Obiettivi, target e contenuto del messaggio

Obiettivi

La campagna intende sensibilizzare le donne vittime di violenza maschile e stalking invitandole a riconoscere la situazione di violenza e ad iniziare un percorso di uscita dalla stessa. Ulteriore obiettivo è quello di promuovere il numero di pubblica utilità 1522, attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell'anno (anche con servizio multilingue), oltre al sito e alla app.

Target

La campagna di sensibilizzazione è rivolta alle donne italiane e straniere, in particolare a quelle che subiscono violenza.

Il target primario della campagna  sono le donne mature vittime, da  lungo tempo, di atti di violenza da parte di mariti, compagni, familiari, ma anche le donne giovani vittime di stalking.

Contenuto del Messaggio

La campagna veicola un messaggio chiaro ed incisivo: la forza che la donna deve trovare in se stessa e l’aiuto su cui può contare da parte del numero di pubblica utilità 1522 e dei servizi specialistici di assistenza e supporto localizzati sul territorio italiano.

È il valore del coraggio ad essere al centro del messaggio della campagna. Un coraggio che le donne hanno e che ha solo bisogno di essere “sbloccato” affinché esse possano chiedere aiuto senza timore e con consapevolezza: perché la richiesta di aiuto è sinonimo di forza e non di debolezza.

Il messaggio trasmette in maniera emotiva e coinvolgente che la donna non deve continuare a subire e può trarre la forza di uscire dalla situazione di violenza in cui si trova anche attraverso l'aiuto che può ricevere mettendosi in contatto con il 1522.

Le protagoniste degli spot - una donna 40enne e una ragazza 20enne - sono donne già consapevoli alle quali è sufficiente solo un piccolo aiuto per trovare la forza. Le storie della campagna sono costruite proprio con l’obiettivo di aiutare le vittime ad affrontare il tema e ad aprirsi, oltre che con la rete di amicizie, anche con operatori specializzati e professionali pronti ad ascoltare quello che le vittime vogliono raccontare sulle violenze subite e aiutarle a individuare i servizi cui rivolgersi.

Perché la violenza ha tante parole ma le uniche a cui bisogna realmente prestare attenzione sono quelle che le donne hanno da dire.

 

Fonte: Dipartimento per le pari Opportunità e Dipartimento per l’informazione e l’Editoria

Pubblicato il: 23 Novembre 2017