Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n.74

17 Luglio 2015

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 17 luglio 2015, alle ore 11.50 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Claudio De Vincenti.

 

*****

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

In apertura del Consiglio dei Ministri, il Ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ha comunicato che il Governo ha dato attuazione a 9 ulteriori provvedimenti e che lo stock Monti - Letta si è ridotto a 279.
Sul sito dell’Ufficio per il programma di Governo sono pubblicati gli elenchi aggiornati al 14 luglio dei provvedimenti adottati e i link a quelli pubblicati.

*****

RECEPIMENTO E STATO DI ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE

Il Sottosegretario agli affari europei Sandro Gozi, appositamente invitato, ha informato il Consiglio dei Ministri sul recepimento e sullo stato di attuazione delle direttive comunitarie con scadenza al 31 dicembre 2015, a norma dell’art. 39 della legge n. 234 del 2012.

Nel documento sono indicate complessivamente 32 direttive di cui:

  • 1 è contenuta nella legge di delegazione europea 2013;
  • 9 sono contenute nella legge di delegazione europea 2013 – 2° semestre;
  • 11 sono contenute nella legge di delegazione europea 2014;
  • 11 verranno recepite con decreti ministeriali.

*****

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Pier Carlo Padoan, ha svoto il secondo esame preliminare di tre schemi di decreti legislativi attuativi della legge di riforma fiscale (legge 11 marzo 2014 n. 23) che delega il governo ad introdurre disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita. I provvedimenti hanno recepito gran parte delle indicazioni contenute nei pareri delle Commissioni parlamentari ed ora tornano alle Camere per l’acquisizione dei pareri definitivi.

1) Decreto legislativo sull’internazionalizzazione delle imprese

Accogliendo una indicazione del Parlamento, il Consiglio dei Ministri ha introdotto una norma volta ad incentivare fiscalmente il rientro in Italia di lavoratori con qualifiche elevate. La disposizione prevede che il reddito prodotto in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio dello Stato italiano beneficiano per tre anni di una riduzione del reddito imponibile del 30%. Possono accedere all’incentivo i soggetti che nei cinque anni precedenti non siano stati residenti in Italia, che svolgano una attività lavorativa prevalentemente nel territorio italiano e che rivestano una qualifica per la quale sia richiesta una alta specializzazione e il titolo di laurea.

Il decreto legislativo, nel suo complesso, intende rafforzare il ruolo che il fisco deve svolgere a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese: ridurre i vincoli alle operazioni transfrontaliere e creare un quadro normativo quanto più certo e trasparente per gli investitori.

Il provvedimento che risulta dal secondo esame preliminare conferma le norme sul rafforzamento dei ruling internazionali, ossia accordi preventivi con il fisco per le imprese che detengono attività internazionali.

I principali ambiti di operatività degli accordi preventivi riguardano la disciplina dei prezzi di trasferimento infragruppo, l’attribuzione di utili e perdite alle stabili organizzazioni, la valutazione preventiva dei requisiti che configurano una stabile organizzazione situata nel territorio italiano, l’individuazione, nel caso concreto specifico, delle norme sull’erogazione o la percezione di dividendi, royalties, interessi e altri componenti reddituali a o da soggetti non residenti.

Gli accordi vincolano le parti per il periodo d'imposta nel corso del quale sono stipulati e per i quattro periodi d'imposta successivi. Per il periodo intercorrente tra la data di presentazione dell’istanza e quella di conclusione dell’accordo il contribuente ha comunque la possibilità di presentare dichiarazione integrativa, senza applicazione di sanzioni a condizione che in tale periodo ricorrano le circostanze di fatto e di diritto a base dell’accordo. Tali circostanze, viene specificato accogliendo le osservazioni dei pareri parlamentari, devono sussistere congiuntamente per uno o più periodi di imposta precedenti alla stipula del contratto ma non anteriori a quello in corso alla data di presentazione dell’istanza.

Il decreto introduce anche l’istituto dell’interpello per le società che effettuano nuovi investimenti, per dare certezza in merito ai profili fiscali del piano di sviluppo che si intende attuare. Fondamentale a tal fine è la presentazione da parte dell’investitore di un business plan con la descrizione dell’ammontare dell’intervento, i tempi e le modalità di realizzazione dello stesso, l’incremento occupazionale e i riflessi che esso ha sul sistema fiscale italiano.

Per l’accesso all’istituto è prevista una soglia minima di 30 milioni di euro per l’investimento, che può consistere anche nella ristrutturazione di imprese in crisi qualora ci siano effetti positivi sull’occupazione.

La risposta scritta e motivata dell’Agenzia delle entrate è resa entro centoventi giorni , prorogabili di ulteriori novanta, nel caso sia necessario acquisire ulteriori informazioni.

2) Decreto legislativo di trasmissione telematica delle operazioni IVA e di controllo delle cessioni di beni effettuate attraverso distributori elettronici (fatturazione elettronica)

Le principali novità introdotte, a seguito dell’accoglimento delle osservazioni parlamentari, riguardano un maggior coinvolgimento delle associazioni di categoria nell’ambito di forum nazionali sulla fatturazione elettronica, nei processi per la definizione delle regole tecniche, delle modalità e dei termini per la trasmissione telematica delle fatture. Un’altra novità riguarda i gestori di distributori automatici per i quali la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi è obbligatoria. Si prevede che nella stesura del provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate sulla definizione dei tracciati informativi, degli standard di sicurezza e delle tecniche di hardware saranno adottate soluzioni che consentiranno di non incidere sull’attuale funzionamento degli apparecchi distributori e di garantire, nel rispetto dei normali tempi di obsolescenza e rinnovo degli apparecchi automatici, la sicurezza e l’inalterabilità dei dati dei corrispettivi.

Confermate le altre misure del decreto legislativo che si rivolge a tutti i soggetti passivi Iva e introduce incentivi, in termini di riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili, a vantaggio delle imprese che la utilizzano la fatturazione elettronica, In particolare, il decreto legislativo:

  • prevede in via opzionale a decorrere dal 1° gennaio 2017, l’invio telematico all’Agenzia delle entrate dei dati di tutte le fatture (e relative variazioni), emesse e ricevute, anche mediante Sistema di Interscambio;
  • rende disponibile gratuitamente, a decorrere dal 1° luglio 2016, da parte dell’Agenzia delle entrate, il servizio base il servizio base per la predisposizione del file contenente i dati della fattura, il suo invio e la conservazione delle fatture elettroniche;
  • rende disponibile, per specifiche categorie di soggetti passivi IVA (da individuare con apposito DM, sentite le associazioni di categoria anche nell’ambito di forum nazionali sulla fatturazione elettronica) il servizio gratuito di generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche già utilizzato per gli scambi con la P.A;
  • si introducono modalità nuove e semplificate per i controlli fiscali che potranno essere effettuati, anche ‘da remoto’, riducendo così gli adempimenti dei contribuenti ed evitando di ostacolare il normale svolgimento delle attività. Viene poi esclusa la duplicazione nella richiesta di dati.

Per i soggetti che scelgono di avvalersi della fatturazione elettronica vengono meno gli obblighi di comunicazione relativi al cosiddetto ‘spesometro’ e alle ‘black lists’ e i contratti di leasing. Inoltre, beneficiano di rimborsi Iva più veloci.

3) Decreto legislativo riguardante disposizioni sulla certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente

Il decreto legislativo ha la finalità di rafforzare la certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente in materia di abuso del diritto ed elusione fiscale, raddoppio dei termini per l’accertamento e tax compliance.

Nel secondo esame preliminare il Consiglio dei Ministri ha introdotto alcune novità per tenere conto delle osservazioni contenute nei pareri parlamentari. In particolare, per quanto riguarda i termini di accertamento, il dlg contiene una disposizione a tutela dei contribuenti secondo cui il loro raddoppio, in presenza di un reato penale, è possibile a condizione che la denuncia all’autorità giudiziaria da parte dell’Amministrazione finanziaria sia inviata entro i termini ordinari dell’accertamento. Il raddoppio non opera se la denuncia sia presentata o trasmessa oltre la scadenza ordinaria dei termini.

Accogliendo una condizione contenuta nei pareri parlamentari è stata inserita una disposizione che salva gli effetti degli avvisi di accertamento e dei provvedimenti che irrogano sanzioni amministrative tributarie notificati alla data di entrata in vigore del decreto legislativo. Sono fatti salvi anche gli effetti degli inviti a comparire e dei processi verbali di contestazione a condizione che i relativi atti con la pretesa impositiva o sanzionatoria siano notificati entro il 31 dicembre 2015.

Un’altra novità introdotta con il secondo esame preliminare del decreto riguarda una specifica disposizione sulla cosiddetta ‘Voluntary Disclosure’. Si prevede che possano accedere alla collaborazione volontaria e quindi beneficiare della non punibilità penale le attività e le imposte riferite ad annualità per le quali siano scaduti i termini per l’accertamento fiscale.

Confermato le disposizioni sull’abuso del diritto e l’elusione fiscale che si unificano in un unico concetto (inserendo un nuovo articolo nella legge sullo statuto del contribuente) con una valenza generale, con riguardo a tutti i tributi (imposte sui redditi e imposte indirette, fatta comunque salva la speciale disciplina vigente in materia doganale).

I presupposti per l’esistenza dell’abuso sono:

  1. l’assenza di sostanza economica delle operazioni effettuate (ossia operazioni che non perseguono obiettivi quali, ad esempio, sviluppo dell’attività o creazione di posti di lavoro, ma solo vantaggi fiscali;
  2. la realizzazione di un vantaggio fiscale indebito;
  3. la circostanza che il vantaggio fiscale costituisca l’effetto essenziale dell’operazione.

Quando Agenzia delle Entrate accerta la condotta abusiva, le operazioni elusive effettuate dal contribuente diventano inefficaci ai fini tributari e, quindi, non sono ottenibili i relativi vantaggi fiscali.
Non si considerano invece abusive le operazioni giustificate da “valide ragioni extrafiscali non marginali” anche di ordine organizzativo o gestionale, che rispondono a finalità di miglioramento strutturale o funzionale dell’impresa o dell’attività professionale del contribuente.

Nel procedimento di accertamento dell’abuso del diritto l’onere della prova della condotta abusiva grava sull’amministrazione finanziaria, mentre il contribuente è tenuto a dimostrare la sussistenza delle “valide ragioni extrafiscali” che stanno alla base delle operazioni effettuate.

Confermata anche l’istituzione di un nuovo schema di relazioni tra l’Agenzia delle Entrate e i contribuenti denominato “Regime di adempimento collaborativo”, valevole in via di prima applicazione per le imprese di maggiori dimensioni.

L’accesso al regime, su base volontaria, è subordinato al possesso da parte del contribuente di un sistema di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale, che consenta l’autovalutazione preventiva e il monitoraggio dei rischi. Attraverso l’istaurazione di un regime di scambio continuo di informazioni improntato alla trasparenza, con imposizione di doveri a carico dell’Agenzia delle entrate e del contribuente si realizza anticipatamente un sistema di controllo per prevenire potenziali controversie fiscali.

*****

ARMONIZZAZIONE LEGISLAZIONI SU ARTICOLI PIROTECNICI
Attuazione della direttiva europea sull’armonizzazione delle legislazioni degli stati membri sugli articoli pirotecnici (decreto legislativo – esame definitivo)

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame definitivo dopo aver ottenuto il parere favorevole delle Commissioni parlamentari competenti, il decreto legislativo recante l’attuazione della direttiva 2013/29/UE concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di articoli pirotecnici. Il decreto legislativo di attuazione della direttiva, proposto al Consiglio dal Presidente, Matteo Renzi, e dai Ministri delle Interno, Angelino Alfano, della Difesa, Roberta Pinotti, e dello Sviluppo economico, Federica Guidi, definisce la disciplina volta ad attuare la libera circolazione degli articoli pirotecnici nel mercato interno, assicurando, nel contempo, le esigenze di tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica e di tutela della pubblica incolumità, la tutela dei consumatori e la protezione ambientale. Il presente decreto individua, inoltre, i requisiti essenziali di sicurezza che gli articoli pirotecnici devono possedere per poter essere messi a disposizione sul mercato.

*****

DISCIPLINA SANZIONATORIA PER VIOLAZIONI SU PRODOTTI COSMETICI
Disciplina sanzionatoria per la violazione del regolamento CE sui prodotti cosmetici (decreto legislativo – esame preliminare)

Il Consiglio dei Ministri su proposte del Presidente Matteo Renzi e del Ministro della giustizia Andrea Orlando ha approvato un decreto legislativo riguardante la disciplina sanzionatoria per la violazione del Regolamento (CE) n. 1223/2009 sui prodotti cosmetici.

Con la nuova disciplina si è provveduto ad indicare la sanzione per ogni disposizione del Regolamento in cui sono previsti degli obblighi a carico dei soggetti indicati.

In primo luogo tale disposizione stabilisce i limiti delle sanzioni penali, arresto e ammenda, e i casi in cui esse possono essere comminate, ovvero nei casi in cui le infrazioni ledono o espongono a pericolo interessi costituzionalmente protetti. In questi ultimi casi sono previste: la pena dell’ammenda alternativa all’arresto, quando le infrazioni espongono a pericolo o danneggiano l’interesse protetto; la pena dell’arresto congiunta a quella dell’ammenda, quando le infrazioni recano un danno di particolare gravità. Nella materia dei cosmetici risulta evidente che a poter essere leso è il diritto alla salute dei consumatori, pertanto per le fattispecie la cui violazione rischia di compromettere la salute e la sicurezza dei consumatori si è proceduto in tal senso. Invece, la sanzione amministrativa del pagamento di una somma non inferiore a 150 euro e non superiore a 150.000 euro è prevista per le infrazioni che ledono o espongono a pericolo interessi diversi da quelli indicati nei periodi precedenti.

In secondo luogo, il criterio seguito nella determinazione delle sanzioni è stato quello di non discostarsi, ove possibile, dall’apparato sanzionatorio attualmente vigente in base alla legge 713/86 sui cosmetici. Laddove sono state previste sanzioni amministrative, l’irrogazione delle stesse spetta all’organo regionale territorialmente competente.

*****

NUOVE NORME IN MATERIA DI METALLI PREZIOSI
Regolamento concernente norme sulla disciplina dei titoli e dei marchi di identificazione dei metalli preziosi (decreto del Presidente della Repubblica – esame definitivo)

Su proposta del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi, è stato approvato in via definitiva dopo aver accolto il parere del Consiglio di Stato il regolamento che apporta ulteriori modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 150 in materia di disciplina dei titoli e dei marchi di identificazione dei metalli preziosi. Le modifiche intervengono al fine di adeguarne la portata allo sviluppo tecnologico, con particolare riferimento alle procedure necessarie per l’applicazione del “marchio facoltativo” sugli oggetti in metallo prezioso, migliorando le procedure nazionali di controllo dell’apposizione del marchio del saggio facoltativo e accrescendo l’affidabilità e credibilità internazionale dei laboratori incaricati delle analisi, anche al fine di facilitare le esportazioni di prodotti italiani verso i Paesi cui si rivolge la Convenzione internazionale di Vienna sui metalli preziosi. Il testo nasce inoltre dall’esigenza di superare le incertezze interpretative circa le modalità di legittima vendita di oggetti usati in metallo prezioso in possesso di aziende commerciali, anche se privi del marchio di identificazione e dell’indicazione del titolo e di ridurre i conseguenti contenziosi relativi ai controlli locali.

*****

DIREZIONI MARITTIME DI BARI E NAPOLI
Rimodulazione di alcuni uffici marittimi periferici di Bari e Napoli (decreto del Presidente della Repubblica)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, ha approvato il decreto del Presidente della Repubblica che rimodula alcuni uffici marittimi periferici del Corpo delle capitanerie di porto – Guardia costiera, ricompresi nelle regioni Puglia e Campania, consentendo una ottimizzazione delle prestazione delle attività.

Il provvedimento nello specifico prevede:

  • l’elevazione a Ufficio locale marittimo della Delegazione di spiaggia di Savelletri (Brindisi) in “Ufficio locale marittimo di Savelletri”, che potrà fare affidamento sul personale già assegnato al precedente ufficio e sulla consona sistemazione logistica;
  • la ricollocazione dell’Ufficio locale marittimo di Sorrento all’interno della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia rispetto alla collocazione attuale nell’ambito della Capitaneria di porto di Napoli”;
  • la soppressione delle Delegazioni di spiaggia di Marina di Ginosa, Casalabate e Nardò, in Puglia, data la vicinanza di Uffici di rango superiore che possono sopperire adeguatamente alle relative funzioni sul territorio di riferimento.

Le misure sono state suggerite da valutazioni correlate all’equilibrio dei compiti assegnati, all’efficacia dell’azione di controllo e del litorale costiero, con contenimento della spesa in caso di presidi in zone già servite da Uffici superiori.

*****

STATO DI EMERGENZA PER I COMUNI VENETI

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo stato di emergenza per fare fronte ai danni causati dalla tromba d’aria che il giorno 8 luglio 2015 ha colpito il territorio dei Comuni di Dolo, Pianiga e Mira in provincia di Venezia, e di Cortina d’Ampezzo in provincia di Belluno.
In tale contesto, il governo intende presentare un emendamento al decreto legge Enti locali col quale consentire ai Comuni colpiti un allentamento del Patto di stabilità.

*****

SCIOGLIMENTO DEL COMUNE DI MONTE SANT’ANGELO (FG)

Su proposta del Ministro dell’interno Angelino Alfano, il Consiglio ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Monte Sant’Angelo (FG), a norma dell’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, dove sono state accertate forme di condizionamento da parte della criminalità organizzata.

*****

NOMINE

Sono state approvate le seguenti nomine, entrambe a seguito del parere favorevole espresso dalle Commissioni parlamentari competenti per materia:

  • Evelina CHRISTILLIN a Presidente dell’ENIT - Agenzia nazionale del turismo, su proposta del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini;
  • Pietro PONGIGLIONE a Presidente dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico “Giannina Gaslini” di Genova, su proposta del Ministro della salute, Beatrice Lorenzin.

*****

LEGGI REGIONALI

Il Consiglio dei Ministri ha esaminato dieci leggi delle Regioni e delle Province Autonome.

Leggi regionali per le quali si è deliberata l’impugnativa:

  1. Legge Regione Abruzzo n. 10 del 21/05/2015, “Norme per l’alienazione e la valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica”, in quanto alcune disposizioni riguardanti il reimpiego dei proventi derivanti dall’alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica invadono la potestà legislativa esclusiva statale in materia di “livelli essenziali delle prestazioni”, violando gli articoli 47 e 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione, nonché i principi fondamentali in materia di “coordinamento della finanza pubblica” e di “governo del territorio” contenuti nella legislazione statale, in violazione dell’art. 117, terzo comma, della Costituzione.
  2. Legge Provincia Trento n. 9 del 03/06/2015, “Disposizioni per l'assestamento del bilancio annuale 2015 e pluriennale 2015-2017 della Provincia autonoma di Trento (legge finanziaria provinciale di assestamento 2015)”, in quanto alcune disposizioni in materia di tasse automobilistiche violano l'articolo 117, secondo comma, lettera e), Cost., in materia di sistema tributario (di competenza esclusiva dello Stato), e l’articolo 117, terzo comma, Cost., in materia di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, nonché l’articolo 119, secondo comma, Cost., che subordina la possibilità per gli enti locali di stabilire ed applicare tributi ed entrate proprie secondo i principi statali di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.
  3. Legge Regione Abruzzo n. 13 del 08/06/2015, “Modifiche ed integrazioni alla L.R. 10 marzo 2008, n. 2 (Provvedimenti urgenti a tutela del territorio regionale)”, in quanto alcune disposizioni in materia di realizzazione di gasdotti contrastano con la disciplina di principio dettata dallo Stato in materia di “produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia", in violazione dell’articolo 117, terzo comma, della Costituzione.

Leggi regionali per le quali si è deliberata la non impugnativa:

  1. Legge Provincia Trento n. 10 del 03/06/2015 “Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 della Provincia autonoma di Trento”.
  2. Legge Regione Abruzzo n. 11 del 28/05/2015 “Integrazione alla L.R. 21 luglio 1999, n. 44 (Norme per il riordino degli Enti di edilizia residenziale pubblica) e modifiche alle LL.RR. 20 ottobre 1996, n. 96 (Norme per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione), 21 maggio 2015, n. 10 (Norme per l’alienazione e la valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica) e 10 gennaio 2012, n. 1 (Legge Finanziaria Regionale 2012)”.
  3. Legge Regione Valle D’Aosta n. 13 del 25/05/2015 “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d’Aosta derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea. Attuazione della direttiva 2006/123/CE, relativa ai servizi nel mercato interno (direttiva servizi), della direttiva 2009/128/CE, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei pesticidi, della direttiva 2010/31/UE, sulla prestazione energetica nell’edilizia e della direttiva 2011/92/UE, concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati (Legge europea regionale 2015)”.
  4. Legge Regione Friuli Venezia Giulia n. 14 del 05/06/2015 “Disposizioni di attuazione del Programma Operativo Regionale Obiettivo “Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione” 2014-2020 cofinanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale”.
  5. Legge Regione Emilia Romagna n. 6 del 18/06/2015 “Modifiche alla legge regionale 27 luglio 2007, n.15 (sistema regionale integrato di interventi e servizi per il diritto allo studio universitario e l’alta formazione) e alla legge regionale 24 marzo 2004, n. 6 (riforma del sistema amministrativo regionale e locale. Unione europea e relazioni internazionali. Innovazione e semplificazione. Rapporti con l'università”.
  6. Legge Regione Emilia Romagna n. 7 del 18/06/2015 “Modifiche alla legge regionale 9 maggio 2011, n. 3 (misure per l'attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile)”.
    Scadenza termine impugnativa ai sensi dell’art. 127 Cost.: 17/08/2015
  7. Legge Regione Piemonte n. 11 del 15/06/2015 “Uso terapeutico della canapa. Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi perfinalità terapeutiche e promozione della ricerca e di azioni sperimentali prodromiche alla produzione da parte di soggetti autorizzati”.

*****

Il Consiglio dei Ministri è terminato alle 12.45.

Provvedimenti