Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 21

31 Marzo 2017

Il Consiglio dei ministri si è riunito oggi, venerdì 31 marzo 2017, alle ore 11.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Paolo Gentiloni. Segretario la Sottosegretaria alla Presidenza Maria Elena Boschi.

*****

LEGGE EUROPEA 2017

Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2017 (disegno di legge – esame preliminare)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha approvato, in esame preliminare, un disegno di legge che detta disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea (Legge europea 2017).

Il provvedimento si compone di quattordici articoli ed è volto a chiudere tre procedure d’infrazione e tre casi EU Pilot e a superare una delle contestazioni della Commissione europea nell’ambito di un caso EU Pilot, recando altresì norme per la corretta attuazione di due direttive e l’introduzione di alcune modifiche alla legge n. 234/2012.

Di seguito le principali disposizioni.

  • Avvocati stabiliti (completo adeguamento alla direttiva 98/5/CE)

Si dispone, per l’iscrizione degli “avvocati stabiliti” nell’albo speciale dei patrocinanti innanzi alle giurisdizioni superiori, l’esercizio della professione per almeno 8 anni in uno o più Stati membri, con l’aggiunta dell’ulteriore requisito della proficua frequenza alla Scuola superiore dell’avvocatura.

  • Tracciabilità dei medicinali veterinari (conseguimento degli obiettivi della direttiva 2001/82/CE)

Si dispongono misure in materia di tracciabilità dei farmaci veterinari, come l’introduzione dell’informatizzazione dei meccanismi di registrazione dei dati relativi alla produzione, commercializzazione e distribuzione degli stessi all’interno della Banca dati operante presso il Ministero della salute e, nell’ambito dell’Agenda di semplificazione, la sostituzione del modello cartaceo di ricetta medico veterinaria con un modello informatizzato.

  • Disposizioni penali contro particolari forme ed espressioni di razzismo e xenofobia (negazionismo) (completa attuazione della decisione quadro 2008/913/GAI – caso EU Pilot 8184/15/JUST)

Si puniscono espressamente le condotte di minimizzazione, approvazione o giustificazione della Shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra. Si prevede, inoltre, l’introduzione della responsabilità amministrativa anche per le società e gli enti in relazione a tali fattispecie criminose e, in generale, ai reati di razzismo e xenofobia.

  • Disciplina transitoria di accesso al fondo per l’indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti (procedura di infrazione 2011/4147)

Si prevede l’estensione della possibilità di accedere al fondo per l’indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti a chiunque sia stato vittima di un reato intenzionale violento commesso successivamente al 30 giugno 2005. Si completa così l’adeguamento della normativa nazionale alle previsioni della direttiva 2004/80/CE.

  • Rimborsi IVA (procedura di infrazione 2013/4080)

Si prevede la modifica della disciplina dei rimborsi IVA al fine di chiudere la procedura di infrazione 2013/4080. In particolare, è riconosciuta una somma (pari allo 0,15% dell’importo garantito per ogni anno di durata della garanzia) a titolo di ristoro forfettario dei costi sostenuti dai soggetti passivi che prestano garanzia a favore dello Stato in relazione a richieste di rimborso dell’IVA. La disposizione si applica a partire dalle richieste di rimborso predisposte con la dichiarazione annuale dell’IVA relativa all’anno 2017 e dalle istanze di rimborso infrannuale inerenti al primo trimestre 2018.

  • Modifiche al regime di non imponibilità ai fini IVA delle cessioni all’esportazione

Si riconduce nell’ambito del decreto del Presidente della Repubblica n. 633/1972 la disciplina sulla non imponibilità IVA delle cessioni effettuate nei confronti delle amministrazioni pubbliche e dei soggetti della cooperazione allo sviluppo iscritti nell’ apposito elenco che provvedono al trasporto ed alla spedizione dei beni all’estero in attuazione di finalità umanitarie, comprese quelle dirette a realizzare programmi di cooperazione allo sviluppo.

  • Agevolazioni fiscali per le navi iscritte nei Registri dei Paesi dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo (SEE) (caso EU Pilot 7060/14/TAXU)

La disposizione è finalizzata alla chiusura del Caso EU Pilot 7060/14/TAXU e prevede l’estensione del vigente regime fiscale agevolato relativo ai soggetti esercenti navi iscritte al Registro Internazionale Italiano (RII), anche nei confronti di soggetti residenti e non, con stabile organizzazione in Italia che utilizzano navi iscritte in Registri di Paesi UE o SEE.

  • Trattamento economico degli ex lettori di lingua straniera in servizio presso le Università statali (sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità europee del 26 giugno 2001, causa C-212/99, e del 18 luglio 2006, causa C-119/04 e caso EU Pilot 2079/11/EMPL)

Si introducono norme volte a chiudere il caso EU Pilot 2079/11/EMPL. In particolare, si intende risolvere la questione dei lettori di lingua straniera assunti presso le Università statali prima dell’entrata in vigore del decreto legge n. 120 del 1995, con il quale è stata introdotta la nuova figura del “collaboratore esperto linguistico” regolata dal CCNL del personale tecnico amministrativo delle Università. Inoltre, si dà attuazione alle sentenze della Corte di Giustizia UE del 26/6/2001 (causa C-212/99) e del 18/7/2006 (causa C-119/04), che hanno stabilito il diritto dei lettori al trattamento economico corrispondente a quello del ricercatore confermato a tempo definito commisurato all’impegno orario effettivamente assolto. A tal fine sono stanziate risorse sul Fondo per il finanziamento ordinario delle Università statali da destinare al cofinanziamento degli atenei, per la chiusura dei contenziosi in essere, nonché per prevenire quelli futuri.

  • Ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle caseine e ai caseinati destinati all’alimentazione umana (attuazione della direttiva (UE) 2015/2203 che abroga la direttiva 83/417/CEE e procedura di infrazione 2017/0129)

Le disposizioni sono finalizzate all’archiviazione della procedura d’infrazione 2017/0129, aperta dalla Commissione europea per mancato recepimento della direttiva 2015/2203, il cui scopo primario è di facilitare la libera circolazione delle caseine e dei caseinati destinati all’alimentazione umana, garantendo, al contempo, un elevato livello di tutela della salute.

  • Tutela delle acque e monitoraggio delle sostanze chimiche (caso EU Pilot 7304/15/ENVI)

La disposizione è finalizzata a sanare una delle contestazioni sollevate dalla Commissione europea nell’ambito del caso EU pilot 7304/15/ENVI relative alla non corretta applicazione della direttiva 2009/90/CE, che stabilisce specifiche tecniche per l’analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle acque. In particolare, si assicura l’intercomparabilità, a livello di distretto idrografico, dei dati di monitoraggio delle sostanze chimiche e, di conseguenza, dello stato ecologico e chimico dei corpi idrici superficiali.

  • Applicazione dei limiti di emissione degli scarichi idrici (corretta attuazione della direttiva 91/271/CEE in materia di acque reflue urbane)

Si prevede una modifica alla tabella recante i limiti di emissione per gli impianti di acque reflue urbane recapitanti in aree sensibili, con l’effetto di estendere i controlli sulla qualità degli scarichi alla totalità degli impianti di depurazione al servizio degli agglomerati superiori a 10 mila abitanti equivalenti.

  • Trattamento economico del personale estraneo alla pubblica amministrazione selezionato per partecipare ad iniziative e missioni del Servizio europeo di azione esterna

Si prevede che l’indennità corrisposta al personale esterno alla pubblica amministrazione che partecipa ad iniziative e missioni del Servizio di azione esterna dell’Unione europea (SEAE) sia calcolata conformemente alla disciplina che regola la partecipazione dell’ Italia alle missioni internazionali.

Il provvedimento sarà trasmesso alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, in sessione europea, per l’espressione del prescritto parere.

*****

RATIFICA ED ESECUZIONE DI ACCORDI INTERNAZIONALI

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Angelino Alfano, ha approvato due disegni di legge di ratifica ed esecuzione di accordi internazionali. Di seguito il dettaglio dei provvedimenti.

1.Ratifica ed esecuzione dei seguenti Accordi:

a) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica islamica di Afghanistan, fatto a Kabul il 19 aprile 2016;

b) Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica di Belarus in materia di cooperazione scientifica e tecnologica, firmato a Trieste il 10 giugno 2011;

c) Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica di Belarus sulla cooperazione culturale, firmato a Trieste il 10 giugno 2011;

d) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo dello Stato plurinazionale della Bolivia, fatto a La Paz il 3 marzo 2010;

e) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica del Mozambico, fatto a Maputo l’11 luglio 2007;

f) Accordo sulla cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica dell’Unione del Myanmar, fatto a Naypyidaw il 6 aprile 2016;

g) Accordo di cooperazione culturale, educativa e scientifica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica del Nicaragua, fatto a Managua il 18 luglio 2011;

h) Accordo di cooperazione in materia di istruzione, università e ricerca scientifica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo dello Stato del Qatar, fatto a Roma il 16 aprile 2012.

Gli Accordi sono volti a incentivare lo sviluppo di collaborazioni e attività congiunte in materia culturale, scientifica e tecnologica, con particolare riguardo alla conoscenza dei rispettivi patrimoni artistici, agli scambi culturali e di informazione tecnologica, alla cooperazione tra Università, Istituti superiori e specializzati. Uno degli ambiti principali di intervento riguarda le attività finalizzate alla tutela del patrimonio mediante il contrasto e la repressione del traffico illecito di opere d’arte.

2.Ratifica ed esecuzione dei seguenti Accordi:

a) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica del Camerun, firmato a Yaoundé il 17 marzo 2016;

b) Accordo in materia di cooperazione culturale tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica di Corea, fatto a Roma il 21 ottobre 2005;

c) Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica di Corea in materia di cooperazione scientifica e tecnologica, con Allegato, fatto a Roma il 16 febbraio 2007;

d) Accordo sulla cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della repubblica di Costa Rica, fatto a Roma il 27 maggio 2016;

e) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica gabonese, fatto a Roma il 17 maggio 2011;

f) Accordo tra il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Repubblica Kirghisa sulla cooperazione culturale, scientifica e tecnologica fatto a Bishkek il 14 febbraio 2013;

g) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica Popolare Democratica del Laos, fatto a Bangkok il 17 febbraio 2003;

h) Accordo di cooperazione culturale e di istruzione tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo del Montenegro, fatto a Roma il 15 aprile 2014;

i) Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica dominicana, fatto a Santo Domingo il 5 dicembre 2006;

l) Accordo tra il Governo italiano e il Governo di Singapore di cooperazione scientifica e tecnologica, fatto a Roma il 23 maggio 2016;

m) Accordo sulla cooperazione nei campi della cultura, dell’istruzione, della scienza e della tecnologia tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica democratica socialista dello Sri Lanka, fatto a Roma il 16 aprile 2007.

Gli Accordi sono volti a promuovere la reciproca conoscenza dei patrimoni culturali tra l’Italia e i vari Paesi e a rafforzare la cooperazione culturale, scientifica e tecnica attraverso le attività di istituzioni culturali e scientifiche, gli scambi di pubblicazioni e documenti, la mobilità del personale docente, dei ricercatori e degli studenti, lo scambio di artisti e la reciproca partecipazione ad eventi culturali, la collaborazione diretta tra musei, archivi e biblioteche in vista, tra l’altro, della gestione, protezione, conservazione e restauro dei beni culturali. In tutti gli Accordi è prevista l’istituzione di una Commissione mista al fine di esaminare i progressi registrati nelle varie forme di cooperazione instaurate.

*****

ASSISTENZA GIUDIZIARIA PENALE NELL’UE

Attuazione della Convenzione relativa all’assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell’Unione europea, fatta a Bruxelles il 29 maggio 2000 (decreto legislativo – esame definitivo)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e dei Ministri degli affari esteri e della cooperazione internazionale Angelino Alfano e della giustizia Andrea Orlando, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della Convenzione relativa all’assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell’Unione europea, fatta a Bruxelles il 29 maggio 2000.

Il provvedimento riguarderà tutte le richieste di assistenza giudiziaria che perverranno fino al 22 maggio 2017, posto che a decorrere da tale data le disposizioni della direttiva 2014/41/UE relativa all’ordine europeo di indagine penale (il cui relativo decreto di recepimento è stato approvato in esame preliminare il 17 marzo scorso), sostituiranno per gli Stati membri le corrispondenti disposizioni delle Convenzioni relative all’assistenza giudiziaria in materia penale.

Il decreto detta disposizioni per la piena attuazione della Convenzione, che regola la cooperazione penale valorizzando, fatta eccezione per alcuni specifici casi, il rapporto diretto tra autorità giudiziarie. A tal fine, si individua nel procuratore della Repubblica presso il Tribunale del capoluogo di distretto l’organo chiamato a dare esecuzione alle richieste di cooperazione delle autorità degli altri Stati parte. Questi è tenuto a sollecitare l’intervento del giudice per le indagini preliminari quando l’autorità estera richiede che l’atto sia compiuto con le forme e le garanzie proprie dell’intervento della giurisdizione e quando, per la legge italiana, l’atto richiesto non può che essere compiuto dal giudice. Il provvedimento dispone quindi che il compimento degli atti avvenga secondo la legge dello Stato che richiede cooperazione ma nel rispetto dei principi fondamentali dell’ordinamento italiano.

*****

RELAZIONE SULLA PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA ALL’UE NEL 2016

La Sottosegretaria alla Presidenza Maria Elena Boschi ha illustrato al Consiglio dei ministri la Relazione annuale consuntiva che fornisce alle Camere gli elementi conoscitivi necessari a valutare la partecipazione dell’Italia alla formazione ed attuazione delle politiche dell’Unione europea nell’anno 2016. La Relazione sarà presentata al Parlamento.

*****

AIA DELLA CENTRALE ELETTRICA DI PORTO TORRES, SUPERATO IL DISSENSO

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha deliberato la presa d’atto del superamento del dissenso espresso dal Ministero della salute, in conferenza dei servizi, nell’ambito del procedimento di riesame e di modifica non sostanziale dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA) rilasciata il 3 luglio 2014 alla Società Versalis S.p.a., per l’esercizio dello stabilimento e della centrale termoelettrica situati nel Comune di Porto Torres (Sassari).

*****

NOMINE

Il Consiglio dei ministri ha deliberato:

  • su indicazione del Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia Debora Serracchiani, la nomina del dott. Daniele BERTUZZI a Consigliere della Corte dei conti presso la Sezione di controllo della Regione Friuli-Venezia Giulia. Sulla proposta, come previsto dalla legge, il 7 marzo scorso si è espresso favorevolmente il Consiglio di presidenza della Corte dei conti;
  • su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, il conferimento per un triennio dell’incarico di Direttore dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie all’ing. Amedeo GARGIULO.

*****

LEGGI REGIONALI

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali Enrico Costa, ha esaminato dieci leggi delle Regioni e delle Province Autonome e ha quindi deliberato

- di impugnare la seguente legge:

1) legge Regione Puglia n. 1 del 03/02/2017, “Norme straordinarie in materia di Consorzi di bonifica commissariati”, in quanto alcune norme, disciplinando le situazioni debitorie di consorzi di bonifica soppressi, invadono la materia dell’ordinamento civile riservata alla legislazione statale dall’articolo 117, secondo comma, lettera l), della Costituzione;

- di non impugnare le seguenti leggi:

1) legge Regione Piemonte n. 1 del 07/02/2017 “Revisione della disciplina regionale in materia di sicurezza nella pratica degli sport montani invernali ed estivi e disciplina delle attività di volo in zone di montagna. Modifiche della legge Regionale 26 gennaio 2009, n. 2”;

2) legge Regione Emilia Romagna n. 1 del 10/02/2016 “Partecipazione della Regione Emilia-Romagna all’associazione ‘Vanguard initiative for new growth through smart specialization’”;

3) legge Regione Lombardia n. 1 del 07/02/2017 “Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo”;

4) legge Regione Veneto n. 4 del 10/02/2017 “Rideterminazione del termine di validità del piano faunistico-venatorio regionale approvato con legge regionale 5 gennaio 2007, n. 1 e disposizioni transitorie riguardanti sanzioni amministrative e ricorsi amministrativi in materia di caccia e pesca”;

5) legge Regione Valle Aosta n. 1 del 30/01/2017 “Disposizioni in materia di agibilità. Modificazioni alla legge regionale 6 aprile 1998, n.11 (Normativa urbanistica e di pianificazione territoriale della Valle d’Aosta)”;

6) legge Regione Valle Aosta n. 2 del 10/02/2017 “Disposizioni urgenti per il risanamento finanziario della Casino de la Vallée S.p.A.”;

7) legge Regione Liguria n. 1 del 08/02/2017 “Disposizioni in materia urbanistica e di tutela del paesaggio. Modifica della legge regionale 4 settembre 1997, n. 36 (Legge urbanistica regionale) e della legge regionale 6 giugno 2014, n. 13 (Testo unico della normativa in materia di paesaggio)”;

8) legge Regione Liguria n. 2 del 08/02/2017 “Modifiche alla legge regionale 5 marzo 2012, n. 7 (Iniziative regionali per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità)”;

9) legge Regione Liguria n. 3 del 08/02/2017 “Modifica alla legge regionale 5 marzo 2012, n.7 (Iniziative regionali per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità)”.

*****

Il Consiglio dei ministri è terminato alle ore 11.43.

 

 

Provvedimenti