cui il compenso deve essere stabilito sulla base di scaglioni commisurati al valore dei beni o dei beni costituiti in azienda, quale risultante dalla relazione di stima redatta dall'amministratore giudiziario, ovvero al reddito prodotto dai beni. Si è dunque dato rilievo al valore dell’azienda, che non deve essere in alcun modo confuso con il fatturato (criterio previsto invece attualmente per le amministrazioni straordinarie), né con i ricavi lordi (parametro contemplato per le procedure fallimentari). Il valore dell’azienda va determinato detraendo i debiti; si tratta dunque di un criterio che preclude il ricorso ad altri commisurati su indici contabili che non tengono conto dell’esposizione debitoria dell’impresa.

*****

RATIFICA ED ESECUZIONE DI ACCORDI EUROPEI

Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Paolo Gentiloni, i seguenti cinque disegni di legge:

  • Ratifica ed esecuzione dell’accordo di cooperazione di polizia tra il governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica di Cuba, fatto a L’Avana il 16 settembre 2014. Il testo sancisce l’impegno dei due Paesi a rafforzare ed intensificare la collaborazione e il reciproco scambio di informazioni e prassi al fine di prevenire e combattere la criminalità e il terrorismo.

Inoltre, in co-proponenza con il Ministro della difesa Roberta Pinotti, il Consiglio dei ministri ha approvato altri tre disegni di legge di ratifica ed esecuzione di:

  • Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo del Regno hascemita di Giordania sulla cooperazione nel settore della difesa, fatto a Roma il 29 aprile 2015;
  • Memorandum d’intesa tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica del Perù per la cooperazione nel campo della sicurezza e difesa e dei materiali per la difesa, fatto a Roma il 17 marzo 2010;
  • Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il governo dell’Ecuador in materia di cooperazione nel campo della difesa, fatto a Roma il 18 novembre 2009 e a Quito il 20 novembre 2009.

La firma dei tre Accordi hanno lo scopo di fissare la cornice giuridica entro cui sviluppare la cooperazione bilaterale nel settore della difesa tra l’Italia e, rispettivamente, gli altri tre Paesi, nell’intento di consolidare le capacità difensive di ciascuno e di migliorare la comprensione reciproca sulle questioni della sicurezza. Peraltro, la sottoscrizione di tali atti, che mirano anche ad indurre positivi effetti diretti e indiretti nei settori produttivi e commerciali di riferimento dei rispettivi Paesi, va intesa come azione stabilizzatrice di aree di particolare valore strategico e di alta valenza politica, considerati gli interessi nazionali e gli impegni internazionali assunti dall’Italia nella regione medio-orientale, per il primo, e sudamericana per gli altri due.

Infine il Consiglio dei ministri ha approvato, questa volta in co-proponenza con il Ministro  dell’interno Angelino Alfano, un disegno di legge di:

  • Ratifica ed esecuzione dell’accordo fra il governo della Repubblica italiana e il governo della Repubblica socialista del Vietnam di cooperazione nella lotta alla criminalità, fatto a Roma il 9 luglio 2014. L’Accordo tra i due Paesi è finalizzato, tra le altre cose, ad intensificare la collaborazione per il contrasto alla criminalità organizzata transnazionale, al traffico illegale di sostanze stupefacenti e psicotrope, alla tratta di esseri umani e al traffico di migranti e al terrorismo.

*****

VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Regolamento di disciplina delle funzioni del dipartimento della funzione pubblica in materia di misurazione e valutazione della performance delle pubbliche amministrazioni (decreto presidenziale – esame preliminare)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madia, ha approvato in esame preliminare al fine di acquisite i pareri prescritti, uno schema di decreto del Presidente della Repubblica recante il regolamento di disciplina delle funzioni del dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri in materia di misurazione e valutazione della performance delle pubbliche amministrazioni.

Nello specifico il regolamento anticipa alcune necessarie misure che saranno più organicamente oggetto dell’esercizio della delega in attuazione della legge di riforma delle amministrazioni pubbliche, appena approvata dal Parlamento.  Il regolamento, previsto dal decreto legge n. 90/2014 al fine di completare il trasferimento delle funzioni in materia di valutazione già attribuite all’ANAC, disciplina in particolare per le amministrazioni la possibilità di semplificare il ciclo della performance e per il cittadino la garanzia di una valutazione più indipendente e affida al Dipartimento della Funzione Pubblica un ruolo di coordinamento, chiarendo il quadro delle competenze sulla misurazione e valutazione della performance. Viene inoltre promossa la costituzione di una Rete nazionale per la valutazione delle amministrazioni pubbliche che dia evidenza alle migliori esperienze in essere.  

*****

STATO DI EMERGENZA PER PARMA E PIACENZA

Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato d’emergenza per le eccezionali avversità  atmosferiche che si sono verificate nelle province di Parma e Piacenza dal 13 al 14 settembre 2015.

*****

GOLDEN POWER

Il Consiglio dei ministri ha deliberato di non esercitare i poteri speciali e di dare consenso al decorso dei termini temporali previsti dal  decreto-legge n. 21 del 2012 in relazione alle seguenti operazioni:

  • cessione delle quote di partecipazione detenute da GE Avio S.r.l. nella joint venture HADAT (Harbin Dongan Aviation Transmission Co. Ltd) alla DONGAN (Harbin Dongan Engine Group Co. Ltd);
  • modifica dell’oggetto sociale di Ge Avio srl;
  • trasferimento del capitale sociale di TE Connectivity Broadband Solutions S.r.l. da parte di Tyco Electronics AMP Italia S.r.l. in favore di Comm Scope Netherlands B.V.

*****

SFERE GEODETICHE

A norma dell’articolo 14 quater della legge n.241 del 1990,  il Consiglio dei ministri ha deliberato di autorizzare il  montaggio di sfere geodetiche per la Borsa mediterranea del Turismo Archeologico 2015 nella medesima area demaniale in uso al Comune di Capaccio (SA) utilizzata nell’anno 2014, per il tempo necessario allo svolgimento della manifestazione, prevedendone la rimozione entro il 30 novembre 2015.

*****

EMISSIONI FILATELICHE

Su proposta del Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi, è stato approvato un decreto presidenziale che reca una nuova integrazione all’autorizzazione all’emissione di carte valori postali per l’anno 2015. L’integrazione riguarda la Mostra "La Grande Guerra. La Liberazione. Cento gemme della filatelia italiana" che sarà ospitata presso il Palazzo del Quirinale dal 15 al 28 ottobre prossimi.

*****

NOMINE

Il Consiglio ha poi deliberato le seguenti nomine:

  • su proposta del Ministro Alfano il prefetto Gianfelice BELLESINI è stato collocato a disposizione con incarico di assicurare il collegamento tra il Ministro dell’interno e le autorità della Sante Sede;
  • su proposta del Ministro Pinotti è stato nominato Segretario generale il generale di squadra aerea Carlo MAGRASSI, a decorrere dal 9 ottobre. Fino a quella data è prorogato l’incarico già conferito al generale  Enzo STEFANINI.  È stato altresì conferito l’incarico di Vicesegretario generale della difesa al generale di corpo d’armata dell’Esercito Nicolò FALSAPERNA.

*****

LEGGI REGIONALI

Il Consiglio dei Ministri ha esaminato diciassette leggi delle Regioni e delle Province Autonome.

Per le seguenti leggi regionali si è deliberata la non impugnativa:

  1. Legge Regione Lazio n. 11 del 29/07/2015 “Disposizioni in materia di tributi regionali”.
  2. Legge Provincia Bolzano n. 9 del 27/07/2015 “Legge provinciale per le attività culturali”.
  3. Legge Regione Toscana n. 61 del 31/07/2015 “Rendiconto generale per l’anno finanziario 2014”.
  4. Legge Regione Toscana n. 62 del 31/07/2015 “Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015 - 2017 e bilancio di previsione conoscitivo 2015 - 2017. Assestamento”.
  5. Legge Regione Trentino Alto Adige n. 22 del 03/08/2015 “Disposizioni per la variazione di bilancio annuale 2015 e pluriennale 2015-2017 della Regione autonoma Trentino-Alto Adige (legge finanziaria)”.
  6. Legge Regione Lombardia n. 21 del 05/08/2015 “Rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2014”.
  7. Legge Regione Toscana n. 63 del 04/08/2015 “Disposizioni in materia di ordinamento della diri¬genza regionale, dell’Agenzia regionale di sanità e di conflitto di interesse. Modifiche alle leggi regionali 1/2009, 5/2008 e 40/2005”.
  8. Legge Regione Toscana n. 64 del 04/08/2015 “Disposizioni in materia di entrate extratributarie delle province. Modifiche alle leggi regionali 91/1998 e l.r. 22/2015”.
  9. Legge Regione Veneto n. 14 del 06/08/2015 “Modifica alla legge regionale 10 agosto 2012, n. 28 "Disciplina delle attività turistiche connesse al settore primario" e successive modificazioni”.
  10. Legge Regione Veneto n. 15 del 06/08/2015 “Modifica alla legge regionale del 7 novembre 2003, n. 27, "Disposizioni generali in materia di lavori pubblici di interesse regionale e per le costruzioni in zone classificate sismiche" e alla legge regionale del 9 agosto 2002, n. 15 "Norme per la realizzazione di infrastrutture di trasporto, per la progettazione, realizzazione e gestione di autostrade e strade a pedaggio regionali e relative disposizioni in materia di finanza di progetto e conferenza di servizi"”.
  11. Legge Regione Basilicata n. 22 del 06/08/2015 “Legge regionale “rendiconto per l’esercizio finanziario 2014 del parco regionale gallipoli cognato piccole dolomiti lucane”.
  12. Legge Regione Basilicata n. 23 del 06/08/2015 “Legge Regionale “Rendiconto per l’esercizio finanziario 2014 dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (A.R.D.S.U.) e dell’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata (A.P.T.)”.
  13. Legge Regione Basilicata n. 24 del 06/08/2015 “Legge Regionale “Disciplina concernente la tutela, la valorizzazione e la promozione dell’olivicoltura regionale e norme per l’abbattimento e il taglio di alberi di olivo””.
  14. Legge Regione Basilicata n. 25 del 06/08/2015 “Legge Regionale “Provvidenze a favore di familiari o accompagnatori         residenti in Basilicata di soggetti affetti da patologie particolarmente gravi e/o invalidanti, tali da richiedere cure presso strutture non regionali””.
  15. Legge Regione Friuli Venezia Giulia n. 20 del 06/08/2015 “Assestamento del bilancio 2015 e del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 ai sensi dell’articolo 34 della legge regionale 21/2007”.
  16. Legge Regione Sardegna n. 21 del 05/08/2015 “Realizzazione di campagne pubblicitarie degli attrattori e dei prodotti della Sardegna”.
  17. Legge Regione Sardegna n. 22 del 07/08/2015 “Variazioni urgenti al bilancio della Regione per l'anno 2015, proroga di termini e disposizioni varie”.

*****

Il Consiglio dei ministri è terminato alle 12.55

Provvedimenti