Gli eventi patrocinati dalla Presidenza del Consiglio

TAVOLA ROTONDA "Antisemitismo, paura del diverso, incitamento all'odio: ieri e oggi"
Roma, Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri - 21 gennaio 2016, ore 15.30

La tavola rotonda si terrà giovedì 21 gennaio 2016 a Roma, alle ore 15.30, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri. Si tratta di un appuntamento frutto della collaborazione tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, che nasce da una riflessione sui fenomeni del razzismo, del pregiudizio e della xenofobia, tra Shoah e attualità, per approfondire il tema della discriminazione e della repulsione per il “diverso”. In un periodo di cambiamenti epocali, la drammatica esperienza della Shoah può infatti fornire alcuni spunti di riflessione e insegnamento sul perché la nostra società non deve cedere a tali pulsioni e sulla necessità di favorire la diffusione di una cultura del rispetto per le diversità, per non incorrere nei drammatici errori del passato. Introdurranno il Segretario generale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Paolo Aquilanti e il Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Renzo Gattegna. Dopo un saluto del capo della delegazione italiana dell’International Holocaust Remembrance Alliance Sandro De Bernardin, porteranno il loro contributo lo storico ed editorialista Ernesto Galli Della Loggia, l’“Hate Crime Officer” dell’OSCE Ales Giao Hanek, il segretario generale dell’associazione marocchina “Mimouna” Sarah Benomar, l’assessore UCEI alla cultura e alla Memoria della Shoah Victor Magiar. La tavola rotonda potrà essere seguita in diretta sul sito del Governo, dove sarà sempre disponibile nella sezione audiovisivi.

MOSTRA “I giovani ricordano la Shoah”
Firenze - 9 dicembre 2015

Nella Mostra, la cui ultima sede espositiva è stata inaugurata a Firenze lo scorso 9 dicembre 2015, sono esposti gli elaborati selezionati tra quelli proposti dagli studenti nell'ambito del Concorso Nazionale “I giovani ricordano la Shoah”. Il Concorso è bandito annualmente dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.  Anche quest’anno la partecipazione delle scuole è stata altissima e di qualità, a dimostrazione dell’interesse crescente per il tema e del forte impegno dei docenti nella preparazione degli allievi. 

PROGETTO “Memorie d'inciampo a Roma”
Roma - 11 gennaio 2016

L’11 gennaio 2016 l’artista Gunter Demnig, ideatore del progetto, ha installato 24 stolperstein (pietre d’inciampo) nei marciapiedi prospicienti le abitazioni di deportati razziali e politici del I, II e XIII Municipio di Roma. Sommate a quelle delle sei edizioni precedenti, le pietre hanno raggiunto il numero di 235. Il progetto, a cura di Adachiara Zevi, si è avvalso della collaborazione di un Comitato scientifico.

MOSTRA “1938-1945”. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia”
Catania, Palazzo della cultura - 25 gennaio 2016, ore 15.30

La Mostra rappresenta, ormai da diversi anni, l’evento programmato nell’ambito del Comitato di Coordinamento per le celebrazioni in ricordo della Shoah con cui il Ministero dell’Interno, in collaborazione con una Prefettura, partecipa alle celebrazioni del “Giorno della memoria” del 27 gennaio. Nell’intendimento di portare l’evento espositivo nel Sud Italia, quest’anno la mostra viene allestita a Catania nei locali del Palazzo della Cultura messi a disposizione dal Comune. 

La mostra - di carattere divulgativo rivolto ad alimentare la sensibilità dei giovani - è stata organizzata d’intesa tra la Prefettura di Catania, il Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano (CDEC) la Comunità ebraica, il Comune di Catania, l'Archivio di Stato e la Soprintendenza Archivistica,  l’Università di Catania ed ha visto la partecipazione di professori cultori della materia. L’esposizione si compone di 38 pannelli, realizzati dal CDEC, raffiguranti gli eventi nazionali della Shoah, e  di diversi documenti originali rappresentativi della realtà catanese, selezionati tra le varie testimonianze conservate negli archivi, pubblici e privati, locali. A ciò si aggiungono altri pannelli che raccontano alcune “storie nella storia” riferite a quanto accaduto nei territori delle province di Ragusa e Siracusa. Il materiale esposto illustra in modo significativo la progressione della persecuzione degli ebrei d’Italia, iniziata con l’emanazione nel 1938 delle leggi antiebraiche e proseguita dal settembre 1943 all’aprile 1945 con la deportazione di migliaia di persone nei campi di sterminio. 
L’inaugurazione della mostra è programmata per il pomeriggio del 25 gennaio p.v. e sarà preceduta, nella mattinata, da un seminario di formazione rivolto agli insegnanti.

DOCUMENTARIO “Salvate tutti”
Roma, Sala degli Atti Parlamentari  - 26 gennaio 2016, ore 9.00

L’iniziativa si terrà il 26 gennaio a Roma presso la sala degli Atti Parlamentari del Senato (Piazza della Minerva 38).

Il documentario, che fa parte della serie “La Shoah dei bambini” in uscita per le Edizioni del quotidiano “la Repubblica” proprio in occasione del 27 gennaio 2016, racconta la storia di 73 ragazzi ebrei in fuga attraverso l’Europa sconvolta dalla guerra e ospitati dall’estate del 1942 all’autunno del 1943 a Nonantola, in provincia di Modena. Accolti e soccorsi dalla popolazione locale, conoscono a Villa Emma una parentesi di quiete. 
Dopo l’8 settembre, per sfuggire alla cattura e alla deportazione, riescono, nonostante i pericoli e grazie all’aiuto dei nonantolani, a raggiungere la Svizzera. La vicenda sarà raccontata dalla voce di storici e testimoni, oltre che dalla forza delle immagini.

MOSTRA su Anna Frank
Roma, Casina dei Vallati - 27 gennaio 2016, ore 16.00

La mostra sarà inaugurata il 27 gennaio pomeriggio a Roma, presso la Casina dei Vallati (nuova sede della Fondazione Museo della Shoah) e proseguirà per due settimane. La mostra illustra il tema della persecuzione degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale ripercorrendo la biografia di Anne Frank, con il supporto di fotografie, in gran parte inedite, immagini e citazioni delle pagine del suo diario.  Il percorso ha un andamento cronologico: la prima parte copre l’intero arco di vita di Anne, dal 1929 al 1945, mentre gli ultimi pannelli si riferiscono al ritorno dell’unico superstite della famiglia Frank, Otto, alla vicenda del Diario di Anne, fino ad un accenno alle più recenti violazioni dei diritti umani nel mondo.
Più nello specifico la mostra risulta suddivisa in 5 periodi ordinati cronologicamente che consentono l’approfondimento di altrettante tematiche:
1929-1933: i primi quattro anni di vita di Anne, l’ascesa del Partito
Nazionalsocialista in Germania. (Temi: il nazionalismo e la ricerca del capro espiatorio).
1933-1939: la fuga in Olanda della famiglia Frank. L’espulsione degli ebrei dalla Germania e la loro persecuzione. (Tema: la “pulizia etnica”).
1939-1942: l’inizio della persecuzione degli ebrei. (Tema: il coraggio civile).
1942-1945: il periodo di clandestinità dei Frank nell’alloggio segreto, il diario di Anne e la deportazione. (Tema: la Shoah).
Dal 1945 a oggi: le reazioni alla pubblicazione del diario e la società del dopoguerra. (Temi: i diritti umani e le responsabilità individuali nel mantenimento della democrazia).

CONCERTO “Toscanini: il potere della musica”
Roma, Auditorium Parco della Musica - 27 gennaio 2016, ore 20.30

Il concerto si terrà alle 20.30 del 27 gennaio a Roma, all’Auditorium Parco della Musica e sarà eseguito dalla Filarmonica Arturo Toscanini diretta dal maestro israeliano Yoel Levi. L’evento intende replicare, a ottant'anni di distanza, il concerto diretto da Toscanini nel 1936 a Tel Aviv ed eseguito dalla neonata Palestine Orchestra, formata da musicisti ebrei che - proprio grazie a questa iniziativa - erano riusciti ad ottenere il visto per la Palestina e, quindi, a sfuggire ai campi di sterminio. Durante la serata saranno proiettate immagini di Toscanini con Huberman, con Einstein e pezzi filmati originali del concerto tenutosi nel 1936.

CONCERTO “Dalla Shoah al ritorno alla vita. Parole, musiche e silenzi”
Milano, Sala Verdi del Conservatorio G. Verdi  - 27 gennaio 2016, ore 20.00

Il concerto si terrà a Milano il 27 gennaio alle ore 20.00 ed è organizzato dall’Associazione Figli della Shoah, dalla Comunità Ebraica di Milano, dal Conservatorio G. Verdi di Milano, dalla Fondazione CDEC, dalla Fondazione Memoriale della Shoah. Il programma comprende esecuzioni musicali, proiezione di filmati, letture di testimonianze sulla persecuzione degli ebrei e sulla ripresa di attività dopo la Liberazione. Verrà ricordato in particolare il maestro Vittore Veneziani, direttore del coro della Scala, espulso nel 1938 e reintegrato nel 1945. Intervengono: Ferruccio de Bortoli, Presidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano; Alessandro Melchiorre, Direttore del Conservatorio di Milano; Rav Alfonso Arbib, Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Milano.

CERIMONIA d'inaugurazione  del nuovo master di III livello in didattica della Shoah
Roma,  Sala polifunzionale  della Presidenza del Consiglio dei Ministri - 28 gennaio 2016, ore 10.00

La cerimonia d’inaugurazione del nuovo Master di III livello in didattica della Shoah dell’Università degli Studi “Roma Tre” si terrà la mattina del 28 gennaio  presso la Sala polifunzionale della PCM (Via Santa Maria in Via, 37).
Il tema scelto per quest'anno è "L'ombra della Shoah nel Vicino Oriente e nell'Africa Settentrionale nel corso della Seconda guerra mondiale".  Parteciperanno il Presidente emerito Camera dei deputati (Luciano Violante), il Rettore Università Roma Tre (Mario Panizza),il Sottosegretario all’Istruzione (Angela D’Onghia), il Presidente Ucei (Renzo Gattegna) e il Ministro consigliere ambasciata d'Israele (Rafael Erdreich). Sono previste le relazioni del prof. Giacomo Marramao e del Prof. David Meghnagi (direttore del Master).

SPETTACOLO DI DANZA “Ghetto”
Roma, Teatro Eliseo - 7 febbraio 2016, ore 21.00

Lo spettacolo di danza “Ghetto”, premiato con uno dei più importanti riconoscimenti per le Performing Arts dalla European Association for Jewish Culture a Londra, oggi viene riproposto in occasione del Giorno della Memoria, nell’anno in cui si celebra il cinquecentesimo anniversario del Ghetto di Venezia, il più antico d’Europa. Lo spettacolo vuole dare una lettura del “ghetto” interpretata dai danzatori, come espressione dell'energia fisica e mentale e intende evocare l'atmosfera culturale, psicologica ed umana delle genti zingare, ebree, nere e definite in qualche modo diverse. Lo spettacolo, ideato e realizzato dal Maestro Mario Piazza, è promosso dalla Comunità Ebraica di Roma – Assessorato alla Cultura, è patrocinato e sostenuto dalla Fondazione Museo della Shoah, con la collaborazione del Teatro Eliseo di Roma e dell’Accademia Nazionale di Danza.

Pubblicato il: 19 Gennaio 2016