Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n.41 - Anticorruzione

12 Dicembre 2014

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi venerdì 12 dicembre 2014 alle ore 19.00 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Segretario il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina. 

 

*****

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

In merito alla stato di attuazione del programma, rispetto al precedente Consiglio dei Ministri del 1° dicembre scorso, vi sono 21 provvedimenti in meno da adottare, di cui 8 relativi al Governo Renzi e 13 riferiti ai Governi Monti e Letta. Lo stock dei decreti riferiti ai precedenti Esecutivi è ora a 397.

*****

LOTTA ALLA CORRUZIONE

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha approvato delle norme che saranno inserite nel disegno di legge di riforma della normativa penale sostanziale e processuale, con le quali si mira a inasprire la normativa di repressione in materia di corruzione, per un più efficace contrasto giudiziario del grave fenomeno criminale.

In particolare, si inaspriscono le pene del delitto di corruzione propria (pena minima 6 anni, pena massima 10 anni) anche al fine di aumentare i tempi di prescrizione del reato. Con l’aumento della pena minima, inoltre, si tende ad evitare che il processo possa concludersi, scegliendo il patteggiamento, con l’applicazione di pene talmente modeste da non apparire adeguate alla gravità del fatto.

La normativa, inoltre, migliora il già efficace strumento della cosiddetta confisca allargata, prevedendo che il provvedimento conservi efficacia anche quando nei successivi gradi di impugnazione sia sopravvenuta una causa estintiva del reato oggetto di accertamento.

Stabilisce, poi, che l’imputato, per chiedere il patteggiamento o l’emissione di condanna a pena predeterminata, debba restituire l’integrale ammontare del prezzo o del profitto del reato contestatogli, venendo meno in caso contrario l’ammissibilità della richiesta di definizione anticipata del giudizio. Ciò al fine di assicurare che il profitto di questi gravi delitti sia sempre oggetto di recupero a fini di confisca.

*****

PROROGA TERMINI IMU AGRICOLA MONTANA E RIFINANZIAMENTO PER SPESE URGENTI
Disposizioni urgenti in materia di proroga dei termini di pagamento Imu per i terreni agricoli montani e di rifinanziamento per spese urgenti (decreto legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente e dei Ministri dell’Economia e delle Finanze, Pietro Carlo Padoan, delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Maurizio Martina e dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha approvato un decreto legge in materia di proroga dei termini di pagamento Imu per i terreni agricoli montani e di rifinanziamento per spese urgenti.
Il decreto prevede:

  • uno slittamento dal 16 dicembre 2014 al 26 gennaio 2015 del termini di versamento dell’Imu sui terreni agricoli montani. La norma proposta è diretta ad evitare che i contribuenti siano tenuti a versare l’imposta sulla base di aliquote troppo elevate. È comunque salvaguardata l’applicazione di aliquote deliberate con specifico riferimento ai terreni agricoli. Allo stesso tempo, con la norma proposta, i Comuni accertano convenzionalmente nel bilancio 2014 gli importi a titolo di maggior gettito IMU derivante dalla revisione dei terreni agricoli montani, a fronte della corrispondente riduzione del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2014;
  • il rifinanziamento per l’anno 2014 per un importo di 56 milioni di euro del Fondo per le emergenze nazionali;
  • l’autorizzazione di una spesa di 64,1 milioni di euro per l'assegnazione al Ministro dell'Istruzione, dell’università e della ricerca dei fondi per il pagamento delle supplenze brevi per l'anno 2014 prevedendo al contempo un monitoraggio per questo tipo di supplenze.

Infine, viene disattivata la clausola di salvaguardia prevista nel d.l. 66 del 2014 che prevedeva l’aumento di accise nel caso il gettito IVA derivante dal pagamento dei debiti arretrati delle Pubbliche amministrazioni risultasse inferiore alle previsioni. Il minor gettito IVA viene compensato utilizzando accantonamenti che la legge di stabilità per il 2014 prevedeva a favore della Pubblica amministrazione.

*****

PROTEZIONE INTERNAZIONALE
Regolamento relativo alle procedure per il riconoscimento e la revoca della protezione internazionale (Decreto presidenziale – esame definitivo)

Su proposta del Presidente del Consiglio e del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, il Consiglio ha approvato in esame definitivo, a seguito dell’espressione del parere della Conferenza unificata, il regolamento relativo alle procedure per il riconoscimento e la revoca della protezione internazionale, a norma dell’articolo 38, comma 1, del decreto legislativo 28 gennaio 2008 n. 25, che ha recepito la direttiva europea 2005/85/CE in materia di riconoscimento e della revoca dello status di rifugiato. Il regolamento approvato oggi tiene conto di problemi emersi in sede di applicazione, sono state quindi valutate e in buona parte accolte le proposte formulate dal “Tavolo nazionale asilo”, un forum coordinato dall’UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), che raccoglie enti ed associazioni di tutela che operano in questo settore, con l’obiettivo di rafforzare l’effettività dell’accesso alle procedure e della tutela dei richiedenti la protezione internazionale, garantendo le garanzie previste e le misure assistenziali fin dal momento della presentazione della domanda.

*****

DIRITTI DEI VIAGGIATORI
Disciplina sanzionatoria delle violazioni delle disposizioni del regolamento Ue relativo ai diritti dei passeggeri che viaggiano via mare e per le vie navigabili interne (decreto legislativo – esame preliminare)

Su proposta del Presidente del Consiglio e del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, è stato approvato uno schema di decreto legislativo che definisce la disciplina sanzionatoria delle violazioni delle disposizioni del Regolamento (UE) n. 1177/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio del 24 novembre 2010, relativo ai diritti dei passeggeri che viaggiano via mare e per vie navigabili interne, il quale impone una serie di obblighi in particolare a carico di vettori, agenti di viaggio, operatori turistici e operatori dei terminali, a tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto via mare e per vie navigabili interne. In particolare esso dispone che ogni Stato membro designi uno o più organismi responsabili dell’applicazione delle norme europee, capace di adottare le misure necessarie per garantire il rispetto dei diritti dei passeggeri. Questo organismo sarà, in Italia,  l’Autorità di regolazione dei trasporti; il regolamento definisce il regime sanzionatorio che essa applicherà, individuando le fattispecie sanzionabili, l’entità delle sanzioni stesse e  le procedure per l’applicazione.

*****

ACCORDO CON LA MONGOLIA
Ratifica ed esecuzione dell’Accordo quadro di partenariato e cooperazione tra l’Unione Europea e i suoi Stati membri da una parte e la Mongolia dall’altra (disegno di legge)

Su proposta del Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Paolo Gentiloni Silveri, il Consiglio ha approvato un disegno di legge per la ratifica e l’esecuzione dell’accordo quadro di partenariato e cooperazione tra l’Unione europea e la Mongolia, fatto a Ulan Bator il 30 aprile 2013; il trattato consolida le relazioni commerciali fra i due Paesi accrescendo la cooperazione con un Paese in forte crescita economica. 

*****

MISSIONI INTERNAZIONALI

Il Ministro della Difesa, Robertra Pinotti, ha informato il Consiglio dei Ministri sulle possibili linee di partecipazione dell’Italia alla missione NATO Resolut Support Mission in Afganistan, che saranno comunicate alle Camere nei prossimi giorni, come previsto dal decreto-legge di proroga delle missioni internazionali per il secondo semestre 2014.

*****

INFRASTRUTTURE ELETTRICHE IN LOMBARDIA

A seguito dell’istruttoria condotta dalla Presidenza del Consiglio per valutare la realizzabilità di due progetti di infrastrutture elettriche, il Consiglio ha rilevato che sono venuti meno i dissensi espressi nelle conferenze di servizi convocate a norma dell’articolo 14 quater della legge n.241 del 1990 per risolvere le questioni  connesse  con due progetti per costruzione ed esercizio di linee elettriche  a 15 kv, con relative opere accessorie, in località Fusine nel Comune di Incudine (BS), nonché in località Fubbia, nel Comune di Edolo (BS); entrambi i progetti potranno quindi essere realizzati ma dovranno conformarsi alle prescrizioni impartite.

*****

PROTEZIONE CIVILE -  STATI D’EMERGENZA

Il Consiglio ha dichiarato lo stato d’emergenza affinché la protezione civile disponga di  strumenti e modalità idonee a superare le criticità che si sono verificate  in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito le Province di Grosseto, Livorno, Massa Carrara e Pisa nei giorni dall’11 al 14 ottobre 2014, le Province di Lucca e Massa Carrara nei giorni dal 5 al 7 novembre 2014, nonché le Province di Torino, Alessandria, Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli nei giorni dal 12 al 14 ottobre, il 4 e 5, l’11 e  12 ed il 14  novembre 2014 .
Per consentire il proseguimento delle operazioni di protezione civile già in atto è stato deciso di prorogare lo stato di emergenza dichiarato per le eccezionali avversità atmosferiche che si sono verificate: dall'ultima decade di dicembre 2013 al 31 marzo 2014 nelle Province di Bologna, Forlì - Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Reggio - Emilia e Rimini; dal 2 al 4 maggio 2014 nella Regione Marche; nei giorni 25 e 26 dicembre 2013, dal 17 al 19 gennaio 2014 e nel periodo dal 1° febbraio al 10 marzo 2014 nella Provincia di Torino, Alessandria, Asti, Cuneo, Novara e Vercelli; tra il 19 novembre e il 3 dicembre 2013 nelle Province di Foggia, Lecce e Taranto.

*****

CAPITALI ITALIANE DELLA CULTURA 2015

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, in Applicazione della legge Art Bonus e sulla base della procedura di selezione prevista dal decreto ministeriale, ha deliberato il titolo di “Capitale italiana della cultura” per l'anno 2015 alle cinque città partecipanti alla selezione della “Capitale europea della cultura 2019” selezionate come finaliste e non risultate vincitrici e cioè Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna, Siena.

 

*****

NUOVI FRANCOBOLLI

Il Consiglio dei Ministri ha autorizzato, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, Federica Guidi un’emissione integrativa di carte valori postali celebrative per l’anno 2015. L’integrazione riguarda la celebrazione della Banca Popolare di Milano, nel 150° anniversario della sua fondazione e del Parco scientifico e tecnologico San Marino – Italia (emissione congiunta con la Repubblica di San Marino). Sull’integrazione è stato acquisito il parere favorevole della Consulta per le carte valori postali e la filatelia nella riunione del 20 novembre 2014.Adesione della Repubblica.

*****

MOVIMENTO DEI PREFETTI

Il Consiglio dei Ministri, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi e segretario il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina ha approvato, su proposta del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, il seguente movimento dei Prefetti:

MUSOLINO Francesco Antonio da Napoli, è destinato a svolgere le funzioni di Capo del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile                                                

CICALA Rosaria da Potenza, è collocata a disposizione con incarico ai sensi della legge n. 410/91                                             

D'ACUNTO Antonio da Latina, è destinato a svolgere le funzioni di  Prefetto di Potenza                                            

FALONI Pierluigi da Asti, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Latina                                        

DELLA ROCCA Fulvio da Ravenna, è destinato a svolgere le funzioni di Vice Direttore Generale, Direttore Centrale della Polizia Criminale presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza                                      

RUSSO Francesco dal Verbano-Cusio-Ossola, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Ravenna                                       

FORLANI Giuseppe da La Spezia, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Parma                                             

LUBATTI Mauro da Pistoia, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di La Spezia                            

CIUNI Angelo è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Pistoia, cessando dalla disposizione con incarico ai sensi della legge n. 410/91       

VISCONTI Attilio da Pesaro e Urbino, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Pisa                                  

PIZZI  Luigi da Matera, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Pesaro e Urbino     

BELLOMO  Antonia da Lecco, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Matera                                   

VALENTE Carmine da Caltanissetta, è destinato a svolgere le funzioni di Direttore Centrale dei servizi civili per l'immigrazione e l'asilo presso il Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione

BARBATO Giacomo da Belluno, è destinato a svolgere le funzioni di Ispettore Generale di Amministrazione

D'ALESSANDRO Rossella Eutilia da  Ispettore Generale di Amministrazione, è collocata a disposizione ai sensi dell'art. 237 del d.P.R. n. 3/57 con incarico di Componente dell'Organismo Indipendente di Valutazione della Performance del Ministero dell'Interno

SINESIO Angelo è collocato fuori ruolo presso il Senato della Repubblica, per le esigenze della Commissione Straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, cessando dalla disposizione con incarico ai sensi della legge n. 410/91

CANNIZZARO Raffaele da Catanzaro, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Ancona

LATELLA Luisa da Foggia, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Catanzaro

TIRONE Maria da Crotone, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Foggia

DE VIVO Vincenzo da Oristano, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Crotone

RUBERTO Raffaele è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Reggio Emilia, cessando dalla disponibilità ai sensi dell'art. 12, comma 2-bis del D. Lgs. n. 139/2000

TIZZANO Silvana è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Imperia, cessando dalla disposizione con incarico ai sensi della legge n. 410/91                         

CUCINOTTA Maria Teresa è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Caltanissetta, cessando dalla disposizione con incarico ai sensi della legge n. 410/91

*****

NOMINE

Il Consiglio ha poi deliberato:

  • su proposta del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, la nomina a dirigenti generali del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco dei dirigenti superiori ingegneri Antonio BARONE e Salvatore SPANÒ preposti, per un biennio, alle Direzioni regionali dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, rispettivamente delle Regioni Molise e Puglia;
  • su proposta del Ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini, il conferimento  dell’incarico di Segretario generale a Antonia Pasqua RECCHIA, dirigente generale dei ruoli del Ministero;
  • su proposta del Ministro della difesa, Roberta Pinotti, la promozione a generale di Corpo d’armata dei generali di divisione dell’Arma dei carabinieri Vincenzo COPPOLA e Riccardo AMATO.

*****

LEGGI REGIONALI

Su proposta del Ministro per gli Affari regionali e le autonomie, dott.ssa Maria Carmela Lanzetta, il Consiglio dei Ministri ha esaminato ventotto leggi delle Regioni e delle Province Autonome.

Per le seguenti leggi regionali si è deliberata l’impugnativa:

  1. Legge Regione Calabria n. 20 del 07/10/2014 “Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9” in quanto alcune disposizioni  riguardanti i piani di gestione forestale non rispettano l’obbligo di valutazione ambientale, ponendosi in tal modo in contrasto con la normativa statale e comunitaria di riferimento, in violazione dell’articolo 117, primo comma, Cost., e in violazione della potestà legislativa esclusiva statale in materia di  tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, di cui all’art. 117, comma 2, lett. s) Cost.
  2. Legge Regione Calabria n. 22 del 07/10/2014 “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 18 luglio 2008, n. 24 e S.M.I.” in quanto alcune disposizioni riguardanti l’autorizzazione e l’accreditamento delle strutture sanitarie interferiscono con le funzioni del Commissario ad acta, in violazione dell’art. 120, secondo comma, Cost., e contrastano con le previsioni del Piano di rientro dal disavanzo sanitario, in violazione dei principi di coordinamento della finanza pubblica di cui all’art. 117, terzo comma, Cost.
  3. Legge Regione Calabria n. 27 del 07/10/2014 “Norme in tema di donazione degli organi e tessuti.” in quanto le sue disposizioni, prevedendo la possibilità e le modalità di espressione del  consenso o del diniego alla donazione di organi e tessuti in sede di rilascio o di rinnovo della carta d’identità, violano la competenza esclusiva statale in materia di anagrafe di cui all’art. 117, secondo comma, lett. i), della Costituzione, nonché i principi fondamentali in materia della tutela della salute, di cui all’art. 117, terzo comma, Cost., intervenendo in materia di consenso informato.
  4. Legge Regione Veneto n. 30 del 22/10/2014 “Modifica della legge regionale 6 settembre 1991, n. 24 "Norme in materia di opere concernenti linee e impianti elettrici sino a 150.000 volt"” in quanto alcune disposizioni riguardanti le linee e gli impianti elettrici sino a 150.000 volt, consentendo esenzioni dall’autorizzazione per le varianti di tracciato, si pongono in contrasto con la normativa ambientale, violando la potestà legislativa esclusiva statale in materia di  tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, di cui all’art. 117, comma 2, lett. s), Cost.

Per le seguenti leggi delle Regioni e delle Province Autonome si è deliberata la non impugnativa:

  1. Legge Regione Calabria n. 26 del 07/10/2014 “Modifiche alla legge regionale 10 agosto 2011, n. 30 (Disposizioni transitorie in materia di assegnazioni di sedi farmaceutiche)”.
  2. Legge Regione Abruzzo n. 37 del 14/10/2014 “Istituzione del Fondo regionale per l’integrazione socio-sanitaria e interventi finanziari in materia di agricoltura”.
  3. Legge Regione Friuli Venezia Giulia n. 17 del 16/10/2014 “Riordino dell’assetto istituzionale e organizzativo del Servizio sanitario regionale e norme in materia di programmazione sanitaria e sociosanitaria”.
  4. Legge Regione Toscana n. 59 del 14/10/2014 “Modifiche alla legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 (Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro), in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro”.
  5. Legge Regione Puglia n. 42 del 17/10/2014 “Modifica all’articolo 11 della legge regionale 18 febbraio 2014, n. 5 (Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale”.
  6. Legge Regione Puglia n. 43 del 17/10/2014 “Norme in materia di costituzione, composizione e funzionamento del Collegio di direzione delle aziende ed enti del Servizio sanitario regionale ai sensi degli articoli 3, comma 1- quater e 17 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e s.m.i.”.
  7. Legge Regione Basilicata n. 29 del 27/10/2014 “Rendiconto agenzia della regione Basilicata per le erogazioni in agricoltura (a.r.b.e.a.) Periodo 1 gennaio 2014 - 31 luglio 2014”.
  8. Legge Regione Basilicata n. 30 del 27/10/2014 “ Misure per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo patologico”.
  9. Legge Regione Basilicata n. 31 del 27/10/2014 “Istituzione del servizio di odontoiatria speciale per disabili e pazienti a rischio del servizio di pronto soccorso odontoiatrico”.
  10. Legge Regione Bolzano n. 9 del 16/10/2014 “Modifiche di leggi provinciali in materia di edilizia abitativa agevolata, integrazione, parificazione, servizi sociali, invalidi civili, sanità, famiglia e sudtirolesi nel mondo”.
  11. Legge Regione Trento n. 9 del 23/10/2014 “Riordino dell'attività statistica e disciplina del sistema statistico provinciale. Modificazioni della legge provinciale n. 13 del 2009, in materia di promozione di prodotti agricoli a basso impatto ambientale, e della legge provinciale sui lavori pubblici 1993”.
  12. Legge Regione Trento n. 10 del 23/10/2014 “Modificazioni della legge provinciale 16 dicembre 2005, n.19 (Disciplina del Comitato provinciale per le comunicazioni)”.
  13. Legge Regione Trento n. 11 del 23/10/2014 “Modificazioni della legge provinciale sulla promozione turistica 2002, della legge provinciale sugli impianti a fune 1987, della legge provinciale 17 marzo 1988, n. 9 (Disciplina delle agenzie di viaggio e turismo), della legge provinciale 23 agosto 1993, n. 20 relativa alle professioni turistiche della montagna, della legge provinciale sulla ricettività turistica 2002, della legge provinciale sui campeggi 2012, della legge provinciale sui rifugi e sui sentieri alpini 1993 e abrogazione di disposizioni regolamentari connesse”.
  14. Legge Regione Valle D’Aosta n. 10 del 15/10/2014 “Disposizioni per la partecipazione della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste all’iniziativa Expo Milano 2015”.
  15. Legge Regione Veneto n. 31 del 22/10/2014 “Modifica alla legge regionale 1° marzo 2002, n. 4 "Costituzione dell'organismo interregionale per la gestione del fiume Po”.
  16. Legge Regione Veneto n.  32 del 22/10/2014 “Modifiche e integrazioni alla legge regionale 19 marzo 2013, n. 2. Norme di semplificazione in materia di igiene, medicina del lavoro, sanità pubblica e altre disposizioni per il settore sanitario”.
  17. Legge Regione Veneto n.  33 del 22/10/2014 “Disposizioni in ordine alle sperimentazioni gestionali di Motta di Livenza, Cavarzere e disposizioni transitorie relative all'Ospedale specialistico interregionale Codivilla-Putti di Cortina d'Ampezzo”.
  18. Legge Regione Veneto n. 34 del 22/10/2014 “Disciplina delle associazioni pro loco”.
  19. Legge Regione Veneto n. 35 del 22/10/2014 “Ratifica ed esecuzione dell'intesa tra la Provincia Autonoma di Trento e la Regione del Veneto per l'esercizio delle funzioni amministrative relative alle concessioni di derivazioni d'acqua che interessano il territorio della Provincia di Trento e della Regione Veneto non disciplinate dalla legge regionale 23 novembre 2006, n. 26”.
  20. Legge Regione Marche n. 28 del 29/10/2014 “Proroga dei termini dell’articolo 5 della Legge regionale 11 novembre 2013, n. 35 “Norme in materia di Unioni Montane e di esercizio associato delle funzioni dei Comuni Montani”.
  21. Legge Regione Sardegna n. 19 del 24/10/2014 “Assestamento alla manovra finanziaria per gli anni 2014-2016”.
  22. Legge Regione Sardegna n. 20 del 24/10/2014 “Istituzione del Parco naturale regionale di Gutturu Mannu”.
  23. Legge Regione Sardegna n. 21 del 24/10/2014 “Istituzione del Parco naturale regionale di Tepilora”.
  24. Legge Regione Sardegna n. 22 del 24/10/2014 “Interventi urgenti per le spese di funzionamento e di manutenzione delle sedi della formazione professionale e il completamento dei piani di formazione professionale”.

*****

Il Consiglio dei Ministri è terminato alle ore 20.00.

Provvedimenti